Dettagli Recensione

 
Il settimo giorno
 
Il settimo giorno 2019-02-24 17:21:12 Clangi89
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Clangi89 Opinione inserita da Clangi89    24 Febbraio, 2019
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'aldilà, le verità e le ricerche

L'altro mondo in che senso? La terra di chi non ha sepoltura, la terra rigogliosa di alberi dalle fronde che vibrano come battiti immersi in praterie, foreste di bambù ed un fiume limpido a farne da cornice.
Un mondo in cui si percepiscono sorrisi, lacrime che non esistono ma che toccano le anime in un contesto nel quale non ci sono differenze sociali, non ci sono odi, rancori e disumanità, non può che essere il regno dei defunti. Eppure tutto ciò appartiene alla terra di chi non ha sepoltura perché non non possiede una tomba nell'aldiqua.
Yang Fei ha poco più di 40 anni quando a causa di un'esplosione nella locanda in cui si trova, lascia questo mondo, dice addio alla Cina dei vivi. Nei 7 giorni successivi ci guida tra scheletri, ricordi, rancori, gioie e soprattutto sofferenze della vita che ha da poco abbandonato. Molte le vite che si intrecciano e si ritrovano nella terra di chi non possiede la tomba per riposare "in pace". Riposare in pace o vivere in eterno in questa landa rigogliosa è anche il dubbio che sorge tra gli scheletri.
Yang Fei vaga per 7 giorni alla ricerca di un uomo vestito con la divisa da ferroviere, nuova di zecca, zelante nel lavoro e dotato di un profondo senso di amore perché il legame padre/figlio non ha abbandonato le anime che restano dopo la vita. Un sentimento che merita essere scoperto fino al fondo del racconto.
La scrittura lineare, calorosa e molto evocativa di Yu Hua avvolge e accompagna il lettore ma la penna dell'autore non ci vuole parlare solo dell'aldila, bensì della Cina di oggi, delle incongruenze, scandali, mezze verità e del decadimento di principi e sentimenti. Il mondo dei vivi che ha perso l'umanità, che ha distrutto paesaggi e cuori e persone. I racconti infatti si intrecciano con molta sapienza ed in modo chirurgico toccano la cronaca, l'attualità e la denuncia. Un mondo di vivi che ha smarrito il senso di umanità, dell'aiuto reciproco. Persone sempre di corsa che non si ascoltano in cui tuttavia germogliano vite, piccole esperienze che lasciano le dovute speranze.
"niente parole, niente gesti, solo uno scambio di sorrisi muti. Sediamo in silenzio senza altro scopo se non avvertire che non siamo soli. Siamo insieme"

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
I giorni di Vetro
Valutazione Utenti
 
4.9 (2)
Ti ricordi Mattie Lantry
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Un animale selvaggio
Valutazione Utenti
 
3.1 (4)
Ambos mundos
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Dalla parte del ragno
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Ci vediamo in agosto
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Mattino e sera
L'anno che bruciammo i fantasmi
T
Il mondo invisibile
Moriremo tutti, ma non oggi
L'estate in cui mia madre ebbe gli occhi verdi
Una primavera troppo lunga
La vedova
Il bambino e il cane
Il mantello dell'invisibilità
Lunedì ci ameranno
Se solo tu mi toccassi il cuore
La salita verso casa
La mia Ingeborg
Lucy davanti al mare
Day

Copyright 2007-2024 © QNetwork - Tutti i diritti sono riservati
P. IVA IT04121710232