Dettagli Recensione

 
Casa di giorno, casa di notte
 
Casa di giorno, casa di notte 2022-09-20 20:46:03 Mian88
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    20 Settembre, 2022
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Nowa Ruda

Classe 1962 è Olga Tokarczuk, polacca, nota al pubblico italiano per molte opere tra le quali “Dio, il tempo, gli uomini e gli angeli” si propone ai lettori con un libro che ripercorre la Storia e le storie. “Casa di giorno, casa di notte” esce per la prima volta in patria nel 1989 vincendo il premio letterario polacco NIKE e focalizza su Nowa Ruda, città polacca dove la narratrice si trasferisce insieme al marito. Siamo nella Polonia occidentale e la situazione che si prospetta innanzi ai nostri occhi è estremamente complessa. Siamo in una fase storica che risente del passato, la guerra non è solo un ricordo e qui gli abitanti sono guardati a vista dalle guardie di frontiera ceche. Non solo. È il confine a destare sconvolgimento. Da un lato vi è il mondo polacco, dall’altro la frontiera con quella musica e quelle discoteche che varcano ogni distanziamento e limite geografico. Due realtà diverse che sembrano inconciliabili, quasi rette parallele. La situazione politica stessa risente di quel che è stato. Ci troviamo davanti ad anime che hanno dovuto lasciare la zona orientale della Polonia e in particolare i territori della Lituania ma anche Bielorussia, che sono passati all’Unione Sovietica, e che si trovano ora a ovest dove hanno occupato le case abbandonate dai nazisti in fuga dopo la Seconda guerra mondiale. Ma il passato non è mai solo passato. Quel che apparteneva ai tedeschi esiste ancora, è seppellito forse sotto le foglie o le radici nei boschi, ma esiste ancora. È storia, storia che vuol tornare a galla e che vuol parlare di sé anche per mezzo della forma del ricordo che nel suo essere è anche estremamente doloroso. È con l’aiuto di Marta, enigmatica, non più giovanissima, controversa vicina, che queste storie vengono raccolte sino a ricostruire la storia di Nowa Ruda sin dalla sua fondazione. Pian piano tornano alla luce racconti eterogenei che si intrecciano con racconti agiografici, aneddoti eclettici anche volontariamente non cronologicamente ordinati, personaggi con storie variopinte che vengono descritti in modo da ricreare una cartina tornasole del posto. Tra i tanti Marek, ubriacone convinto di avere un uccellaccio nero imprigionato nel corpo, o ancora Franz Frost che pensa di essere colpito dalle influenze celesti maligne e che per questo costruisce un copricapo in legno, sono solo alcune delle tante verità che ricostruiscono questo puzzle fatto di vite, quartieri, oggetti, tra loro interconnessi seppur apparentemente sconnessi. Tra aneddoti, realtà, passato, presente e Storia che si ricompone.

«L'unica cosa che posso dire di me stessa è che mi lascio vivere, scorro attraverso un luogo nello spazio e nel tempo e sono la somma delle proprietà di questo luogo e di questo tempo, niente di più.»

Al tutto si somma uno stile semplice, fluido, rapido che ben si confà a quelli che sono i personaggi ma anche le vicende narrate con autentica e semplice genuinità. L’opera conquista anche per il suo riuscire a trattenere e coinvolgere il lettore in un filo conduttore principale anche se, nel concreto, si è davanti a una lettura frammentaria, non convenzionale, che si ricompone un poco alla volta.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

3 risultati - visualizzati 1 - 3
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Maria, non ho mai letto la premiatissima autrice ma ne sono assai interessato. La tua recensione è bella e utile. Mi sorprendono le non molte stellette attribuite allo stile.
In risposta ad un precedente commento
Mian88
23 Settembre, 2022
Segnala questo commento ad un moderatore
Ciao Emilio, non me la sono sentita di dare un voto più alto allo stile perché anche se fluido e rapido l'ho trovato davvero troppo semplice. Non curato come mi aspettavo ma nemmeno come in altre opere di autrici contemporanee che con la loro prosa riescono a cogliere anche l'aspetto proprio stilistico. Ultimamente lo stile è una delle cose che mi frena di più e che più incide sul mio giudizio. Non ti dico quanti libri ho "bocciato" per questo e per storie che non ho trovato adeguatamente sviluppate o scontate o copie mal riuscite di altri o ancora e ancora. Non sono riusciti a convincermi. Ultimamente è una cosa che mi capita sempre più spesso, purtroppo.
Avendo poi letto altre opere della scrittrice ho risentito di una differenza di penna. In altre l'ho trovata anche più matura seppur in questo caso la storia mi sia piaciuta nella sua essenza.
Grazie come sempre di avermi letta.:-)
In risposta ad un precedente commento
Emilio Berra  TO
24 Settembre, 2022
Segnala questo commento ad un moderatore
Grazie a te, Maria, per la generosa risposta.
Anche per me la scrittura, lo stile, rappresentano un elemento importantissimo, in letteratura; direi essenziale.
3 risultati - visualizzati 1 - 3

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Quel tipo di ragazza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La casa delle luci
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Non aprite quella morta
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Bournville
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il ragazzo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Brave ragazze, cattivo sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Angélique
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in tasca
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tasmania
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il lungo addio
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un cuore nero inchiostro
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Oblio e perdono
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Una buona madre
Finché non aprirai quel libro
Bournville
Due settimane in settembre
La fornace
Il libro delle luci
Il peso
Notte di battaglia
La vita prima dell'uomo
Le strane storie di Fukiage
Mao II
Sipario, l'ultima avventura di Poirot
Il sale dell'oblio
La casa dell'oppio
Un circolo vizioso
Un'altra donna