Il dono Il dono

Il dono

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Da quando ha perso la memoria, il commissario Zaccaria Argenti, una leggenda nella questura e per le strade di Torino, è quasi diventato un ex poliziotto. Al termine di una concitata irruzione in un covo di sequestratori, infatti, per schivare un proiettile è caduto dalle scale. O almeno questo è quello che ricorda lui, la sua versione dei fatti dopo che si è risvegliato dal coma. Il racconto però non quadra, e dato che nell'operazione ci è scappato il morto, i suoi superiori vogliono capire. Qualcuno teme che Zac, come lo chiamano, abbia una rotella fuori posto; altri sospettano che stia prendendo in giro tutti, chissà perché. Nel dubbio, la leggenda viene rimossa dal servizio attivo e messa sotto il poco tenero controllo dell'ispettrice Maya Bolla, che al primo giorno gli fa un occhio nero. L'occasione per rimettersi in piedi gli sarà donata da una scia di omicidi avvenuti secondo modalità molto difficili da spiegare, proprio come l'amnesia di Zac e i sogni che tormentano le sue notti. La verità sul caso e quella sul vuoto che gli ha ingoiato la memoria arriveranno quando il commissario imparerà a fare qualcosa di totalmente nuovo: ascoltare il proprio cuore. Anche se il cuore, a volte, dice cose terribili, commoventi, disastrose.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il dono 2019-06-05 14:30:22 ornella donna
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    05 Giugno, 2019
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'avvocato Zaccaria ex commissario Argenti

Carlo De Filippis, dopo aver scritto Le molliche del commissario, Il paradosso di Napoleone e Uccidete il camaleonte con protagonista il commissario Vivacqua, torna in libreria con Il dono. Protagonista una nuova figura l'avvocato Zaccaria ex commissario Argenti. Un libro che conquista, in cui ci si immerge con passione.
Protagonista indiscusso della narrazione è appunto il commissario Argenti. Un uomo con qualche problema, un
"Marcantonio di un metro e ottanta sette, di 42 anni, forte come un mulo",
Che è costretto, a causa di un incidente che ha parecchio dell'inspiegabile, ad assentarsi dal lavoro. Ma lo fa con acredine, vuole tornare ad essere operativo al più presto. I superiori non sono dell'idea, troppi punti oscuri. Ad aiutarlo la collega Bolla Maya, una donna
"Taglia 42, forse 44, un metro e settanta, espressione scazzata naturale",
La quale fa molta fatica a tenere a bada l'esuberanza naturale bdel commissario. La situazione si complica ulteriormente quando Torino vede una serie di omicidi inspiegabili, che sembrano quasi una vendetta. Dunque:
"Dove finisce la vendetta ed inizia la giustizia"?
Un romanzo molto bello e molto articolato. Un testo anche molto profondo, che indaga con perizia nell'animo umano, in una analisi serrata tra grandi temi etici quali il bene, il male, la fede, per cui:
"Il male ha creato l'universo e tutto il resto, compreso il bene, perché da solo non si sarebbe divertito. Il bene, invece, in quanto tale, non potrebbe creare il male, non possiede le conoscenze. Quello che ci hanno raccontato a dottrina sta in piedi solo se lo capovolgi: il male non è il contrappeso del bene, è l'inventore. Questa è ragione, non fede."
Un libro che gode di un fascino e di una attrattiva particolare:il paranormale. Sulla scia di una Torino magica ed esoterica, l'autore si addentra con sapienza, a volte solo sfiorandolo, altre penetrandolo con forza, nell'indicibile, nell'inspiegabile. E lo fa con una evidente cura, rivelando una progressa maturità, sia nella trama quanto nello stile di scrittura. Ma non solo: oltre ad una investigazione perfetta, vi sono molti temi trattati, dalla fragilità dell'essere umano, alla ricerca affannosa e alla qualificazione dei sentimenti, alla felicità, che ci conduce a:
"Delle volte non vediamo, non sentiamo, non vogliamo capire quello che gli occhi ci mostrano. È il desiderio di essere felici a fare di questi scherzi".
Un particolare plauso, quindi, all'autore che si rivela, con questo, particolarmente capace e nella narrazione e nella descrizione. Una trama avvolgente e trascinante nel mistero e nella magia che non può che intrigare con astuzia e simpatia. Una ottima lettura, molto consigliata.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Assolutamente musica
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lo stato dell'unione. Scene da un matrimonio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La notte più lunga
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Una vecchia storia. Nuova versione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La palude dei fuochi erranti
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il treno dei bambini
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La bambina del lago
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il pittore di anime
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Rosamund
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
I testamenti
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
L'istituto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri