La setta degli angeli La setta degli angeli

La setta degli angeli

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Uno scandalo nella Sicilia del 1901. L’avvocato Matteo Teresi scopre che nel suo paese esiste una setta segretissima. Composta da preti e da alcuni notabili, la «setta degli angeli» organizzava esercizi spirituali per vergini devote o giovani donne in procinto di maritarsi per prepararle alla vita coniugale. Gli esercizi, che si svolgevano in sacrestia nelle ore in cui le chiese erano chiuse ai fedeli, dovevano portare le ragazze «alla comunicazione con la grazia divina e all’elevazione a gradi sublimi di perfezione». In realtà, com’è facile intuire, gli esercizi consistevano in «atti ignominiosi» ai quali le giovani venivano indotte dai preti e dai pochissimi eletti che però agivano incappucciati. Scoppiato lo scandalo a livello nazionale grazie a Teresi, proprio per lui cominciano i guai.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 7

Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.7  (7)
Contenuto 
 
4.7  (7)
Piacevolezza 
 
4.9  (7)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La setta degli angeli 2014-08-05 17:41:01 Renzo Montagnoli
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Renzo Montagnoli Opinione inserita da Renzo Montagnoli    05 Agosto, 2014
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un bunga bunga di inizi ‘900

Scrive l’autore, in una nota finale: “ Questo romanzo volutamente stravolge, fino a renderli irriconoscibili tanto da sconfinare nel campo della pura fantasia, i fatti che realmente accaddero in un paese siciliano, Alia, all’inizio del secolo scorso. Un prete, Rosolino Martino, viene deferito all’Autorità Giudiziaria per corruzione di ragazze minorenni. Un ex farmacista del luogo, Matteo Teresi, che dalle pagine di un suo giornaletto, , combatte le prepotenze dei mafiosi, degli agrari e del clero, comincia un’indagine su quel fatto e arriva alla strabiliante scoperta che i preti di Alia hanno fondato una setta segreta che , come spiega Gaetano D’Andrea, ex sindaco di Alia.”.

Quindi se lo spunto di questo romanzo è un fatto realmente accaduto, la sua realizzazione è invece frutto di pura creatività, e di quanto avvenne agli inizi del secolo scorso veritieri e conformi sono solo il nome del protagonista, Matteo Teresi, e del suo giornale, nonché il brano di un articolo di Don Luigi Sturzo.
Comunque, l’abilità inventiva di Camilleri è tale da convincersi, pagina dopo pagina, che le cose sono andate esattamente così, anche perché l’autore profonde a piene mani, soprattutto nella prima parte, una travolgente verve comica. Insomma, si ride e anche volentieri, cosa non da poco in un’epoca in cui l’autentica comicità sembra essersi persa per strada. Ma è un riso che alla fine lascia un sapore amaro in bocca, perché, come si potrà leggere, ancora una volta affiora l’impegno civile di questo scrittore particolarmente prolifico. E chi si attende un lieto fine, del tipo “ e tutti vissero felici e contenti” se lo scordi, perché se l’assenza di verità è un male, il rifiuto di conoscenza della stessa è ancor peggio e così può capitare, come nel libro, che l’integerrimo cittadino che ha scoperchiato le pentole del diavolo venga poco a poco escluso dalla società, un isolamento che non di rado può portare alla morte, e non solo per suicidio, ma anche per omicidio.
Teresi, a suo modo, è un eroe, e come tale lo è perché incosciente, non comprendendo la natura dei suoi compaesani che prima lo portano sugli altari e poi lo relegano in un angolo remoto. Toccare la mafia, la nobiltà, il potere economico, il clero, tutte caste in combutta fra loro, significa emarginarsi, magari anche per l’atteggiamento di chi si voleva proteggere, più incline a un quieto vivere, così che dopo un polverone, in cui sembra che tutto cambi, tutto ritorna uguale, come se non fosse avvenuto niente. La staticità della struttura non può accettare chi mina la stessa e infatti Teresi, anche nella realtà, dovrà andarsene in America.
Romanzo godibilissimo, che quasi si divora, accompagnato da una vena d’ironia e di sarcasmo, La setta degli angeli sembra confermare il concetto che la storia è ripetitiva e che fatti, modalità e risultanze di tanto in tanto si ripropongono. L’orgia dei preti in fondo non era che un bunga bunga dell’epoca e quindi cosa è cambiato? Nulla, perché il paese é ingessato e perpetua i suoi difetti in una decadenza inarrestabile.
Da leggere, senz’altro, perché è meritevole della massima considerazione.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
La setta degli angeli 2012-03-31 14:42:41 Nadiezda
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Nadiezda Opinione inserita da Nadiezda    31 Marzo, 2012
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

…o dei diavoli?

Eccomi a recensire un altro libro di Camilleri, come avrete capito, questo scrittore mi ha appassionato.

