Il figlio del mago Il figlio del mago

Il figlio del mago

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Estate 1993. Da qualche mese il Vampa è in carcere accusato di essere il Mostro di Firenze, ma le morti senza risposta non sono finite. Antonio, che a quindici anni ha appena ottenuto la licenza media, deve crescere tutto d’un colpo quando viene ritrovato il cadavere del padre nel suo camper incendiato. Lo chiamavano il mago, per via dei giochi di prestigio e degli oroscopi, ma chissà che non nascondesse più di un segreto. Mentre l’afa invade i paesi e la luna illumina d’argento le colline svuotate, Antonio si mette alla ricerca della verità. Tra le macerie del camper trova un mazzo di rose rosse, che pare una firma. Una a una, crollano le sue certezze di ragazzo: entra in una spirale di perversione e misteri che mieterà altre vittime. Con mano da maestro e ispirandosi alla cronaca di quegli anni, Dazieri ci racconta i delitti irrisolti di allora, collaterali al caso epocale del Mostro. E ci accompagna in una vitalissima storia di formazione, straziante e turbolenta.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il figlio del mago 2023-08-10 09:29:58 sonia fascendini
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
sonia fascendini Opinione inserita da sonia fascendini    10 Agosto, 2023
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Chiudemmo gli occhi e aspettammo

Sandrone Dazieri immagina un ragazzo quindicenne nel 1993. Gli capita di vivere in quella Toscana funestata dai delitti del mostro di Firenze. un mostro che è in carcere, ma che non convince molti. la scia di terrore che ha lasciato nelle campagne fiorentine ancora continua a fare sussultare chi vi si addentra. Ma poi e soprattutto, le cose stanno come si racconta o dietro ci sono ancora misteri irrisolti? Chi veramente faceva parte di quel fantomatico gruppo di assassini dediti a riti satanici, a orge e ad atroci delitti? Di tutto questo Antonio si preoccuperebbe poco, se non fosse che suo padre: il mago, muore in un incendio nella suo roulotte. Una rapida indagine nel campo di giostrai in cu è avvenuta la morte liquida la questione come un tragico incidente. Pare che l'uomo, noto astrologo, abbia lasciato qualcosa sul fuoco, e da lì il fuoco si sia propagato nella sua roulotte trovando strada facile grazie ai numerosi materiali infiammabili di cui era composta. Me, e se non fosse così? Spinto dalla curiosità Antonio si introduce nel deposito dove è sotto sequestro il mezzo e trova appeso sopra il sedile un mazzo di rose rosse chiaramente poste lì di recente. Questo e l'insistente richiesta di riavere un pacco appartenuto al padre, fatto da un presunto amico di famiglia lo mette in allarme e lo spinge a farsi delle domande su una vita segreta del padre, magari collegata al mostro. Scopre alcune cose, altre le sospetta, altre ancora non osa neppure tradurle in parole. Alla fine con la sua ragazza si chiede " Forse il mostro di Firenze non c'entrava, forse mio padre aveva aperto il gas per errore. Magati i fiori, i ladri, i libri di magia erano avvenimenti senza ragione."
Questo libro parte con delle premesse importanti. La scelta di abbinarlo a un caso, che anche se piuttosto datato, ancora stuzzica la curiosità dei più è stata certamente una balla furbata da parte dell'autore. Il modo in cui è stata sviluppata la trama, però mi ha entusiasmato poco. Non tanto il fatto che in definitiva non ci vengono date delle risposte chiare. Avevamo dei dubbi all'inizio e ce li teniamo fino alla fine. In realtà trova che il libro sia piuttosto lento, con colpi di scena poco clamorosi, spesso scontati. I personaggi sono privi di spessore: delle caricature dei cattivi. Probabilmente si tratta di qualcosa di voluto visto che anche nella realtà abbiamo avuto modo di conoscere più dei poveri diavoli che dei feroci demoni. questi ultimi probabilmente sono rimasti ben nascosti. Lo stesso autore nelle note finali cita tutti i delitti di quel periodo a cui si è ispirato e che sono stati considerati probabilmente collegati a quelli del mostro, anche se le indagini non hanno portato a risposte certe. Tenuto conto anche di questo fatto concluderei con un bravo per l'impegno, anche se il risultato finale è poco convincente. Non sempre basta la fantasia e la capacità di narratore per riempire i buchi che mancano nel racconto della realtà.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'orizzonte della notte
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Five survive
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Compleanno di sangue
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La prigione
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Day
Day
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Morte nel chiostro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Pesci piccoli
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Cause innaturali
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Tutti i particolari in cronaca
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)
Dare la vita
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'età fragile
Valutazione Utenti
 
3.2 (3)
Il rumore delle cose nuove
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

L'orizzonte della notte
Pesci piccoli
Omicidio fuori stagione
Tutti i particolari in cronaca
Il giudice Surra e altre indagini in Sicilia
La forma dei sogni
Riusciranno i nostri eroi a ritrovare l’amico misteriosamente scomparso in Sud America
Soledad. Un dicembre del commissario Ricciardi
Sua Eccellenza perde un pezzo
Il sale sulla ferita
L'educazione delle farfalle
L'ultimo ospite
La morra cinese
Colpo grosso ai Frigoriferi Milanesi
Colpo di ritorno
Il figlio del mago