Narrativa italiana Gialli, Thriller, Horror Colpo grosso ai Frigoriferi Milanesi
 

Colpo grosso ai Frigoriferi Milanesi Colpo grosso ai Frigoriferi Milanesi

Colpo grosso ai Frigoriferi Milanesi

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Il Solista del mitra prepara un colpo grosso, l’obiettivo sono i Frigoriferi Milanesi, l’intricato sistema di caveau a prova di furto, l’antica Fabbrica del Ghiaccio. Complici sono Il Piero, Faccia d’Angelo, La Miciona, La Piccerella, Il René, La Mantide. Il malloppo è qualcosa di estremamente prezioso, di losca provenienza, in ballo c’è anche una vendetta. Nel frattempo alla Casa di ringhiera la vita continua al solito, litigiosa, pettegola e malignetta. La falsa invalida, signorina Mattei-Ferri, ha deciso di cambiare atteggiamento e rendersi più amabile con i vicini, soprattutto i nuovi; il pensionato Amedeo Consonni si dedica al nipotino Enrico, dopo aver superato una profonda depressione; la professoressa Angela, dal buen retiro di Camogli, non perde di vista affetti e affari; il vecchio Luis De Angelis continua ad accudire paranoicamente la sua automobile, adesso una Maserati. E così via, tutti ostili tra loro, estranei, eppure legati gli uni agli altri come nella Finestra sul cortile. Però ci sono delle novità. Un gruppo allegro di studentesse di Fashion, venute dalla provincia più opulenta ad addentare la metropoli; e due nuove coppie di ricchi inquilini, a testimoniare che anche la Casa di ringhiera si gentrifica. E proprio da Camilla, la bella amante dell’architetto Sommariva, si viene a sapere qualcosa di Yutta, la venere tedesca che, dopo aver ammaliato tutti, era sparita con una fortuna e in barba al pensionato Consonni. La notizia fa ripiombare la Casa di ringhiera in una scalcagnata ed esagerata avventura. In questa nuova puntata della serie fortunata in cui un intero caseggiato assume personalità entro una cornice comico criminale, mosso da un’animazione farsesca, l’autore Francesco Recami sollecita il lettore a riflettere su cosa sia in realtà l’intrattenimento letterario. Un tema drammatico e surreale entra nella scena: che tipo di vita è quella dei personaggi di un romanzo?



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Colpo grosso ai Frigoriferi Milanesi 2023-07-31 12:36:36 Mian88
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    31 Luglio, 2023
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Colpo grosso a cura de la Casa di ringhiera

«Ci si lamenta sempre del presente, senza pensare troppo alle amenità del passato. Gli ultimi cinque-sei elementi di sesso maschile lasciarono la casa di ringhiera, come dei fantasmi. Al solito dal centro non uscì nessuna ragazza, quelle non si vedevano mai.»

Torna in libreria Francesco Recami con un nuovo appuntamento dedicato alla serie della Casa di ringhiera – edito da Sellerio nella collana “La Memoria”. Qui gli inquilini storici si sono riuniti in “perfetto anonimato”, perché nessuno deve sapere niente e nessuno deve osare usare i “nomi veri”, pena l’esclusione dal piano, pena la non partecipazione al colpo. Eh sì, perché gli inquilini storici hanno deciso di far svoltare la propria vita, di rifarsi e anche di sbarazzarsi delle beghe del quotidiano e per farlo quale miglior modo se non quello di un bel colpo ai Frigoriferi Milanesi?

«Allora, i vostri nomi in codice li conoscete già. Userò quelli, e dovete farlo anche voi. L’avete visto quel film? Ecco, allo stesso modo. Adesso vi spiegherò in sintesi quali saranno i vostri ruoli, senza entrare troppo nei dettagli. Lei, Piero – si rivolgeva al vecchio – lei sarà lo specialista dei mezzi di trasporto, come è naturale. Potrà esercitare le sue doti al volante, e in genere si occuperà di camion, furgoni e altro. Ci sarà bisogno anche della sua auto personale.»

