Narrativa italiana Gialli, Thriller, Horror La libreria dei gatti neri
 

La libreria dei gatti neri La libreria dei gatti neri

La libreria dei gatti neri

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Grande appassionato di gialli, Marzio Montecristo ha aperto da qualche anno nel centro di Cagliari una piccola libreria specializzata in romanzi polizieschi. Il nome della libreria, Les Chats Noirs, è un omaggio ai due gatti neri che un giorno si sono presentati in negozio e non se ne sono più andati, da lui soprannominati Miss Marple e Poirot. Nonostante il brutto carattere del proprietario, la libreria è molto frequentata, ed è Patricia, la giovane collaboratrice di Montecristo, di origini eritree, a salvare i clienti dalle sfuriate del titolare. La libreria ha anche un gruppo di lettura, “gli investigatori del martedì”, un manipolo di super esperti di gialli che si riuniscono dopo la chiusura per discettare del romanzo della settimana. È una banda mal assembrata ma molto unita, di cui Marzio è diventato l’anima, suo malgrado. Un anno prima il gruppo si è dimostrato capace di aiutare una vecchia amica di Montecristo a risolvere un vero caso da tutti considerato senza speranza. Ora la sovrintendente Angela Dimase torna a chiedere la loro collaborazione per un’indagine che le sta togliendo il sonno: un uomo incappucciato si è presentato a casa di una famiglia, ha immobilizzato due coniugi e il loro figlioletto e ha intimato all’uomo di scegliere chi doveva morire tra la moglie e il figlio; se non avesse deciso entro un minuto, li avrebbe uccisi tutti e due. Il sadico killer viene presto soprannominato «l’assassino delle clessidre», visto che sulla scena del crimine ne lascia sempre una. Riusciranno gli improbabili “investigatori del martedì” a sbrogliare anche questo caso, intricato quanto agghiacciante, permettendo alla polizia di fermare il feroce assassino prima che colpisca di nuovo?



Recensione della Redazione QLibri

 
La libreria dei gatti neri 2023-01-28 16:41:09 Valerio91
Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
3.0
Valerio91 Opinione inserita da Valerio91    28 Gennaio, 2023
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Forzato e banalotto

Piergiorgio Pulixi è uno di quegli autori che mi hanno sempre incuriosito, considerato il suo discreto successo, e di cui mi ero prefisso prima o poi di leggere qualcosa. Quel momento è arrivato e, tuttavia, la sensazione è che mi ha dato questa lettura non è delle migliori. È sicuramente un libro che si lascia leggere, che mettendosi d’impegno si potrebbe finire anche in un giorno, ma… ci sono diverse pecche che non mi sento di ignorare.
Voglio partire, come sempre, dallo stile: come ho detto la prosa di Pulixi si lascia leggere con facilità, ma a questa fluidità si accompagnano spesso delle banalità quasi da principiante, delle frasi stereotipate che sanno di scrittore esordiente. È proprio questa la sensazione che si avverte nel corso di tutto il romanzo: di avere a che fare con l’opera prima di un autore, di quelle produzioni giovanili che si rileggono dopo anni e fanno sorridere per ingenuità e inesperienza. E questo non riguarda solo lo stile, ma anche lo scarso peso che viene dato agli eventi e alle relazioni interpersonali tra i personaggi: manca tutto di profondità, di sfumature, a volte anche di senso; come se i personaggi fossero costretti ad essere bidimensionali pur di rispettare il ruolo che l’autore gli ha affidato, senza lasciare spazio alla complessità. Giusto per fare un esempio sul protagonista, Marzio Montecristo, l’autore ha deciso che debba essere a tutti i costi un uomo burbero con gli adulti e con i clienti (è proprietario di una libreria) e dunque li manda indiscriminatamente tutti a quel paese, come se fosse qualcosa di inevitabile e matematico, al preciso scopo di strappare una risata al lettore. Qualche volta ci riesce, ma spesso si avverte la forzatura, si capisce quanto Pulixi sacrifichi la credibilità del personaggio al suo scopo comico. E questo non è piacevole né limitato al solo protagonista.
Sebbene l’idea di un gruppo di lettura a tema gialli che si trasformi in una piccola squadra investigativa sia molto carina, l’ho trovata poco sviluppata. Difatti, considerate le conclusioni alle quali giunge il gruppo, anche un uomo normale con un po’ di sale in zucca avrebbe potuto avere le stesse intuizioni, gettando un’ombra sulle capacità investigative della polizia.
La trama è davvero molto semplice e sorge più di qualche dubbio riguardo ai moventi, dell’assassino e non. Evito di dire altro per evitare spoiler, ma se leggerete il romanzo capirete. Oltre ciò, il problema continua a essere il peso: quando l’assassino viene scovato, viene trattato con i guanti e quasi com benevolenza. Va bene i traumi, va bene le ingiustizie, ma questo tizio ha ucciso a sangue freddo diverse persone: possibile che nessuno si spaventi o ne sia in qualche modo disgustato? È tutto troppo buttato lì, senza un barlume di complessità, né nell’intreccio né nella psicologia dei personaggi.
Penso che oltre a qualche buona idea (che come ho già detto è però poco sviluppata) e al fatto che si legga davvero in pochissimo tempo, si fatichino a trovare altri pregi a questo giallo; che consiglio solo agli amanti del genere che hanno come unica pretesa quella di passare un pomeriggio a leggere.

Trovi utile questa opinione? 
180
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
2.4
Stile 
 
3.0  (2)
Contenuto 
 
2.5  (2)
Piacevolezza 
 
2.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La libreria dei gatti neri 2023-05-17 19:11:03 sonia fascendini
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
sonia fascendini Opinione inserita da sonia fascendini    17 Mag, 2023
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Buoni consigli di lettura

Questo giallo non mi ha per nulla entusiasmata. Una via di mezzo tra i gialli classici e alcune serie televisive dedicate ai polizieschi soft. Ambientato a Cagliari in una libreria dedicata ai libri gialli, il romanzo ci racconta le vicende di un gruppo di lettura che ha il merito di tenere a galla il negozio in cui si svolgono le loro riunioni settimanali. La loro enciclopedica conoscenza di libri del genere viene vista dalla polizia locale come un valore di cui approfittare. Vengono così convolti in una vera indagine. Già l'idea mi sembra piuttosto banale, visto che di investigatori dilettanti che aiutano la polizia in modo maldestro, ma che misteriosamente riescono sempre a risolvere con un colpo di genio il mistero, ce ne sono a bizzeffe. A seguire il gruppo di lettura non solo è male assortito, ma sconfina pericolosamente nella macchietta. Però mi è piaciuto molto che l'autore citasse parecchi titoli di gialli, col pretesto di consigliarli ai clienti del negozio. Bello che uno scrittore utilizzi un suo libro per promuovere la lettura e che decida di omaggiare alcuni suoi prestigiosi colleghi inserendoli nella trama del suo romanzo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
La libreria dei gatti neri 2023-03-08 10:29:56 ornella donna
Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
2.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    08 Marzo, 2023
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Les Chats noir

Piegiorgio Pulixi firma il suo ultimo libro, intitolandolo La libreria dei gatti neri. Il romanzo è una piccola chicca letteraria, infatti, non solo racconta una bella avventura di genere, ma è in sé e per sé un omaggio alla letteratura gialla, grazie ai continui riferimenti e ai consigli di lettura. La trama potrebbe essere, così, riassunta:
“Un pensionato malinconico, un frate fin troppo vivace, una ottantenne fissata con i serial killer, una ragazzina che si veste dark, e sogna di uccidere qualcuno e un libraio sull’orlo del fallimento.”
Il libraio di cui si parla è Marzio Montecristo, un uomo che guida con maestria,
“una Moto Guzzi, modello Eldorado del 1973. E’ burbero con gli adulti, ma è incantevole con i bambini.”
Ha un carattere piuttosto fumantino, e al limite dell’impossibile, è titolare di una libreria a Cagliari, specializzata in libri gialli, chiamata Les Chats Noir, in omaggio a due gatti neri che vi sono entrati e non sono più usciti, da lui chiamati Miss Marple e Poirot. Il locale, visto il modo di fare del proprietario, non avrebbe neppure un cliente, se non fosse per Patricia,
“aveva ventotto anni, solo dieci in meno di lui, ma incarnava ancora la spensieratezza e la radiosità della giovinezza. Era un tesoro di ragazza , sempre allegra e sorridente, e il suo animo non pareva mai oscurarsi per la minima preoccupazione.”
Nella libreria si è anche organizzato un gruppo di lettura, chiamato “Gli investigatori del martedì”; chiamato oggi ad investigare su una serie inusuale di omicidi commessi da un killer spietato. Riusciranno i componenti al gruppo a scoprire il vero colpevole? Magari aiutati dai due simpatici gatti neri?
Un giallo tipico e classico, ricco di una notevole dose di humour. Il romanzo racchiude in sé tutte le caratteristiche positive per attirare i lettori: gli omicidi commessi da un killer, denominati “delle clessidre” perché sul luogo del misfatto se ne trova sempre Una, i consigli letterari e i giudizi sugli autori, i gatti perspicaci, la libreria e quant’altro. In conclusione: un ottimo prodotto commerciale, ben definito e costruito, per gli amanti del genere. Però Pulixi ci ha abituato a meglio, forse si poteva fare di più.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'orizzonte della notte
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Five survive
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Compleanno di sangue
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La prigione
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Day
Day
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Morte nel chiostro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Pesci piccoli
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Cause innaturali
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Tutti i particolari in cronaca
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)
Dare la vita
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'età fragile
Valutazione Utenti
 
3.2 (3)
Il rumore delle cose nuove
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

L'orizzonte della notte
Pesci piccoli
Omicidio fuori stagione
Tutti i particolari in cronaca
Il giudice Surra e altre indagini in Sicilia
La forma dei sogni
Riusciranno i nostri eroi a ritrovare l’amico misteriosamente scomparso in Sud America
Soledad. Un dicembre del commissario Ricciardi
Sua Eccellenza perde un pezzo
Il sale sulla ferita
L'educazione delle farfalle
L'ultimo ospite
La morra cinese
Colpo grosso ai Frigoriferi Milanesi
Colpo di ritorno
Il figlio del mago