La stagione dei ragni La stagione dei ragni

La stagione dei ragni

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

È una notte d'estate del 1988, e a Torino si verifica un evento inspiegabile: il ponte Vittorio Emanuele I è completamente invaso da colonie di ragni, con lunghissime ragnatele sul parapetto che porta al santuario della Grande Madre. Quasi un prodigio, che attirerà decine di curiosi. Intanto il sostituto procuratore Francesco Scalviati si trova dalle parti del Pian del Lot, sulla scena di un crimine: una coppia di fidanzati uccisi in macchina in un luogo solitario. È il terzo, feroce omicidio che sembra imputabile alla stessa mano. Un caso cruciale e insidioso per il magistrato, in un momento particolarmente delicato della sua vita, visto che sta per diventare padre. Tra i presenti sulla scena c'è anche Leda De Almeida, giornalista investigativa con un passato traumatico in Libano, che Scalviati tenta di dissuadere dall'intraprendere un'indagine autonoma che potrebbe rivelarsi pericolosa. Ma a dare una svolta imprevista agli eventi sarà l'arrivo di Isaak Stoner, giovane e arrogante analista dell'FBI, che offre a Scalviati i nuovi potenti strumenti della criminologia, come il profiling e la teoria degli omicidi "seriali", ancora sconosciuti in Italia. Seppur affascinato da queste idee innovative, Scalviati non riesce a fidarsi completamente del collega americano, convinto che nasconda un segreto. Nel frattempo, si avvicina il giorno del parto per sua moglie: sarà una bambina, ma i due non riescono a deciderne il nome. Proprio allora, il "mostro" colpisce di nuovo...



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
4.2
Stile 
 
4.0  (3)
Contenuto 
 
4.0  (3)
Piacevolezza 
 
4.3  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La stagione dei ragni 2022-01-21 09:03:08 Donnie*Darko
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Donnie*Darko Opinione inserita da Donnie*Darko    21 Gennaio, 2022
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Quei bellissimi (ed inquietanti) anni '80

Thriller incisivo dal sapore nostalgico in cui Barbara Baraldi ritorna agli anni '80, periodo di grandi cambiamenti e di importanti avvenimenti socio-culturali. Una colonna sonora perfettamente in linea ci guida alla scoperta di una Torino il cui lato esoterico non può essere ignorato, mentre la rivoluzione in atto investe anche la stesura dei profili criminali. L'autrice affida le indagini ad un magistrato in chiaro ossequio a due mai troppo compianti paladini della giustizia nazionale come Falcone e Borsellino. In generale è palese come tragga ispirazione da personaggi che nel bene o nel male in quel periodo imperversarono. A partire dalla definizione dell'assassino, ispirato alle famigerate gesta del Mostro di Firenze, o alla cronista d'assalto Leda De Almeida capace di suscitare il commosso ricordo di Ilaria Alpi. Il romanzo è ben articolato attorno ad un gruppo di personaggi eterogenei per lo più ben definiti, con una serie di avvenimenti collegati con efficacia tra loro e descritti sfruttando una cifra stilistica diretta, per nulla volgare e mai tediante. Il colpo di scena giunge sempre strutturato con accuratezza, figlio di un'ossatura logica mai forzata. Brillante il collegamento con l'anomalia posta in apertura (ponte Vittorio Emanuele invaso da innumerevoli ragni), mentre il finale, un inno alla speranza, si collega direttamente ad uno dei personaggi più celebri nati dalla penna di Baraldi, tramutando il romanzo in una sorta di prequel.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
La stagione dei ragni 2021-07-19 16:10:31 ornella donna
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    19 Luglio, 2021
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una strana invasione a Torino

Barbara Baraldi pubblica La stagione dei ragni, ambientato a Torino , è un libro destinato ad avere un buon successo di pubblico per le sue ottime qualità intrinseche. Una buona narrazione e una vicenda curiosa e trascinante sono i punti forza del testo.
Siamo a Torino nel 1988 e un evento curioso caratterizza il clima della città: una invasione di ragni sul ponte Vittorio Emanuele I ha creato una fitta rete , tale da imbavagliare tutto il ponte. Un segno? Un evento inspiegabile in una città caratterizzata dal mistero e dall’esoterismo? Parallelamente un evento fa parlare tutta la città: il ritrovamento di una coppia di fidanzati uccisi in un parco. E’ solo l’ultimo di una serie di efferati delitti, che hanno del misterioso perché compiuti da
“un assassino invisibile in grado di lasciare dietro di sé una nebbia fitta di misteri.”
Ad indagare un magistrato importante: Francesco Salviati, futuro e prossimo padre di un personaggio molto conosciuto dagli affezionati lettori di Barbara Baraldi, ovvero è il padre di Aurora. Parallelamente alle sue inchieste ufficiali un’altra persona apre una investigazione del tutto personale: la giornalista Leda De Almeida, donna dai mille volti e dalle mille ferite. Chi scoprirà la verità per primo? Il male sarà sconfitto o no? Il mistero aleggia e porta molto lontano, fino in America!
Così come un ragno tesse finemente la propria tela, così l’assassino e l’autrice tessono una trama intricata, che cattura con arguzia e perizia narrativa il lettore. La trama è forte e travolgente, la prosa precisa e coinvolgente, i personaggi minuziosamente descritti. Un giallo di qualità per lettori amanti del genere. Un nuovo e sicuro successo per una scrittrice che mescola bene mistero, esoterismo, e violenza in un mix di fascino letterario, destinato a lasciare il segno. Ottimo, ben descritto e ben delineato. Per chi ha vissuto gli anni ’80 e li ha amati come non mai. Con nostalgia e passione per anni indimenticabili.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Agli amanti del giallo e a chi ha vissuto ed amato con passione gli anni '80.
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
La stagione dei ragni 2021-06-16 20:58:43 Martina
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Opinione inserita da Martina    16 Giugno, 2021

"La Stagione dei Ragni" di Barbara Baraldi

Torino, 1988. La città è scossa da qualche mese dagli efferati omicidi di alcune giovani coppie, trovate brutalmente uccise in luoghi isolati, freddate da qualcuno che pare trarre un malsano piacere dal suo macabro operato. C’è qualcosa che non va, si è insediato un componente fuori posto nella vita – altrimenti tranquilla – del capoluogo piemontese; sembra che l’urbe sia pregna di energia maligna, che ne avvelena le strade, gli umori, gli abitanti. La Natura stessa sceglie di palesare il suo malessere in maniera anomala, dando luogo ad un evento tanto prodigioso quanto ripugnante: il ponte Vittorio Emanuele I, nel giro di una notte, diventa il regno di una colonia di ragni dalle considerevoli dimensioni. Una coincidenza bizzarra, apparentemente insignificante, ma che si rivelerà fondamentale nella risoluzione del più terribile caso di cronaca nera che la città abbia mai visto.

Baraldi ha imbastito una trama degna di nota, in cui personaggi complessi e ben definiti intrecciano le proprie storie e personalità al fine di dare un volto e un nome al mostro che ha fatto di Torino il teatro del suo terribile spettacolo di morte. Protagonista indiscusso è Francesco Scalviati, sostituto procuratore il cui cognome non suonerà nuovo ai lettori affezionati di Baraldi: l’uomo che dà la caccia al mostro altri non è se non il padre di Aurora Scalviati, eroina di thriller avvincenti quali “Aurora nel Buio”, “Osservatore Oscuro” e ”L’Ultima Notte di Aurora”. Il magistrato, inizialmente unico sostenitore della teoria che dietro agli assassinii ci sia un solo, spietato killer, viene affiancato nelle indagini da due figure che lo aiuteranno a sbrogliare la matassa intricata di un caso che, altrimenti, sarebbe stato archiviato come l’opera di un gruppo di malavitosi. Queste sono Isaak Stoner, brillante agente dell’FBI volato direttamente da Quantico, V
irginia, per offrire a Scalviati le sue competenze in fatto di analisi comportamentale dei criminali, e Leda de Almeida, intraprendente giornalista d’assalto dotata tanto di coraggio da vendere quanto della rara incapacità di stare zitta e ferma di fronte alle ingiustizie.

Il libro si compone di capitoli ben congeniati, costruiti ad hoc al fine di costringere il lettore a voltare pagina per scoprire cosa avverrà nelle righe successive. Baraldi offre ai suoi personaggi – e di conseguenza ai suoi lettori – la possibilità di accatastare indizi e piste da seguire, tutte egualmente valide, ma si riserva il lusso di smantellare ogni teoria plausibile fino all’ultima, sorprendente, rivelazione.

Diversi sono gli elementi che ho trovato piacevoli e apprezzabili:

In primis, la semplice scelta di ambientare il racconto alla fine degli anni ’80: ciò ha permesso alla scrittrice di utilizzare le prime scoperte in fatto di profiling, introdotte proprio in quel periodo negli States, per imbastire un intreccio avvincente che dona al lettore l’impressione di poter sondare la mente squilibrata di un assassino seriale.
In secondo luogo, i riferimenti alla cultura pop di quegli anni, richiami veritieri e simpatici degli anni ’80 che rendono il romanzo ancor più verosimile. Un esempio? La selezione delle canzoni che fanno da sottofondo a diversi momenti delle vite dei personaggi, passando dai Duran Duran e i Litfiba, per arrivare a Raf.
Forse il mio preferito fra tutti, l’inserimento massiccio all’interno della trama di teorie legate all’esoterismo, storie di folklore dimenticate (o non conosciute) dai più, che regalano quel tocco di mistero a questo thriller e lo rendono ancor più accattivante. Il “Triangolo della Magia Nera e Bianca” costituito da San Francisco, Londra e la nostra Torino conferisce credibilità ai disturbi narcisistici e comportamentali che muovono il serial killer e consente a Baraldi di guidare il lettore in un tour del capoluogo piemontese fuori dal comune: muovendo i suoi personaggi attraverso la Torino esoterica, infatti, l’autrice informa il lettore sui luoghi magici della città, svelandone la simbologia e i segreti ignoti ai più. Allora, chi viene con me in Piemonte a visitare questi posti pregni di magia oscura?
L’affidamento del ruolo di protagonista a un magistrato, piuttosto che a un membro delle forze dell’ordine, che costituisce per la “Stagione dei Ragni” un motivo di distacco dalla maggior parte dei thriller.
Il chiaro rimando all’inquietante – e mai dimenticato – mistero del Mostro di Firenze, che è certamente ben fresco nella mente di chi ha vissuto gli anni ’80 e, più in generale, di tutti gli appassionati di cronaca nera.
A livello stilistico, l’autrice si dimostra molto abile nell’elaborare uno scritto affascinante, composto di un linguaggio semplice, ma non semplicistico: i termini utilizzati, infatti, non sono quelli ricercati dell’italiano aulico, ma ciò non penalizza la scrittura, per nulla superficiale e costruita in maniera impeccabile. L’uso considerevole di subordinate, inoltre, rende a parer mio la lettura più articolata e piacevole. Ho apprezzato molto anche la chiara prevalenza di dialoghi e colpi di scena, ottimi per suscitare nel lettore curiosità e brama di proseguire con la storia capitolo dopo capitolo.

Altro punto estremamente a favore è, per me, la decisione di rendere protagonista una figura femminile molto forte, decisa e pronta a difendere i propri ideali e di vestirla proprio dei panni di una giornalista investigativa ricalcata sul modello di reporter veramente esistite, come Ilaria Alpi e Graziella de Palo.

Ciò detto, è davvero una lettura imperdibile. Ho colto ogni occasione a mia disposizione per poter continuare a leggere, pagina dopo pagina, questo thriller ben congeniato. Il libro conta di 564 pagine che lo stile di Baraldi rende lievi come piume e decisamente rapide da leggere.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La mia giornata nell'altra terra
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La fortuna
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La treccia alla francese
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Città in fiamme
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Ritratto di donna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il tessitore
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il segreto dell'alchimista
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La stanza delle mele
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il ritorno di Sira
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Stalingrado
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Fame blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Vita in vendita
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Undici morti non bastano
Il tessitore
Il gigante e la Madonnina
Terrarossa
Se son rose moriranno
Rancore
Racconti sull'innominabile
Una piccola questione di cuore
Vivi nascosto
Diritto di sangue
Il Francese
Mente oscura
Paesaggio con ombre
Come i tulipani gialli
La ragazza che cancellava i ricordi
Fuoco