Le aquile della notte Le aquile della notte

Le aquile della notte

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Langhe, 1935. La fuliggine delle fabbriche lascia il posto al dolce profilo delle colline infiammate dai colori dell'autunno. Mentre guarda il paesaggio che scorre dal finestrino del treno, Anita sa che ad attenderla non è una vacanza, ma una trasferta di lavoro per la rivista di gialli «Saturnalia», in compagnia dell'immancabile Sebastiano Satta Ascona. Per lei è così raro lasciare Torino che tutto le sembra meraviglioso. Inoltre è il periodo della vendemmia, il momento ideale per visitare le Langhe. Se non fosse che, pochi giorni dopo il suo arrivo, il corpo di un ragazzo viene trovato al limitare del bosco. In quel breve lasso di tempo, Anita ha scoperto che, insieme ad altri coraggiosi coetanei, il giovane faceva parte di un gruppo scout, in segreta violazione dei divieti imposti dal regime. Anita rimane affascinata da quella dimostrazione di carattere. E intanto, forse ispirata dal rosso del vino e dai mille volti di una terra ricca di inaspettati misteri, si avvicina come mai accaduto prima a Sebastiano. Ma perdere il controllo è un rischio, soprattutto se ci sono una verità da scoprire e la morte di un ragazzo a cui rendere giustizia. Anita è consapevole che solo le parole dei suoi amati detective possono mostrarle la strada verso la verità. Anche se il coraggio di non fermarsi davanti a nulla deve trovarlo dentro di sé. E ora ha bisogno di molto coraggio, perché i fili delle sue intuizioni la portano dove non avrebbe mai immaginato. Anita è di nuovo qui e con lei i racconti gialli che hanno fatto la storia della letteratura. Sullo sfondo dei vigneti incantevoli delle Langhe, la morte arriva puntuale, ma anche l'amore. Nessuno dei due in modo semplice, questo ormai Anita l'ha capito.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.4
Stile 
 
3.5  (2)
Contenuto 
 
3.0  (2)
Piacevolezza 
 
3.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Le aquile della notte 2024-03-16 18:33:10 FrancoAntonio
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
FrancoAntonio Opinione inserita da FrancoAntonio    16 Marzo, 2024
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Anita in trasferta

Ottobre 1935, il matrimonio di Anita Bo, maldestra dattilografa della Casa editrice Monné (ma acuta investigatrice sotto traccia) si sta avvicinando a grandi passi e Mariele, sua madre, non perde occasione di precettarla e coinvolgerla nei preparativi della cerimonia. Proprio per questa ragione, la ragazza, sempre meno convinta di voler sposare il bel Corrado Leone, coglie al balzo l’occasione per stare lontano una settimana da Torino. Il federale Sauro Bonatti, futuro suocero del suo capo, Sebastiano Satta Ascona, di cui lei è segretamente innamorata, ha invitato il genero a passare una settimana nelle Langhe dal di lui fratello, in occasione della vendemmia. Ma la rivista di gialli Saturnalia, curata da Sebastiano, non può perdere un'intera settimana di lavoro, così lui, per continuare nelle traduzioni di racconti americani, si dovrà tirar dietro la dattilografa Anita con gran gioia di quest’ultima.
La campagna piemontese cattura col suo fascino autunnale la ragazza, abituata allo smog torinese. Poi, scoprire che alcuni ragazzi del luogo hanno voluto tener in vita lo scoutismo (bandito dal regime) riunendosi segretamente nei boschi, la riempie di gioia.
Purtroppo anche tra le vigne l’orrore è in agguato. Nicola Noero, uno dei giovani scout appena conosciuti, figlio del notaio del paese e cugino dei Bonatti “campagnoli”, viene trovato morto accoltellato, una mattina all’alba, al limitare del noccioleto ove si riuniva con gli altri.
Il primo sospettato è Orlando Bonatti, perché, in tal modo, il ragazzo erediterà il ricco studio notarile dello zio. Però i Bonatti sono potenti e ricchissimi: è improbabile che, seppure colpevole, il ragazzo verrebbe mai condannato.
Questa è l’occasione ideale perché la coppia di investigatori part-time (segretamente antifascisti) formata da Sebastiano e Anita si metta nuovamente in azione per scoprire ciò che è realmente accaduto e, se del caso, scrivere un racconto giallo sotto lo pseudonimo di John Dorcas Smith, il 'nom de plume' con cui hanno già denunciato vari delitti, insabbiati dal regime, camuffandoli da fantasiose gangster story in una immaginaria Rivertown americana.
Ben presto, però, indizi e sospetti punteranno a indicare come colpevole per l’omicidio di Nicola ben altri, in luogo del viscido cascamorto Orlando, e, forse, a rivelare una verità molto dolorosa per gli stessi due intraprendenti investigatori per hobby, i quali, nel frattempo, si scopriranno molto più affini l’uno all’altra, di quanto sarebbe conveniente, per la morale dell’epoca e viste le loro relazioni sentimentali ufficiali.

Quarto romanzo giallo-rosa con protagonista la bellissima, ma altrettanto sbarazzina e intraprendente Anita Bo, in una Torino del ventennio, tra rievocazioni del tempo che fu e semplici intrighi polizieschi.
In questa occasione la dattilografa che si diletta di investigare con il suo capo si reca nelle Langhe e ciò dà l’occasione all’A. di dilettarci con la descrizione delle belle colline piemontesi ammantate dai rossi e dall’oro delle vigne autunnali e di raccontarci la semplice vita di campagna nei tempi che furono. Inoltre, grazie alla forzosa, continuata vicinanza tra Sebastiano e Anita, riesce pure a far evolvere la loro relazione, ormai ben più che professionale.
Lo stile della Bosco è quello consueto: leggero, leggero, forse anche troppo, pur se meno disinvolto e colloquiale che in passato. In ogni caso la prosa continua a fluire in modo brioso e gioviale. Ci vengono risparmiati molti dei tormentoni che infarcivano (e alla lunga appesantivano) i racconti precedenti, quali l’insistita italianizzazione dei termini inglesi o le pleonastiche specificazioni di certe espressioni già di per sé ovvie. L’agilità nella lettura ne trae giovamento e, tutto sommato, non si sente eccessivamente la mancanza dell’effetto comico legato a quegli escamotage.
L’intreccio giallo non è particolarmente complesso e il lettore attento ben preso si trova indirizzato verso la soluzione finale. La storia non è scevra di alcune ingenuità nella ricostruzione storica e nelle modalità in cui operano Anita e Sebastiano: un critico attento, forse, potrebbe ritenere poco credibili molte situazioni narrate. In realtà tutta la descrizione dell’Italia fascista del ventennio pecca di eccessive generalizzazioni e appiattimenti su luoghi comuni e stereotipi. Ma se lo si considera solo come l’inevitabile fondale scenico in cui ambientare le avventure di Anita, allora la cosa non disturba troppo e la si può accettare come una convenzione indispensabile per giustificare l'azione.
Ho apprezzato che il romanzo approfitti della trama poliziesca per omaggiare le “Aquile randagie” (nome-schermo sotto il quale i gruppi scoutistici continuarono a operare dopo lo scioglimento delle organizzazioni ufficiali), ma forse anche qui siamo andati un po’ oltre il confine della credibilità in certi frangenti.
Comunque, anche questo romanzo, se inteso come pausa rilassante e di mero svago, continua ad essere gradevole e divertente. Come lettore resto incuriosito dall’evoluzione dei personaggi principali e continuo a chiedermi come l’A. riuscirà a trarsi dall’impaccio (un vero imbuto senza uscita) che essa stessa si è creata e che rischia di porre fine alla prosecuzione della storia tra non troppi episodi. Ma, è probabile, lo scopriremo nei prossimi romanzi che certamente non mancheranno.
Quindi chi s’è già affezionato alla saga non potrà omettere la lettura anche di questo libro.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
Le aquile della notte 2023-10-29 15:22:07 lapis
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
lapis Opinione inserita da lapis    29 Ottobre, 2023
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

“Non è finita finché non è finita…”

Quarto romanzo della fortunata serie di gialli storici di Alice Basso che vede protagonisti l’esuberante dattilografa Anita Bo e il traduttore-scrittore Sebastiano Satta Ascona, ancora una volta alle prese con l’oppressione del regime fascista, una rivista di racconti gialli da confezionare, qualche fatto delittuoso e il sentimento impossibile che provano l’uno per l’altra.

Rispetto ai precedenti episodi, “Le aquile della notte” ha sicuramente il pregio di introdurre alcuni elementi di novità, sfuggendo così al rischio di annoiare il lettore affezionato ma ormai un po’ stanco del ripetersi delle consuete dinamiche. La storia infatti questa volta si sposta sulle Langhe per una curiosa trasferta di lavoro, traendo notevole giovamento dal cambio d’ambientazione, non solo perché il rosso e l’oro dell’autunno sulle colline sostituiscono il grigiore torinese, ma soprattutto perché viene inevitabilmente offerto meno spazio ai personaggi secondari già conosciuti ed esplorati, introducendo figure e scenari nuovi. Si scopre così che il dissenso al regime non è affatto sopito, ma si può nascondere persino nella campagna langarola sotto le vesti più improbabili.

A fare da filo conduttore a tutta la serie c’è infatti sempre il tentativo di ribellarsi, in silenzio e sottotraccia, a un mondo che non consente libertà. Non si può essere un uomo sensibile, che dubita e si interroga, come Sebastiano. Non si può essere una donna indipendente, che vorrebbe per sé una vita diversa, come Anita. Ma in queste pagine non si deve cercare approfondimento storico o psicologico e, in fondo, nemmeno la suspense tipica del mystery, quanto una lettura d’intrattenimento, fresca e briosa, il cui punto di forza sono la personalità vivida e il percorso di crescita dei protagonisti, oltre che la curiosità suscitata dall’evoluzione del loro legame.

Penna frizzante e divertente, a volte persino un po’ sopra le righe, Alice Basso impreziosisce le pagine di curiosità, riferimenti alla narrativa hard-boiled, citazioni e chicche nascoste tra le righe, che testimoniano l’accurato e minuzioso lavoro di ricerca che si cela anche dietro un romanzo all’apparenza così leggero. Una buona compagnia per passare qualche ora lieta ma non banale.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ultimo conclave
Valutazione Utenti
 
1.3 (1)
Una morte onorevole
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
You like it darker. Salto nel buio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Eredi Piedivico e famiglia
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Renegades. Verità svelate
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
I giorni di Vetro
Valutazione Utenti
 
4.8 (3)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Brisa
Il dolce sorriso della morte
Una morte onorevole
Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Dalla parte del ragno
L'orizzonte della notte
Pesci piccoli
Omicidio fuori stagione
Tutti i particolari in cronaca
Il giudice Surra e altre indagini in Sicilia
La forma dei sogni
Riusciranno i nostri eroi a ritrovare l’amico misteriosamente scomparso in Sud America
Soledad. Un dicembre del commissario Ricciardi
Sua Eccellenza perde un pezzo
Il sale sulla ferita
L'educazione delle farfalle