Il caso Bramard Il caso Bramard

Il caso Bramard

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Corso Bramard è stato il commissario più giovane d’Italia. Meditabondo, insondabile, introverso, capace di intuizioni prossime alla chiaroveggenza. Fino a quando un serial killer di cui seguiva le tracce ha rapito e ucciso la moglie Michelle e la piccola Martina. Da allora sono passati vent’anni. Corso vive in una vecchia casa dimessa tra le colline, insegna in una scuola superiore di provincia e passa gran parte del tempo arrampicando da solo in montagna, spesso di notte e senza sicurezze, nell’evidente speranza di ammazzarsi. Perché, come suole ripetere, “non c’è nessuna vita adesso”. Eppure qualcosa è rimasto vivo in lui: l’ossessione, coltivata con quieta fermezza, di trovare il suo nemico. Il killer che ha piegato la sua esistenza e che continua a inviargli i versi di una canzone di Leonard Cohen. Diciassette lettere in vent’anni, scritte a macchina con una Olivetti del ’72. Un invito? Una sfida? Ora, quell’avversario che non ha mai commesso errori sembra essere incappato in una distrazione. Un indizio fondamentale. Quanto basta a Corso Bramard per riprendere la caccia, illuminando una scena popolata da personaggi ambigui e potenti, un dedalo di silenzi che conducono là dove Corso ha sempre cercato il suo appuntamento, e il suo destino.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0  (2)
Contenuto 
 
4.0  (2)
Piacevolezza 
 
4.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il caso Bramard 2023-02-07 16:32:32 FrancoAntonio
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
FrancoAntonio Opinione inserita da FrancoAntonio    07 Febbraio, 2023
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il killer delle camelie

Corso Bramard era stato un bravissimo poliziotto: il commissario più giovane d’Italia. Intuitivo, tenace e metodico, la sua carriera sembrava in ascesa, sinché un giorno il questore di Torino non gli aveva affidato il fascicolo AUTUNNALE. Era questo il nome convenzionale attribuito a un serial killer che, nei soli mesi autunnali e invernali, rapiva giovani donne (brune, slanciate e con i seni piccoli), le torturava, incidendo la loro schiena con complicati tagli, amputava alcune dita dei piedi e, poi, con una lettera anonima alla polizia, ne faceva trovare il cadavere sgozzato. Non faceva errori: in anni nessuno era riuscito a individuarlo e, pure Corso, una volta assunta la responsabilità dell’indagine, non era giunto alla conclusione del caso, mentre i cadaveri aumentavano. Poi, Autunnale aveva rapito sua moglie Michélle e la piccola Martina. La donna era stata ritrovata nei giorni successivi, straziata come le altre vittime; della figlia nemmeno la possibilità di piangerne le spoglie. Corso, a quel punto, deragliò e non fu più in grado di svolgere efficacemente il suo lavoro. Alcool, ira furente con colleghi e sottoposti, inevitabili dimissioni.
Ora vive tra le montagne del Roero nella vecchia casa di famiglia, si guadagna da vivere facendo il docente part-time in una scuola media superiore e dedica il tempo libero a scalare picchi scoscesi nella inconscia speranza di fare un passo falso e porre così fine a quella che per lui è una non-vita. Ma Autunnale non l’ha dimenticato: periodicamente gli invia lettere con frasi estratte da una canzone di Leonard Cohen. Nell’ultima, però, forse ha commesso un errore e s’è lasciato scappare una traccia che potrebbe portare alla sua identificazione. Corso, allora, sente rifluire in lui la perduta energia dell’investigatore e - con la malmostosa tolleranza del commissario Arcadipane, suo allievo e vice di un tempo, e della irosa giovane agente Isa Martini - cercherà di incastrare l’uomo che gli ha rovinato la vita.

Alessandro Baricco ha paragonato il commissario Bramard a un Montalbano del nord, taciturno, cupo, disperato e impassibile nel suo inguaribile dolore interiore. Premesso che non mi ritrovo nella similitudine, certamente il personaggio creato da Davide Longo è una piacevole scoperta.
Non ci viene descritto tanto un’indagine poliziesca – peraltro appassionante e travolgente, in tutta la sua reale concretezza – quanto la vicenda umana di un uomo che aveva trovato inaspettatamente un’ancora di salvezza per la sua innata misantropia e scontrosità nella moglie amatissima. E, quando quell’ancora era stata strappata da una mano assassina, è andato alla deriva senza alcuna volontà di ritrovare la rotta perduta. Lo stile è secco, asciutto, quasi scarnificato. Aspro come le montagne su cui si arrampica Corso. Le frasi a volte non sono neppure completate, ma per scavare nell’animo umano non servono troppe parole, bastano immagini, accenni, sensazioni, per ritrovare qualcosa che, magari, è annidato pure nel nostro io. Così i voli pindarici che abbandonano certe descrizioni per spostarci altrove non sono inaspettati, ma quasi graditi per preservare quell’aura di incertezza che rimane viva sino alla fine e, verrebbe da dire, pure oltre. Ciò che dovrebbe risultare intuitivo al lettore attento non viene chiarito a parole, ma lasciato alla sua sensibilità: una spiegazione avrebbe solo volgarizzato percezioni che debbono essere intese con il cuore e non con la mente. Belli anche i personaggi di contorno, terribilmente veri nella loro innata "asocialità".
La storia gialla di per sé non ha misteri: sin da subito ci viene detto chi sia il probabile responsabile di quegli orrendi delitti, anche se non si sa, né, forse, si scoprirà mai il suo movente reale. La narrazione, però, riesce a miscelare con abilità un racconto che è appassionante e, parimenti, triste e malinconico. Gli autori greci ci hanno insegnato che una tragedia deve comunque sublimarsi in una catarsi. Qui c’è, ma è dolce e amara nello stesso momento, forse non consolatoria, ma ricca di speranze.
Insomma una storia davvero bella, pur se confezionata in un involto non di rado grezzo e sbrigativo. Da leggere.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il caso Bramard 2021-03-13 09:56:57 Giorgio Sesena
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Opinione inserita da Giorgio Sesena    13 Marzo, 2021

Commento

Leggendo Longo si ha di fronte uno scenario completo e variopinto degli ingredienti che rendono o meno piacevole un libro, esaminiamoli uno per volta: ambientazione Torino dei tempi appena passati, bella ricca eppur già decadente, descritta bene e si sente con sentimento. Trama coinvolgente e ben dipanata, colpi di scena non mancano e si respira l'attesa della mossa di uno o più interpreti. Personaggi qui si apre la diaspora fra chi ama e chi detesta Longo (almeno questa è la mia opinione), gli interpreti dei romanzi sono principalmente tre o quattro (Bramard, Arcadipane; Isa, forse Ariel) tutti sono troppo sopra le righe per un verso o per l'altro (Bramard ascetico al limite della noia, Arcadipane, troppo menefreghista verso se stesso mangia e vive come se dovesse morire domani o forse è già morto e non lo sa, Isa bella scorbutica trasgressiva e troppo geniale per diventare quasi antipatica per le sue troppe doti, Ariel colta cinica sprezzante del mondo e della sua malformazione, gestisce i sentimenti altrui dall'alto in basso, senza mai far apparire i suoi) una rassegna di persone che normalmente non s'incontrano nemmeno vivendo 200 anni eccoli tutti riuniti amici a risolvere casi impossibili per le menti umane normali. Questo lo scenario dei romanzi di Longo che però nell'insieme sono scorrevoli e in grado di rendere piacevoli i momenti di lettura.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Un buon giallo
Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
I giorni di Vetro
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Ti ricordi Mattie Lantry
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Un animale selvaggio
Valutazione Utenti
 
3.1 (4)
Ambos mundos
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Ci vediamo in agosto
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il mantello dell'invisibilità
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'orizzonte della notte
Valutazione Utenti
 
4.2 (5)
Chi dice e chi tace
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
L'orizzonte della notte
Pesci piccoli
Omicidio fuori stagione
Tutti i particolari in cronaca
Il giudice Surra e altre indagini in Sicilia
La forma dei sogni
Riusciranno i nostri eroi a ritrovare l’amico misteriosamente scomparso in Sud America
Soledad. Un dicembre del commissario Ricciardi
Sua Eccellenza perde un pezzo
Il sale sulla ferita
L'educazione delle farfalle
Il cliente di riguardo
Il mistero della torre del parco
L'ultimo ospite
La morra cinese

Copyright 2007-2024 © QNetwork - Tutti i diritti sono riservati
P. IVA IT04121710232