L’antica costruzione dei Magazzini Refrigeranti e Ghiaccio Gondrand Mangili fu edificata in quel del 1899. Si trattava di una fabbrica del ghiaccio che nei primi anni del 1900 produceva tonnellate e tonnellate di ghiaccio per sopperire alle richieste dei tanti clienti che al tempo non avevano frigoriferi o altri strumenti per la conservazione del cibo. Poi, con il progredire della tecnologia e il boom economico, tutti hanno cominciato ad avere frigoriferi in casa e la struttura ha cambiato la sua destinazione. Qui si celano dei caveaux pieni di ricchezze senza fine che, se nelle mani giuste, potranno garantire vite agiate e ricchezza.
«Adesso, che erano passate due settimane, Angela continuava a domandarsi: ma la mia vita è fatta così?»
Siamo quindi a Milano e ancora una volta torniamo in compagnia dei residenti della Casa di Ringhiera ma con qualche dovuto cambiamento tra gente che va e gente che torna. Gli inquilini infatti vanno e vengono, ora il pianterreno è affittato a dei cinesi che hanno aperto un centro massaggi Shouyin Xing, apparentemente con il favore di tutti, di fatto con il dissenso di alcuni, un piano è stato occupato da tre, più una quarta, ragazze romagnole che ben si definiscono dedite allo studio e motivate nel portare avanti i loro progetti universitari e a rispettare le regole condominiali. Peccato che il loro concetto di rispetto delle regole condominiali esuli in parte da alcuni canonici costumi e preveda festini notturni, serate alcoliche, serate in discoteca, schiamazzi e chi più ne ha più ne metta. Son belle, son giovani, non temono di mostrare metrature di gambe e petti scollacciati, ben presto la capitolazione generale è resa nel vero senso del termine. La storica famiglia Giorgi, ancora, si è trasferita e al suo posto sono arrivati gli Scemaghi, preda perfetta per la signorina Mattei-Ferri, notoriamente falsa invalida, che cerca il suo riscatto agli occhi dei vicini.

«Nessuno le voleva bene, perché lei voleva male, e chi semina raccoglie.»

Tuttavia, gli Scemaghi, composti da madre, padre e la piccola Ofelia, son tutti ambientalisti, restii al contatto con chi non la pensa come loro, indecifrabili talvolta nei loro ragionamenti e in perenne lotta con il vicinato fumatore, disturbante e instancabilmente dedito all’inquinamento più totale dei luoghi e del mondo. Volti nuovi che si uniscono ai volti storici quale il tappezziere in pensione Amedeo Consonni, la signorina Angela Mattioli, sua figlia Giulia, la già citata signorina Mattei-Ferri e il benestante Luis con la sua Maserati, auto che gli costa non poco e che, tra le altre cose, gli è costata anche una multa a tre zeri con tanto di ritiro della patente poi non ritirata perché la colpa se l’è presa il nipote alla modica cifra di euro trentamila per il “favoruccio”. Ma d’altra parte, poteva mai lui restare senza patente? Assolutamente no! E avrebbe mai potuto vendere la sua Maserati per tornare a guidare una pandina scassata? Ma nemmeno per scherzo!

«Non erano abituati a fare indagini, e tendevano a interpretare qualsiasi mistero come un intrigo sentimentale.»

Ed eccoli qua i volti che colorano le pagine di “Colpo grosso ai Frigoriferi Milanesi”, un noir che trattiene e coinvolge i lettori tra colpi di scena e quotidianità data da vite che si intrecciano tra loro. Sono proprio alcuni di questi personaggi che nascosti in un capannone con il loro nome in codice (da Il Solista, a Piero, Faccia d’Angelo, La Miciona, La Piccerella, Il René a La Mantide) preparano il colpo, un colpo che avrà dei risvolti completamente inattesi quanto inaspettati e che coinvolgerà in modi sempre più eclettici non solo i protagonisti ma anche le loro sorti. Perché ciascuno di questi è spinto da un suo motivo personale, il bottino fa gola ma per ragioni diverse e molteplici. Ma si sa, non tutto va sempre come vorremmo e l’imprevisto è sempre dietro l’angolo così come il non intendersi di determinati campi quale l’arte. Al tutto si somma uno stile rapido, fluido, ironico e pungente che non fatica a farsi apprezzare. Immancabile è tra queste pagine l’impronta di Francesco Recami.
In conclusione, “Colpo grosso ai Frigoriferi Milanesi” è un noir originale, una commedia umana divertente ed esilarante, un titolo pieno di colpi di scena e che non delude le aspettative regalando ore liete al lettore. Buona lettura!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ultimo conclave
Valutazione Utenti
 
1.3 (1)
Stivali di velluto
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una morte onorevole
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
You like it darker. Salto nel buio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Eredi Piedivico e famiglia
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Renegades. Verità svelate
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Stivali di velluto
Brisa
Il dolce sorriso della morte
Una morte onorevole
Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Dalla parte del ragno
L'orizzonte della notte
Pesci piccoli
Omicidio fuori stagione
Tutti i particolari in cronaca
Il giudice Surra e altre indagini in Sicilia
La forma dei sogni
Riusciranno i nostri eroi a ritrovare l’amico misteriosamente scomparso in Sud America
Soledad. Un dicembre del commissario Ricciardi
Sua Eccellenza perde un pezzo
Il sale sulla ferita