Dettagli Recensione

 
Il gioco dell'angelo
 
Il gioco dell'angelo 2016-11-05 07:04:30 Kryssa
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Kryssa Opinione inserita da Kryssa    05 Novembre, 2016
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La maledizione dello scrittore

A me non è piaciuto, l'ho trovato troppo lento e monotono, privo di spicchi che ti dicano "Leggimi". Anche le novità sono aggiunte in un modo così piatto che è come se non ci fossero. Mi sono annoiata tantissimo e l'ho letto a pezzetti, a volte lasciando interi mesi tra un tentativo e l'altro. Le ultime 200 pagine le ho lette di fila per sapere che cavolo di finale avrebbe messo, come avrebbe tirato tutte le fila. Quindi per mera curiosità.
Il finale è stato poco approfondito, ti fa fare tutto un viaggio ma alla fine non si capisce dove si è arrivati. Il finale aperto lascia fin troppo intendere alla possibilità di un seguito, cioè spero che nel seguito spieghi un bel po' di cose perché questa conclusione è veramente triste. Troppi dilemmi che rimangono irrisolti. Questo è un finale che mi aspetto da racconti e non da un romanzo di più di 400 pagine in cui aveva tutta la possibilità di spiegare chi e cosa fossero questi personaggi. Ha messo nel calderone fin troppi elementi che alla fine rimangono lì. Mi sono sentita presa in giro per tutto il libro che ho trovato inconcludente. Peccato per lo stile interessante e l'intreccio che poteva essere sviluppato meglio.
Detto questo, ho continuato la lettura per l'atmosfera un po' noir, per queste anime oscure e tormentate. Ho apprezzato tantissimo Isabella, il sole di questa storia, l'unica portatrice di speranza e voglia di miglioramenti. David e Corelli hanno fatto dei bei discorsi sulla religione, peccato però che portino inizino dalla dannazione del protagonista. Sarebbe interessante cercare interventi dell'autore in tema religioso, per sapere cosa ne pensa, se vede tutto così nero come traspare dal libro. Molto interessante è anche la vicenda di scrittore di Martin, la crescita professionale dai racconti alla serie di romanzi, alla voglia di indipendenza rispetto ad una trama che ormai non sentiva più. Il doversi "vendere" per vendere ed essere letti. L'unico romanzo che porti davvero il suo nome è quello che ha fatto la fine peggiore... Non è una professione per niente facile quella dello scrivere, e no!
Penso che sarebbero gli unici passaggi che salverei e che forse danno un po' di sostanza al libro, il punto focale, almeno per me. Per il resto, Zafon usa più o meno sempre lo stesso schema. Ho letto 4 suoi libri e mi sembrano praticamente identici di trama e svolgimento. Ciò tende ad aumentare la fatica della lettura, non ci sono molte novità.

Complessivamente gli do un 6,5/10.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
I giorni di Vetro
Valutazione Utenti
 
4.9 (2)
Ti ricordi Mattie Lantry
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Un animale selvaggio
Valutazione Utenti
 
3.1 (4)
Ambos mundos
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Ci vediamo in agosto
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il mantello dell'invisibilità
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'orizzonte della notte
Valutazione Utenti
 
4.2 (5)

Altri contenuti interessanti su QLibri

L'anno che bruciammo i fantasmi
T
Il mondo invisibile
Moriremo tutti, ma non oggi
L'estate in cui mia madre ebbe gli occhi verdi
Una primavera troppo lunga
Il bambino e il cane
Il mantello dell'invisibilità
Lunedì ci ameranno
Se solo tu mi toccassi il cuore
La salita verso casa
La mia Ingeborg
Lucy davanti al mare
Day
Ci vediamo in agosto
Il segreto della libraia di Parigi