Colpo di ritorno Colpo di ritorno

Colpo di ritorno

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

L’omicidio di un personaggio imbarazzante semina il panico nella Roma che conta. Il caso va risolto senza fare sconti ma con tatto, per evitare strumentalizzazioni. Quella vecchia volpe del procuratore non ha dubbi: nessuno meglio del Pm Manrico Spinori, aristocratico capitolino con la passione della lirica, può riuscirci. Il Mago Narouz, al secolo Capomagli Giuseppe, viene trovato morto nella sua casa di Trastevere. L’uomo vendeva filtri d’amore, numeri vincenti e consigli a una selezionatissima, fedele clientela di gente dello spettacolo e politici. Incaricato delle indagini, Manrico Spinori ha come l’impressione di girare a vuoto, e talvolta perfino di essere manipolato. Poi, proprio quando la situazione pare sul punto di sfuggirgli di mano, un suggerimento inaspettato gli permette di tirare i fili dell’ingarbugliata matassa. A rimanere un groviglio, in compenso, sono le vite private di Manrico e dei membri della sua squadra, interamente composta da donne. Soprattutto quella dell’ispettora Deborah Cianchetti, elemento dal pessimo carattere eppure utilissimo se invece del fascino e del savoir-faire occorrono metodi più spicci.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
2.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Colpo di ritorno 2023-07-09 17:48:04 cesare giardini
Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
2.0
cesare giardini Opinione inserita da cesare giardini    09 Luglio, 2023
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Manrico Spinori nel mondo dei maghi.

Il protagonista di questo nuovo giallo di De Cataldo, il quarto della serie, è un eccentrico gentiluomo, di antiche origini nobiliari, Manrico Spinoni dei Conti in Albis e San Giocondo, magistrato a Roma: divorziato da Adelaide, due figlie (l’Irragionevole e la Mite, così chiamate per il loro carattere), dimora, con il fedele maggiordomo Camillo, in un palazzo di proprietà dove di tanto in tanto lo raggiunge l’amica del cuore, Maria Giulia. Dal collega e amico Gaspare Melchiorre, procuratore capo, gli viene affidata un’indagine non semplice: scoprire l’assassino di un famoso mago, Nerouz, al secolo Giuseppe Capomagli, 57 anni, trovato nel suo studio dal cognato Silvestro Boni con il cranio fracassato. Aiutato dai suoi, in primis la bella e capace ispettrice Deborah Gianchetti, Manrico visiona un video in cui il mago reclamizza le sue magiche virtù, fiducioso sia nella scienza che nei poteri, energie e forze che emanano da testi sacri: si entra, e si rimane più o meno per tutto il romanzo, in un mondo nuovo, inconsueto, il mondo dei maghi, frequentato da una clientela variegata, persone comuni e personaggi più o meno noti della TV fino a politici di vari partiti. Il malcapitato Manrico inizia gli interrogatori di abituali frequentatori dello studio di Nerouz: una signora altolocata, Cornelia Villalta, 65 anni, sorriso smagliante, simpatica, le gemelle Floriana e Doriana della TV, passate dal mago Gayan, secondo loro con pochi poteri, a Nerouz, dotato di capacità superiori, e poi ancora, tra i politici, Bianca Olivieri, senatrice di destra nota per le sue posizioni oltranziste e il collega onorevole Frosoni, invadente e volgare, dello stesso partito ma di corrente diversa (“ quella stronza della Olivieri” !)… Non basta: in rete si scatenano detrattori del mago, insinuazioni sui rapporti tra mago e politici, c’è perfino un giovane prete polacco della Scuola di esorcismo che, tramite un suo sito (Vade Retro Satana), inveisce contro Belzebù, Satana e Demoni vari … Non poteva mancare una trasmissione televisiva sull’argomento, condotta da una notissima presentatrice, con personaggi strampalati ed in cerca di visibilità.
L’indagine entra nel vivo quando anche il cognato del mago viene fatto fuori con due colpi di pistola. I sospetti puntano sul capo di una setta, che dimostra però la sua innocenza. Alla fine, per farla breve, anche con l’aiuto di un vecchio zio di Manrico, Eliodoro, marchese spiantato esperto di riti esoterici, il colpevole salta fuori: un cosiddetto “colpo di ritorno”, una vendetta contro un mago avido di soldi che aveva minacciato addirittura fatture mortali nei confronti del potenziale assassino.
Insomma, un gran minestrone, una serie lunghissima di possibili colpevoli, un lungo racconto senza grossi colpi di scena. Ci sono continui riferimenti ad opere liriche: Manrico è un grande appassionato di musica, l’opera lirica è il suo abituale rifugio, una consolazione che lo aiuta nello snervante lavoro investigativo. Gli accostamenti avvengono con L’Elisir d’amore di Donizetti e la Dama di picche di Ciajkovskij, proprio due opere, guarda caso, dove magia e gioco sono mirabilmente accostati.
L’autore punta tutto su Manrico, questo originale personaggio, un magistrato melomane, un po’ sognatore, nobiltà di vecchia data, propensione a sinistra (una cosiddetta “toga rossa”), una certa ritrosia nell’ambientarsi nei palazzi del potere, forse per ingenuità, forse, più probabilmente, per incompatibilità ancestrale con la faciloneria e la volgarità della politica.
Lo stile narrativo è quello consueto, brillante e preciso, le stoccate al mondo della politica puntuali: resta però la staticità del racconto in sé, monotono, poco pungente, senza grossi coinvolgimenti emotivi, un mondo, quello dei maghi, messo a nudo stancamente, interrogatorio dopo interrogatorio di presunti assassini, fino ad una conclusione rabberciata e piuttosto banale, che serve però a giustificare lo strano titolo del romanzo.
Un altro Giancarlo De Cataldo, questa volta, a mio parere, lontano da capolavori come “Romanzo criminale” e “Le mani giuste”.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Altri gialli della serie con Manrico Spinori., di Giancarlo De Cataldo.
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'orizzonte della notte
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Five survive
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Compleanno di sangue
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La prigione
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Day
Day
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Morte nel chiostro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Pesci piccoli
Valutazione Utenti
 
4.1 (4)
Cause innaturali
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Tutti i particolari in cronaca
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
Dare la vita
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'età fragile
Valutazione Utenti
 
3.2 (3)
Il rumore delle cose nuove
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

L'orizzonte della notte
Pesci piccoli
Omicidio fuori stagione
Tutti i particolari in cronaca
Il giudice Surra e altre indagini in Sicilia
La forma dei sogni
Riusciranno i nostri eroi a ritrovare l’amico misteriosamente scomparso in Sud America
Soledad. Un dicembre del commissario Ricciardi
Sua Eccellenza perde un pezzo
Il sale sulla ferita
L'educazione delle farfalle
Il cliente di riguardo
L'ultimo ospite
La morra cinese
Colpo grosso ai Frigoriferi Milanesi
Colpo di ritorno