Si tratta di un giallo-storico, ma questa volta il protagonista non è il conosciutissimo Commissario Montalbano.

Si narra un fatto storico realmente accaduto in Sicilia e di un avvocato che denunciando il fatto passa dalla parte del torto.
Il fatto è avvenuto precisamente ad Alia (nel romanzo chiamata Palizzolo), fece nascere uno scandalo di portata nazionale che provocò l’intervento di Filippo Turati e Don Sturzo.

Passiamo alla trama del libro.

Siamo nella Sicilia del 1901 ed un avvocato scopre una setta segreta chiamata “setta degli angeli” la quale era composta da preti e persone note del luogo.
Quest’ultimi attiravano a sé le ragazze giovanissime o in procinto di sposarsi per svolgere degli strani “esercizi spirituali” nelle sagrestie delle chiese.

L’autore anche in questo romanzo scrive in siciliano anche se è un dialetto più stretto del solito non ho avuto problemi di comprensione.
Tutto in questo libro è nuovo, i personaggi e la cittadina sono totalmente cambiati dagli altri racconti.

La prima parte secondo un mio parere è stata più veloce ed interessante in confronto alla seconda, ma in complesso mi sento di volerlo consigliare.
Un libro che mi ha molto conquistato e che ho terminato di leggere in poche ore.
Una storia diversa dalle altre perché in questo fatto sono i cattivi a vincere e non i buoni come di solito accade.

La morale sicuramente mi ha lasciato l’amaro in bocca.
“Il rifiuto della conoscenza della verità!”

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
I libri di Camilleri
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
La setta degli angeli 2012-02-22 20:45:06 Tanu
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Tanu Opinione inserita da Tanu    22 Febbraio, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

E' veramente cambiato qualcosa?

Camilleri in agrodolce in questo romanzo che racconta una storia di ordinario squallore che si svolse a inizio 1900 nel paese di Alia (Palizzolo nella finzione) in cui un gruppo di preti approfitta della credulità di un gruppo di giovani vergini, alcune minorenni, scatenando una vera e propria caccia al ... diavolo! Un brillante capitano dei Carabinieri si allea ad un avvocato /giornalista, considerato il Male per le sue idee moderne e anticlericali, scoprendo la losca faccenda. Ma i due saranno eroi per un giorno: ben presto, la loro intraprendenza scatenerà la reazione del clero, della politica e della Mafia che uniti .... beh, non voglio rovinarvi il finale. Camilleri si conferma uno dei più grandi scrittori italiani degli ultimi 30 anni.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Camilleri, Carofiglio
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
La setta degli angeli 2012-01-29 10:15:41 Sherazade
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Sherazade Opinione inserita da Sherazade    29 Gennaio, 2012
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Divertente e reale

?"Paìsi di settimila bitanti, assistimato proprio al centro di granni latifondi, nel milli e novicento e uno Palizzolo vantava dù marchisi, quattro baruni, un duca di centodù anni che non nisciva cchiù dal castello e un martiri antiborbonico, l'avvocato Ruggero Colapane, 'mpiccato sulla pubblica piazza per aviri aderito alla Repubblica partenopea.
Ma il vanto maggiore erano le otto chiese, ognuna addotata di campanile e di campane accussì potenti che quanno sonavano tutte 'nzemmula per le case era priciso 'ntifico a 'na passata di terremoto."
E' davvero una piccola gioia leggere un libro storico di Camilleri. Un avvenimento realmente accaduto all'inizio del secolo scorso ad Alia, "il rifiuto della conoscenza della verità". Si stigmatizza chi indica il reato, l'immoralità o l'atto vergognoso molto più di chi ne è colpevole. Bello come "Il re di Girgenti" o "La presa di Macallè" o tutti gli altri..E' la nostra storia, la storia dei paesini bigotti che gridano "all'untore" consapevoli dei propri scheletri nascosti e rifiutati. Se non fosse tragicamente reale ci sarebbe ridere e, tuttavia, la capacità del Maestro di divertire scatenando profonde e solitarie risate è notevole nonostante l'istintiva, razionale, indignazione. Mi piace troppo Camilleri, il Camilleri dei romanzi storici è superlativo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
il re di Girgenti e tutti i romanzi storici di Camilleri
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
La setta degli angeli 2011-12-16 16:02:15 Marco Longo
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Marco Longo Opinione inserita da Marco Longo    16 Dicembre, 2011
  -   Guarda tutte le mie opinioni

La ruota comincia a girare al contrario

La ruota comincia a girare al contrario, comincia il riflusso… ma alla fine, in un modo o nell’altro, tutto si sistema! Chi si è “macchiato” di colpa viene fuori lindo e puro, chi ha fatto in modo che la colpa venisse smascherata è costretto a far le valigie, vedendo intorno a sé solo terra bruciata e sguardi sfuggenti. E così, la quotidianità di un piccolo paesino come “Palizzolo” torna a sopravvivere: tra le liti dei soci dell’aristocratico Circolo “Onore e Famiglia”; tra le prediche dei parroci delle otto chiese del paese, corredati dal rispettivo stuolo di “fedeli”; tra le avventure e le sventure di un capitano dei Carabinieri (piemontese spedito in Sicilia!) e di un avvocato-giornalista. E quest’ultimo diventa, suo malgrado, il protagonista della storia, visto prima come il diavolo in persona, poi come l’esempio del coraggioso che ha agito da idealista, poi nuovamente come blasfemo e sovversivo. Il Don Chisciotte delineato da Camilleri è un avvocato che difende gli ultimi, affiancando alla sua vicinanza nei confronti dei più deboli il suo lavoro di giornalista pungente e realista. Ma ciò lo rende inviso agli occhi dell’aristocrazia temporale e spirituale: è lui che difende “ i morti di fame, quelli che non hanno gana di travagliari, i sovversivi, i privi d’onore” e sono sue le “nefandezze con tutta evidenza ispirate dal diavolo”. E malgrado si aspettasse un minimo di riconoscenza da parte dei suoi compaesani, “la rota ha principiato a girari all’incontrario…”.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
La setta degli angeli 2011-11-19 16:28:24 cesare giardini
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
cesare giardini Opinione inserita da cesare giardini    19 Novembre, 2011
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Quando nobiltà, clero e mafia fanno squadra...

Ecco uno spaccato istruttivo e ,nello stesso tempo, desolante della Sicilia dei primi anni del Novecento. Camilleri abbandona temporaneamente il commissario Montalbano ed esplora da par suo l’ambiente siciliano di più di un secolo fa, ricordandoci un fatto sconvolgente e realmente accaduto in un paese siciliano di poche migliaia di abitanti ( Alia), dove i parroci delle chiese della comunità, riuniti in una specie di setta, corrompono giovani “picciotte” (anche minorenni), inducendole a pratiche abominevoli come strumento per acquisire indulgenze divine. Un avvocato coraggioso scopre i fattacci, accusa i colpevoli (che vengono sospesi e allontanati) ma, ahimè, deve fare i conti con il gretto ambiente locale, ove i nobili, il clero e la mafia erigono muri di omertà, insabbiano la verità (con la complicità delle istituzioni) e inducono il malcapitato avvocato a gettare la spugna e ad abbandonare l’isola e l’Italia riparando da parenti americani. Mentre nelle indagini di Montalbano, così seguite e amate dal grande pubblico, Camilleri incentra il racconto sulle vicende poliziesche e sui rapporti che le stesse hanno con gli interessi dei boss locali e con l’ottusità e l’insipienza di autorità e politici, nei romanzi sociali ( che non tutti forse apprezzano) l’Autore mette a nudo il suo animo generoso e onesto, denunciando scomode verità e mettendo in luce piena torti e ingiustizie di un mondo arcaico fondato sui privilegi delle caste e sulla stupida arroganza del potere. Camilleri vuole forse sottintendere ( e con piena ragione) che oggi, forse, non molto è cambiato e che la mentalità di certe “caste”pervade la nostra vita sociale e politica in modo più sottile e sofisticato. “ La setta degli angeli” è da leggere e meditare , per riflettere su un mondo non del tutto scomparso e mentalità non del tutto desuete . I tifosi del simpatico commissario Montalbano,messo per ora a riposo,si tranquillizzino : si cimenterà presto in una nuova indagine nel prossimo romanzo di Camilleri.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
I romanzi sociali di Camilleri
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
La setta degli angeli 2011-11-17 10:15:08 bucintoro
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
bucintoro Opinione inserita da bucintoro    17 Novembre, 2011
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

la setta degli angeli

ennesima dimostrazione, nel caso ce ne fosse bisogno, delle capacità incredibili del Sig. Camilleri. ci fa immergere totalmente in un atmosfera sicula al punto che ci sembra di sentire persino i profumi di questa terra meravigliosa e ancora selvaggia. a differenza di altri suoi libri, in questo lo scritto dialettale è molto presente, al punto che , nel mio caso, la lettura andava a rilento,non comprendendo all'istante tutte le parole. la storia è interessante e accattivante. non vi è montalbano, ma di indagini si tratta per scoprire chi ha messo in cinta 4 ragazze del paese, assolutamente caste e tutte "casa e chiesa ". un bel libro, non c'è che dire.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'uomo dello specchio
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Donne dell'anima mia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La donna degli alberi
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il libro della polvere. Il regno segreto
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La biblioteca di mezzanotte
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
L'appello
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Buonvino e il caso del bambino scomparso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
V2
V2
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Amo la mia vita
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Gli ultimi giorni di quiete
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Dimmi che non può finire
Valutazione Utenti
 
4.9 (2)
La città dei vivi
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri