Di punto in bianco Di punto in bianco

Di punto in bianco

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

In autunno le colline piemontesi sono uno stato dell'anima: nebbia azzurrina che cinge i crinali, tenue malinconia a invadere i cuori. Lo sa bene il commissario Bartolomeo Rebaudengo che ha deciso di darci un taglio con omicidi, scene del crimine, tecniche del profiling, e di ritirarsi in Langa. Per quelli come lui, però, non c'è pensione che tenga. E così il poliziotto si ritrova a indagare sulla morte del giovane Dario, scomparso dopo un festino a base di alcol e droghe, e ritrovato cadavere a distanza di alcuni giorni. Ma il delitto è anche l'occasione per rivedere Ardelia Spinola, il medico legale dall'intuito infallibile, che ha il vizio di cacciarsi nei guai e che nasconde la sua fragilità dietro una tagliente ironia. La passione di un tempo ha lasciato spazio al gioco delle schermaglie e al tarlo dei rimpianti, nonostante i due - diversi come il giorno e la notte - continuino a fare scintille. Intanto c'è il diavolo sulle colline, e ci mette pure la coda dettando un'impressionante sequenza di tragiche casualità e colpevoli omissioni, inestricabili equivoci e gesti rovinosi. La caccia sospingerà Ardelia e Bartolomeo nelle ombre di una terra ancora selvaggia e nelle tenebre di una mente ossessionata dalla vendetta.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.4
Stile 
 
3.0  (2)
Contenuto 
 
3.5  (2)
Piacevolezza 
 
3.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Di punto in bianco 2022-08-21 14:05:55 FrancoAntonio
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
FrancoAntonio Opinione inserita da FrancoAntonio    21 Agosto, 2022
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Bagna cauda negata per Rebaudengo

Bartolomeo Rebaudengo, ormai commissario di P.S. in pensione, si sta godendo la tranquillità e la solitudine delle sue Langhe nella bella casa che gli ha lasciato una ricchissima prozia, quando, durante una rimpatriata con i vecchi amici di gioventù, viene a conoscenza della scomparsa del giovane Dario Colombero. Si tratta di un bravo ragazzo, ottimo studente, senza grilli per la testa, forse solo un po’ musone e con un labile sospetto di omosessualità, ma nulla che faccia pensare a cose strane. Però, il ragazzo, tutto casa e università, è irreperibile da troppe ore e Bartolomeo consiglia di far sporgere denuncia ai Carabinieri. Quasi inevitabilmente lui si trova coinvolto nelle ricerche dal comandante di zona, il maggiore Bertone, amico di vecchia data del Commissario. Ormai s’è fatto la fama del grande esperto, del profiler addestrato in America e gli viene chiesto di contribuire alle ricerche. Purtroppo queste, dopo parecchi giorni, portano all’esito peggiore: Dario è ritrovato in aperta campagna, completamente nudo e morto da giorni per cause non identificate. Una serie di circostanze totalmente fortuite, poi, fa sì che a occuparsi dell’autopsia sia la dott. Ardelia Spinola, ex fidanzata di Bartolomeo e accanita investigatrice per irrefrenabile inclinazione d'animo. Si ricostituisce così la formidabile coppia che aveva concluso felicemente molti intricati casi in quel di Albenga. Che sia pure l’occasione per ricostruire il rapporto tra i due che si era lentamente sbriciolato? Certo che sono passati anni dalla fine della loro storia, molta acqua è passata sotto i ponti, ed entrambi (Ardelia soprattutto) hanno ferite ancora da rimarginare.

La prosa di Cristina Rava è una garanzia, difficilmente il risultato è men che lodevole. Inoltre è sorprendente come l’A. riesca a stupire il lettore affezionato mutando continuamente la struttura dei suoi romanzi, senza fossilizzarsi su schemi, magari vincenti, ma già troppe volte sfruttati. Il questo romanzo la storia torna a essere narrata in terza persona e il protagonista principale è nuovamente il simpatico e bonario commissario “sabaudo” che aveva dato inizio alla serie tanti anni fa. Lo troviamo invecchiato e pieno di malinconie, ma ancora pimpante e ricco di spunti. Soprattutto nei primi capitoli ho percepito, però, una sorta di pudore a maneggiare il suo personaggio e, quando farà la comparsa, pure quello di Ardelia. Pare quasi che l’A. abbia una forma di ritegno nel raccontare la loro storia, pentita delle traversie che ha fatto loro subire: lei troppo “stropicciata” e bistrattata nello spirito e nel corpo durante le precedenti avventure (interne ed esterne alle pagine scritte); lui, al contrario, troppo negletto e trascurato in tutti i libri in cui era protagonista la sola Ardelia, ove lui compariva in lontananza, come pallida ombra anonima, una sorta di kofon prosopon da tragedia greca.
La storia prende quota quando finalmente possiamo goderci i dialoghi e i battibecchi tra Bartolomeo e Ardelia, sintomo che è l’interagire di questi due personaggi a dare vivacità e concretezza al narrato. I primi capitoli, privati pure dei simpatici ed empatici mugugni e soliloqui della dottoressa, sono pervasi troppo da una mesta pacatezza e da una riservatezza che sarà pure “sabauda”, ma mortifica lo slancio emotivo verso i fatti riferiti.
La storia, di per sé, è non è particolarmente intricata, ma non sarebbe neppure nello stile della Rava. Tra l’altro, come nel romanzo che precede questo, non fa mai mistero su chi sia l’autore del crimine o su quali siano i suoi moventi. Restano solo ombre parziali sul modus operandi o sulle circostanze collaterali, però nulla di essenziale, poiché lo scopo del romanzo non è fornire elementi per un enigma, ma di raccontare la vita delle persone, che è, in parte, pure la nostra. Piuttosto, è oltremodo apprezzabile il fatto che la vicenda appaia subito come straordinariamente concreta e reale, come metta in risalto la banalità del male, che non ha bisogno di intricati meccanismi o astruse premeditazioni per manifestarsi. La vita, ahimè, non ha bisogno di assurde complicazioni per complicarci l’esistenza.
Le vicende personali dei protagonisti, invece, sono legate in modo indissolubile agli antefatti narrati in precedenza, quindi, probabilmente, l’intera storia può essere piacevolmente (appieno) apprezzata solo da chi abbia già una buona familiarità con le loro storie e ciò, forse più di ogni altra considerazione, relega il romanzo alla cerchia di adepti che hanno frequentato in passato assiduamente i caruggi di Albenga e le colline del basso Piemonte assieme a Bartolomeo e Ardelia. Per il resto, il livello della narrazione, delle descrizioni, la poesia di certe frasi e considerazioni, sono di livello assoluto, come al solito. Insomma, un buon libro, come c’è da aspettarsi da questa brava e sensibile scrittrice.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
Di punto in bianco 2019-03-25 18:56:20 ornella donna
Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    25 Marzo, 2019
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Terra di Langa, terra ambigua e di fascino

Si respira aria di Langa nell’ultimo libro di Cristina Rava, intitolato Di punto in bianco. Il libro, per gli appassionati e per gli intenditori dell’autrice, vede il ritorno del Commissario Rebaudengo , qui affiancato dal medico legale Ardelia Spinola.
La trama è semplice: il commissario Rebaudengo ha ereditato da una lontana parente una vecchia villa, dove, dopo una breve ristrutturazione, si reca a vivere. Il paese è un luogo tranquillo, pacifico, un oasi di tranquillità e di pace, dove gustare con metodo i piaceri della buona tavola. Ad esempio:
“un po’ di bagna cauda? (..) Allora come antipasto posso preparare un po’ di carne cruda battuta al coltello, può essere che uno scorzone piccolo Mirco ce l’abbia, magari un bianco d’alba, …(…) Va bene un terrina piccola di insalata russa e un vassoio di puvrun al forno con salsa verde… più fine della bagna causa, eh! Aglio, prezzemolo, acciughe, aceto, … più fine? E di primo agnolotti in brodo? E di secondo siamo d’accordo per un bollitino misto? Come contorno? Carote e patate saltate in padella. Perfetto. E dolce? Un bunet.”
Il luogo idilliaco è Malpotreno:
“Malpotreno è un’antica manciata di case cresciute sul crinale della collina. Abitanti pochi, rare auto posteggiate nei cortili o sul ciglio della strada, per il resto gatti e silenzio. Si respira una selvatica bellezza che impregna i vetusti muri in malta e pietra, come le chiese, erette al tempo.(..) quello che ha sempre amato della sua terra è il respiro dei secoli, la potenza della Storia, la memoria delle radici e per paradosso il feroce orgoglio delle fazioni.”
In tale pace si verifica un evento inspiegabile: la scomparsa prima, e la morte, dopo, di Dario Colombero. Un ragazzo di ventitré anni, che dopo una serata passata in compagnia di amici non viene più trovato. Il male si aggira tra i vicoli e prima di scoprire i particolari la strada da percorrere sarà lunga ed impervia.
Un romanzo che gravita, soprattutto, sulla descrizione di queste terre, così particolari, così misteriose. Infatti:
“Queste colline sono una terra intrisa di vino e di sangue, popolata di gente troppo severa, che anche quando ride conserva un cuore triste.”
Senza mai dimenticare da chi sono state popolate ed abitate, ovvero:
“Fenoglio e Pavese affiorano sempre quando si torna alla crudele campagna langarola, così benigna e mite solo se guardata con occhi da turista in cerca di sapori, vini e paesaggi. Sotto, inestricabilmente avvinghiata alla bonomia, alla ingenuità, alla generosità, sopravvive l’amara radice dell’attaccamento alla roba, dell’invidia, della paura.”.
Un giallo leggero, scritto ed elaborato con una prosa e una trama molto semplice, ma che si legge con velocità e partecipazione. Un testo che però non rappresenta il meglio della produzione letteraria di un’autrice molto prolifica. Ma che in questo caso non entusiasma molto.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Del nostro meglio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La vita intima
Valutazione Utenti
 
2.5 (2)
La libreria dei gatti neri
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Caminito. Un aprile del commissario Ricciardi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un giorno come un altro
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Bell'abissina
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quel tipo di ragazza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Schiava della libertà
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ombre
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
I ragazzi di Biloxi
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
La vendetta del ragno
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Piccole cose da nulla
Valutazione Utenti
 
3.5 (3)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Caminito. Un aprile del commissario Ricciardi
Bell'abissina
Intrighi e morte sull'Adda
Giallo sulla Riviera del Corallo
Il male che gli uomini fanno
Chi si ferma è perduto
Quella notte a Valdez
Il liceo
Dalle nove a mezzanotte
Questioni di sangue
Cena di classe
La mala erba
Mille giorni che non vieni
Dolce vita, dolce morte
Il giallo di Villa Nebbia
Il giorno del sacrificio