Dettagli Recensione

 
Ho sposato un comunista
 
Ho sposato un comunista 2016-08-25 10:15:20 AsiaD
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
AsiaD Opinione inserita da AsiaD    25 Agosto, 2016
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

ALLA RICERCA DEL NEMICO

Ho scoperto Philip Roth in ritardo ma me ne sono innamorata, quindi sicuramente il mio è un giudizio imparziale, ma nella lettura è giusto così. Dopo essermi persa all’interno di quel capolavoro che è Pastorale Americana, anche in “Ho sposato un comunista” ho trovato l’impeccabile capacità di Roth di descrivere con profonda accuratezza le contraddizioni dell’animo umano e far tutto confluire alla fine in un puzzle perfetto. Un romanzo che ho trovato pieno di contraddizioni come giustamente ogni essere umano è..la coerenza è effettivamente una caratteristica sopravvalutata. Ognuno di noi è pieno di IO diversi che stranamente riescono a convivere più o meno amabilmente; rimaniamo incoerenti solo agli occhi degli altri. Il nostro Iron o Ira è un comunista convinto che però viene sedotto dal mondo borghese sposandone una perfetta esemplare. Da un lato, viene accusato di incoerenza per questo, ma dall’altro beffeggiato per il troppo idealismo che lo porta verso rapporti e relazioni estremizzate a tal punto che sfociano a volte in attacchi verbali e non, violenti e incomprensibili. Un’intransigenza che prima attira il giovane Nathan , ma che nel corso degli anni lo allontana per la stessa ragione di essere “fondamentalista” che Ira è in tutti i suoi rapporti. E poi da contorno c’è la contraddizione di un’America uscita dalla seconda guerra mondiale con un unico nemico il COMUNISMO. E’ un ritratto di un’America superficiale e gretta rappresentata da personaggi alla Trump, quanto di più attuale, che gioca sulla demagogia e sulla costruzione di un nemico attirando consensi , un’America di notizie studiate a tavolino , di una “macchina del fango” riprendendo il ns Saviano che vive di apparenza. Memorabile la frase “..fu un libro a fare il colpo. In un paese dove i libri non avevano cambiato un accidente dal giorno della pubblicazione della Capanna dello zio Tom” Esilarante!
Ma nel contempo, leggendo di Ira dalla bocca del fratello Murray si sottende ad una critica allo stesso partito Comunista e suoi affiliati clandestini nell’America degli anni ’50,accusati di imbastire politiche di reclutamento sul territorio riempendo le teste di discorsi costruiti.. “ciarpame ideologico che gli avrebbe dato ..un contenuto comunista..” Ira alla fine esce fuori come un personaggio negativo che ha provato tutta la vita a cercare una strada e la politica in realtà ha rappresentato per lui uno dei vari tentativi di trovarla.
Un libro pieno, ogni pagina ,ogni riga ha un valore, niente può essere saltato o sottovalutato; va letto con attenzione altrimenti si rischia di perdersi nelle moltissime elucubrazioni politiche e ideologiche di cui è pieno.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Pastorale Americana
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Del nostro meglio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La vita intima
Valutazione Utenti
 
2.5 (2)
La libreria dei gatti neri
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Caminito. Un aprile del commissario Ricciardi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un giorno come un altro
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Bell'abissina
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quel tipo di ragazza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Schiava della libertà
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ombre
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
I ragazzi di Biloxi
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
La vendetta del ragno
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Piccole cose da nulla
Valutazione Utenti
 
3.5 (3)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Essere lupo
Certi sconfinamenti
Una buona madre
Se vado via
Ultima chiamata per Charlie Barnes
Finché non aprirai quel libro
Piccole cose da nulla
La stella del mattino
Bournville
Due settimane in settembre
La fornace
Il libro delle luci
Il peso
Notte di battaglia
La vita prima dell'uomo
Le strane storie di Fukiage