Chiedi al portiere Chiedi al portiere

Chiedi al portiere

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Quando Eleonora Piazzese la chiama per annunciarle la morte improvvisa della madre, dalla voce della sua amica del cuore Lidia capisce che oltre il dolore c’è altro. Eleonora sospetta infatti che la malattia per cui la signora Aurora è morta tra atroci sofferenze non avesse niente di naturale. Così, quando Lidia accompagna l’amica dal fidanzato, l’ispettore Mario Fagioli, per chiedergli di darle una mano, il Gladiatore le consiglia di sporgere subito denuncia. Eleonora però non vuole: ha paura, in fondo si tratta pur sempre della sua famiglia. Mario insiste ma non troppo, perché nel frattempo il commissario gli ha passato un’altra rogna: Albina Santalmassi, la giornalista che nel suo programma televisivo aveva dato spazio all’indagine sulla morte improvvisa dell’amministratore di condominio di via Minimi 59, è stata aggredita proprio davanti a quelle palazzine, e l’indagine va chiusa il prima possibile, come al solito... Lidia però non demorde, vuole che Mario investighi in via ufficiosa sulla madre della sua amica, cosicché il Gladiatore si troverà stretto tra le insistenze del commissario e quelle della sua amante. Tra i fantasmi della signora Aurora e quelli di Eleonora stessa, barcamenandosi tra le bugie e le maldicenze delle vecchiette del famigerato condominio di via Minimi, Mario capirà, ancora una volta, che non c’è niente di rassicurante nelle famiglie, felici o infelici che siano.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Chiedi al portiere 2022-07-08 15:28:11 cesare giardini
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
cesare giardini Opinione inserita da cesare giardini    08 Luglio, 2022
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

I portieri sanno sempre tutto di tutti.

Giuseppina Torregrossa, medico ginecologo e scrittrice, ha appena dato alle stampe il suo ultimo romanzo, un’altra vicenda di uno dei suoi personaggi più amati, l’ispettore Mario Fagioli: stanco della solita routine, vorrebbe lasciare, ma ci sono sempre casi che lo impegnano e che caparbiamente vuole a tutti costi risolvere. Qui è coinvolto in due casi: una morte sospetta e un agguato ad una nota star televisiva, con qualche trauma di non grave entità. Il nostro ispettore, sempre con quell’atteggiamento un po’ annoiato che lo contraddistingue, convive con una giovane spigliata, Lidia, proprietaria di un negozio di frutta e verdura: i due sembrano andare d’accordo, lui si illude di vivere una seconda giovinezza , lei ha trovato un porto sicuro dove medicare le ferite di una vita travagliata. Ed ecco che la routine di una vita tranquilla viene turbata dal primo caso: una donna del quartiere, Eleonora Piazzesi, denuncia una morte sospetta, quella della madre, a suo dire avvelenata lentamente dal marito, un individuo dall’aspetto ripugnante, assetato di soldi. Il secondo caso piomba subito dopo: una stagionata giornalista e star della TV, Albina Santalmassi, di ritorno a casa a tarda ora viene assalita alle spalle, buttata a terra e pesantemente insultata. Lei riceve l’ispettore, non desidera risolvere il caso in breve tempo, dato che la sua trasmissione televisiva verte anche su quello e fa grande audience: anche l’ispettore la tira in lungo, frastornato e piacevolmente interessato alla corte che gli fa con infantile insistenza una giovanissima assistente della star, Samantha, una tipa tutto pepe, mossette e tatuaggi. Naturalmente i casi si risolvono. Troppe sono le prove a carico del marito avvelenatore, compresi il ricovero finale della moglie in una clinica privata compiacente diretta da un medico incapace, amico del marito, e la scoperta in casa di foglie secche di elleboro, un potente veleno. Le telecamere del condominio inchiodano, nell’altro caso, le colpevoli dell’agguato, un gruppo di vecchiette maldicenti e gelose delle fortune altrui, guidate da una esagitata malata di mente: ma, ahimè, l’ausilio delle telecamere non era stato preventivamente richiesto e autorizzato dal pubblico ministero, risultando quindi privo di valore probatorio, con grande disappunto del precipitoso e malaccorto ispettore.
Ed i portieri dei due condominii che c’entrano? C’entrano eccome, perché come quasi tutti i portinai sanno tutto, vedono tutto, riportano quello che devono e non devono: hanno simpatie, antipatie, sembra che collaborino con l’ispettore, ma, su ordinazione, fanno anche sparire la posta… I condominii dove si svolgono le vicende sono i protagonisti muti, con le voci, i pettegolezzi, i litigi e qualche rancore mai sopito. L’autrice conosce bene quegli ambienti tipici di Roma, la loro storia, gli abitanti ed i loro abituali comportamenti: con il suo caratteristico stile ironico e garbato racconta vicende di tutti i giorni, gioie e dolori, amori e illusioni. Un lieto fine è comunque sempre d’obbligo: passata infatti l’infatuazione per la bella Samantha, l’ispettore Fagioli ritrova Lidia, che l’aveva temporaneamente lasciato, cercando di dimenticare tra le sue braccia le amarezze di una vita passata ad indagare nelle vite assai poco rassicuranti di famiglie apparentemente felici.
Il romanzo è leggero, brioso, scritto da chi conosce molto bene certi ambienti della capitale, stigmatizzandone i vizi e mettendone in luce le virtù: assicura al lettore qualche ora di piacevole svago.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Altri romanzi di Giuseppina Torregrossa ed i romanzi di Andrea Vitali.
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Morte accidentale di un amministratore di condominio
Appuntamento mortale
Chiedi al portiere
La vita paga il sabato
La Svedese
Scripta manent
Un volo per Sara
Undici morti non bastano
Una stella senza luce
Il tessitore
Il gigante e la Madonnina
Terrarossa
Se son rose moriranno
Rancore
Racconti sull'innominabile
Una piccola questione di cuore