Dettagli Recensione

 
Il cacciatore di aquiloni
 
Il cacciatore di aquiloni 2009-11-23 17:30:16 Milena
Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
Opinione inserita da Milena    23 Novembre, 2009

Pubblicità ingannevole?

Amir, un pusillanime di ricca famiglia scappa con suo padre negli Stati uniti quando l’Afghanistan viene occupato dall’esercito russo, nel 1981.

Dopo vent’anni viene rintracciato da un vecchio amico di famiglia che gli chiede di ritornare in Afghanistan per salvare il figlio di Hassan, il suo ex servetto, che è rimasto solo al mondo. Amir torna e scopre nell’ordine che:

- Hassan è in realtà il suo fratellastro

- Suo padre non era l’esempio di moralità che Amir aveva sempre pensato

- La madre di Hassan era tornata da suo figlio dopo averlo abbandonato alla nascita (a volte ritornano), vivendo con lui fino alla morte

- Il Talebano che ha rapito il figlio di Hassan è l’ex bulletto di quartiere che terrorizzava i bambini quando Amir e Hassan erano piccoli.

Dopo mille peripezie, e dopo aver confermato di essere un pusillanime, Amir riesce a portare il figlio di Hassan negli Stati Uniti.



Una serie allucinante di coincidenze e intrecci da soap opera. Sembra che Kabul sia un borgo di una decina di famiglie, dove la prima cosa che ti puoi aspettare è di imbatterti nelle stesse persone, all’infinito. Ma mentre per le soap opera questo è giustificato da esigenze di budget, fidelizzazione del pubblico, e, obiettivamente, dalla pochezza della storia, in un libro che senso ha? L’autore ha voluto risparmiare sulla fantasia?

Sullo sfondo di una trama da feuilleton appena meno romantico, la storia di Kabul e dell’Afghanistan, con le occupazioni e le guerre. Ma proprio sullo sfondo. Così sullo sfondo che il libro non aggiunge niente all’eco lontana della cronaca che i nostri mezzi d’informazione riportano da quella terra.

Un libro che ammicca smodatamente ai gusti del pubblico occidentale (americano nella fattispecie), ma che non va in profondità nella cultura afghana. Si limita a creare empatia coi singoli personaggi, col solo risultato che il lettore prende coscienza del fatto che in Afghanistan ci vivono anche persone normali, oltre a Bin Laden e montagne deserte da bombardare.

Francamente un po’ poco.

Unica nota positiva: lettura scorrevole

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Consigliato a chi ha letto...
qualsiasi libro di Maria Venturi
Trovi utile questa opinione? 
49
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

3 risultati - visualizzati 1 - 3
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.


17 Agosto, 2010
Segnala questo commento ad un moderatore
Ottima recensione senza dubbi, ma potevi evitare di raccontarcelo per filo e per segno.
In risposta ad un precedente commento
silvia71
17 Agosto, 2010
Segnala questo commento ad un moderatore
Ecco la tipica recensione che ti fa desistere dal leggere un libro!
Ma santo cielo, perchè sviscerare così tanto la trama?
silvia t
02 Giugno, 2011
Ultimo aggiornamento:
02 Giugno, 2011
Segnala questo commento ad un moderatore
Proprio come il film allora!
Non ho letto il libro perchè dalle poche righe lette non ho adorato lo stile, poi sono andata a vedere il film e ho avuto proprio la sensazione che tu descrivi...
3 risultati - visualizzati 1 - 3

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'orizzonte della notte
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Five survive
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Compleanno di sangue
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La prigione
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Day
Day
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Morte nel chiostro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Pesci piccoli
Valutazione Utenti
 
4.1 (4)
Cause innaturali
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Tutti i particolari in cronaca
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
Dare la vita
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'età fragile
Valutazione Utenti
 
3.2 (3)
Il rumore delle cose nuove
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Day
Ci vediamo in agosto
Il segreto della libraia di Parigi
Il club del pranzo della domenica
Il club delle fate dei libri
Il filo della tua storia
Un oceano senza sponde
L'ora di greco
Gli altri
Baumgartner
I lupi nel bosco dell'eterno
L'isola nello spazio
La stagione della migrazione a nord
Fino alla fine
L'ultima cosa bella sulla faccia della terra
Lezioni di chimica