Dettagli Recensione

 
Dora Bruder
 
Dora Bruder 2016-02-03 15:21:29 lapis
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
lapis Opinione inserita da lapis    03 Febbraio, 2016
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Da ieri a oggi

“Da ieri a oggi” è il titolo della rubrica di “Paris-Soir” su cui Modiano legge casualmente l’annuncio, datato 1941, della scomparsa di Dora Bruder, ragazzina ebrea di quindici anni fuggita dal grigio collegio dove si nascondeva per ritagliarsi uno spazio di libertà. Cosa cercava? Che sentimenti aveva nel cuore? Quali speranze? Questi interrogativi di ieri diventano l’ossessione dello scrittore di oggi.

Modiano cammina. Lungo le strade di Parigi, elencando instancabilmente vie, numeri di telefono, esercizi commerciali. Parigi è la sua città ma ora è anche la città di Dora e in quelle strade ne cerca le tracce: il cinema dove può aver visto “Primo appuntamento” sognando l’evasione, la stazione dove può aver respirato un profumo di libertà, il cellulare che forse l’ha condotta a un tragico e insensato destino.

Modiano ricerca. Annota meticolosamente stralci di documenti ufficiali, rapporti di polizia, registri, per trovare i segni di Dora. Quei documenti in verità non ci raccontano molto di questa ragazzina in fuga, ma riportano alla luce l’atmosfera di quella Parigi, divisa tra occupazione e collaborazionismo, e ridanno voce ad altri nomi e altre sofferenze: Josette priva di ricordi felici, Ida che lancia la sua ultima lettera dal treno, Jean Jausion tradito dal proprio stesso padre per aver desiderato sposare una ragazza ebrea.

Modiano emoziona. Disorienta perché non ci offre una storia che scorre sui prevedibili binari della narrazione, ma ci regala frammenti di ricordi, pensieri e soprattutto emozioni. Non scoprirà mai cosa cercasse Dora e quali speranze avesse nel cuore in quei giorni di fuga, ma questa ragazza ribelle, che ha lottato per regalarsi un segreto di libertà, diventa un pezzo di storia. Che Modiano non spiega e non racconta, ma di cui fa rivivere tutte le emozioni, che ci tolgono il respiro con la loro forza. Perché questa non è una storia, è la storia.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
190
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

2 risultati - visualizzati 1 - 2
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Ciao.
Bel commento!
Condivido la tua valutazione. Anche a me il libro è piaciuto molto. Lo stile di Modiano, mai invadente, elegante e sobrio, incanta sempre.
In risposta ad un precedente commento
lapis
04 Febbraio, 2016
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao Emilio, grazie mille per il commento.
Hai usato proprio la parola perfetta: incanta. :)
2 risultati - visualizzati 1 - 2

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La casa delle luci
Valutazione Utenti
 
2.5 (1)
Bournville
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il ragazzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Brave ragazze, cattivo sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Angélique
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in tasca
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tasmania
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il lungo addio
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un cuore nero inchiostro
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Oblio e perdono
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Respira
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una piccola pace
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Una buona madre
Finché non aprirai quel libro
Bournville
Due settimane in settembre
La fornace
Il libro delle luci
Il peso
Notte di battaglia
La vita prima dell'uomo
Le strane storie di Fukiage
Mao II
Sipario, l'ultima avventura di Poirot
Il sale dell'oblio
La casa dell'oppio
Un circolo vizioso
Un'altra donna