Dettagli Recensione

 
L'Avversario
 
L'Avversario 2017-02-20 16:46:20 ilaria.todisco
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
ilaria.todisco Opinione inserita da ilaria.todisco    20 Febbraio, 2017
  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'AVVERSARIO ALBERGA DENTRO DI NOI

***ATTENZIONE SPOILER***
L'avversario", scritto da Emmanuel carrère e pubblicato da Adelphi edizioni nel 2013 è stato il mio primo approccio con questo autore di cui non conoscevo assolutamente nulla e che è giunto a me casualmente grazie alla raccolta "Duemila" di Repubblica & l'Espresso.
Nel 1993 Jean Claude Romand, stimato medico e ricercatore dell' OMS a Ginevra ,uccide sua moglie e i suoi due figli, dà fuoco alla loro casa cercando invano di suicidarsi. Balzerá subito agli occhi degli inquirenti la sua colpevolezza e ben presto verrà fuori che ha ucciso anche i suoi genitori. Da un accadimento cosí tragico si scoprirà ben presto che Jean Claude per 18 anni si è costruito una vita fittizia: ha fatto credere a tutti di aver studiato Medicina, di esser diventato un ottimo medico, così bravo da essere uno stimato ricercatore a Ginevra, ha finto per anni di guadagnare cifre altissime e di essere amico di altrettanti medici e ricercatori che non sapevano nemmeno della sua esistenza. In realtà passa le sue giornate in un parcheggio, leggendo giornali, scrivendo, sonnecchiando e aspettando di tornare a casa per continuare la sua recita. Vive nell'agiatezza grazie ai soldi spillati a parenti ed amici raggirati in mille modi diversi. Quando poi la paura di esser scoperto prende il sopravvento, preferisce annientare in modo barbaro tutti i suoi cari piuttosto che tirar fuori tutta la verità e vedere la delusione nei loro occhi.
Carrère in questo breve ma intenso romanzo ripercorre tutta la vita di Jean Claude fino al tragico epilogo che l'ha visto condannato all'ergastolo, riuscendoci a trasmettere chiaramente il senso di panico vissuto dal protagonista quotidianamente, il senso di smarrimento della sua stessa persona e l'essersi volutamente trovato in una situazione troppo più grande per un uomo così piccolo. Questo libro è un vero e proprio viaggio nel vuoto, a tratti nemmeno l'autore riesce a spiegarsi il perchè di certi gesti; un viaggio che ci porta a metterci in discussione e a capire che molto spesso il nostro avversario alberga dentro di noi.
Consigliato vivamente.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
I giorni di Vetro
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Ti ricordi Mattie Lantry
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Un animale selvaggio
Valutazione Utenti
 
3.1 (4)
Ambos mundos
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Ci vediamo in agosto
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il mantello dell'invisibilità
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'orizzonte della notte
Valutazione Utenti
 
4.2 (5)
Chi dice e chi tace
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

L'anno che bruciammo i fantasmi
T
L'estate in cui mia madre ebbe gli occhi verdi
Il bambino e il cane
Il mantello dell'invisibilità
Lunedì ci ameranno
Se solo tu mi toccassi il cuore
La salita verso casa
La mia Ingeborg
Lucy davanti al mare
Day
Ci vediamo in agosto
Il segreto della libraia di Parigi
Il club del pranzo della domenica
Il club delle fate dei libri
Il filo della tua storia