Bilico Bilico

Bilico

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Tre sono le vittime, finora. L'assassino è stato grottescamente soprannominato "il Seviziatore". È meticoloso, paziente, imprevedibile. Uccide in modo atroce le sue vittime e compone la scena del delitto come un vero teatro dell'orrore. La donna che gli dà la caccia si chiama Giuditta Licari. Da anni la polizia si rivolge per "consulenza" a questa strana dottoressa, anatomopatologa e psichiatra, pragmatica, solida e inquietante nel suo totale distacco di fronte a ogni genere di crudeltà, in grado di vedere oltre il sangue, oltre i cadaveri e guardare il mondo con gli stessi occhi dell'assassino. L'indagine sul Seviziatore la mette di fronte a qualcosa che raramente ha provato nella sua vita: il dubbio.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
3.9
Stile 
 
4.0  (3)
Contenuto 
 
3.7  (3)
Piacevolezza 
 
4.0  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Bilico 2013-03-28 17:10:04 marib
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
marib Opinione inserita da marib    28 Marzo, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

In bilico

Questo non è un giallo, ne un thriller di tipo ordinario; come già detto da altri, a metà si scopre l'assassino per cui non ci sono colpi di scena di tipo classico. E' un libro però che appassiona ugualmente perchè è un ritratto nudo e crudo della meschinità e crudeltà umana. Infatti la vera protagonista di questa storia è la grettezza d'animo che comprende tutti i personaggi. Qui non ci sono buoni ne cattivi, se si esclude l'agnello sacrificale; è come la vita: niente bianco o nero ma tanto grigio.
E' un libro comunque ben scritto, con uno stile fluido e chiaro, che appassiona nonostante tutto sia svelato. Sinceramente lascia l'amaro in bocca, per i temi che tratta, non certo per il contenuto che è originale e avvincente.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
Bilico 2011-12-28 18:16:04 Olmo
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Olmo Opinione inserita da Olmo    28 Dicembre, 2011
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Chi sono i buoni?

Se mi dicessero: "ti piacerebbe leggere un libro giallo dove a metà del libro sai già chi è l'assassino?" risponderei "Ma stai scherzando, vero?". Invece no. In questo caso la metà del libro segna una svolta, uno stravolgimento delle certezze, un ribaltamento dei canoni che lascia spiazzati, ma che ti fa apprezzare ancora di più quello che segue.
Giuditta è un medico legale, tra CSI e Quincy, a cui sono affidati i casi del cosiddetto "seviziatore", e la seguiamo attraverso le prime indagini fino a quando a metà libro il killer ha un nome ed un volto. E, come dicevo, questo è l'inizio dell'incubo per Giuditta e gli altri protagonisti, un incubo reale fatto di false prove, depistaggi, infatuazioni e storie d'amore con personaggi che non esistono (almeno ufficialmente), incubo che fa reggere la tensione al romanzo fino alle ultime battute, con l'ultima parola a ribaltare per l'ultima volta il senso comune ed i suoi inganni.
Libro di bellezza rara, non apprezzato solo da chi cerca una storia alla Holmes o Poirot e si trova privo di riferimenti per poterlo capire, scritto bene e sceneggiato meglio (il plot, per usare un inglesismo, è ai limiti della perfezione), lo consiglio a tutti quelli che da un libro "giallo" non cercano solo di fare a gara con l'ispettore per vedere chi è più bravo, ma che sanno apprezzare l'approfondimento psicologico e si lasciano tentare dal lato oscuro, senza mai essere sicuri della parte dalla quale stanno i buoni.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Carlotto, ma anche ai fan di CSI
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
Bilico 2010-06-05 22:36:06 lasuggeritrice
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
lasuggeritrice Opinione inserita da lasuggeritrice    06 Giugno, 2010
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Fino a dove può spingersi la crudeltà umana?

Questo libro l'ho praticamente divorato e per essere un esordio devo dire che l'autrice è stata davvero brava. Ho letto svariati commenti negativi, ma non sono d'accordo, è scritto in un italiano semplice e serrato e la trama è sapientemente costruita... Fino a metà libro non sospetti assolutamente chi possa essere l'assassino e quando volutamente viene svelato, l'attenzione diventa tutta psicologica... per vedere fino a dove può spingersi la crudeltà umana. Aspetti un colpo di scena che non arriverà mai, cerchi una motivazione che non arriverà mai, speri in un ripensamento, in un "lieto fine" che non arriverà mai e resti di stucco proprio per questo... perché la crudeltà è lì, tangibile, lucidamente folle e vuota, annoiata quasi, pronta a provocarsi e a provocarsi ancora per soddisfare se stessa senza possibilità di assoluzione, ed è proprio questo che mi ha lasciata attonita, furiosa e terribilmente impotente.
Sicuramente un libro da leggere e un libro che fa riflettere.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Del nostro meglio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La vita intima
Valutazione Utenti
 
2.5 (2)
La libreria dei gatti neri
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Caminito. Un aprile del commissario Ricciardi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un giorno come un altro
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Bell'abissina
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quel tipo di ragazza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Schiava della libertà
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ombre
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
I ragazzi di Biloxi
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
La vendetta del ragno
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Piccole cose da nulla
Valutazione Utenti
 
3.5 (3)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Caminito. Un aprile del commissario Ricciardi
Bell'abissina
Intrighi e morte sull'Adda
Giallo sulla Riviera del Corallo
Il male che gli uomini fanno
Chi si ferma è perduto
Quella notte a Valdez
Il liceo
Dalle nove a mezzanotte
Questioni di sangue
Cena di classe
La mala erba
Mille giorni che non vieni
Dolce vita, dolce morte
Il giallo di Villa Nebbia
Il giorno del sacrificio