Narrativa italiana Gialli, Thriller, Horror La loggia nera dei veggenti
 

La loggia nera dei veggenti La loggia nera dei veggenti

La loggia nera dei veggenti

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Mentre nel pieno della seconda guerra mondiale le nazioni sono impegnate a combattere su tutti i fronti, alcuni agenti segreti specializzati nello spionaggio psichico si danno la caccia senza tregua. Una cellula misteriosa, il Panopticon, ha una missione ai limiti dell’impossibile: scoprire se la Wunderwaffe, l’“arma meravigliosa” dei nazisti, esiste davvero, e impossessarsene. Nel frattempo a Roma, uno scrittore costretto a guadagnarsi da vivere come sensitivo si trova suo malgrado coinvolto in questa pericolosa guerra di spie. Si chiama Lio Rol, e a causa dell’esplosione di una mina ha dimenticato molte, troppe cose. Persino di avere una sorella. Ma chi è davvero Lio Rol?

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.4
Stile 
 
4.0  (2)
Contenuto 
 
4.5  (2)
Piacevolezza 
 
4.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La loggia nera dei veggenti 2015-07-12 08:17:24 Attilax
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Attilax Opinione inserita da Attilax    12 Luglio, 2015
  -   Guarda tutte le mie opinioni

La spia che vede il futuro.

Anche io, come il commentatore precedente, non capisco perché si ostinino a scrivere "thriller" sulle copertine di questo autore. La loggia nera dei Veggenti, come gli altri romanzi di Delizzos che ho letto, è uno "storico". Con azione, colpi di scena, suspense, questo sì, ma non lo si può definire un thriller in senso stretto. L'argomento del romanzo è lo spionaggio internazionale, lo spionaggio psichico dietro le quinte del Terzo Reich, per la precisione. Un argomento originale che mi ha appassionato parecchio, insieme alla scrittura, molto curata, e ai personaggi, decisamente particolari. Quello principale, ad esempio, è uno scrittore che si guadagna da vivere facendo il sensitivo. Poi ci sono un'attrice che sogna Hollywood, un gesuita astrofisico, spie che vedono il futuro... Il plot è così finemente intrecciato che non si può dire molto senza svelare dei dettagli che rovinerebbero la lettura. Sorprendente e avvincente. Da leggere.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore

La loggia nera dei veggenti 2013-08-14 14:20:30 Gondes
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Gondes Opinione inserita da Gondes    14 Agosto, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

LA LOGGIA NERA DEI VEGGENTI

Questo è il secondo libro che leggo di questo autore e anche in questa occasione sono rimasto soddisfatto della mia scelta. Non lo riterrei un thriller come invece riportato in copertina perché credo appartenga più al genere avventura. Questa volta Fabio Delizzos si è ispirato alla ormai accertata notizia secondo la quale il Terzo Reich teneva molto in considerazione l’aspetto sopranaturale, affidandosi molte volte hai consigli di qualche veggente per prendere le loro decisioni.
La trama si sviluppa in maniera molto fantasiosa attorno ad un giro spie e contro spie alla ricerca di una ipotetica arma in mano ai tedeschi, capace di cambiare il corso della guerra, che ormai sta sfuggendo di mano ad Hitler. Gli scienziati tedeschi sono ormai prossimi alla consegna di questa super arma (potrebbe anche essere interpretata come la bomba atomica), ma ancora mancano gli ultimi "tocchi finali". Per far questo le famose SS tedesche sono alla ricerca di sensitivi che possano federe nel futuro prossimo e capire se l’arma produrrà i risultati sperati. Fra questi ispiranti sensitivi verrà infiltrato un spia italiana che dovrà carpire i segreti nazisti ed agevolare le sorte della guerra in favore degli alleati.
Ritengo questo scrittore particolarmente bravo a prendere come punto fermo della sue storie avvenimenti o elementi facilmente riconducibili alla realtà e conglobarli in una storia fantasiosa ma sempre ancorata ad un qualcosa di tangibile. In questo modo le sue storie, hanno sempre quella gusta dose di magia, dove la fantasia può viaggiare e abbandonarsi ad una bella avventura all’insegna dell’azione.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ultima canzone del Naviglio
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Uomini di poca fede
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Violette di marzo
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quanto blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Le peggiori paure
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Le confessioni di Frannie Langton
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una donna normale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La signora del martedì
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nero come la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il bambino nascosto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Gli informatori
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La ricamatrice di Winchester
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri