Narrativa italiana Gialli, Thriller, Horror Le streghe bruciano al rogo
 

Le streghe bruciano al rogo Le streghe bruciano al rogo

Le streghe bruciano al rogo

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Piove a dirotto il giorno in cui la scrittrice Eugenia Ortesi si presenta al commissariato di Firenze per denunciare il ricevimento di una strana cartolina minatoria. Da un lato lo scorcio di uno sconosciuto paesino dell'Irpinia, Ripalta, e dall'altro la frase "le streghe bruciano al rogo". L'immagine non avrebbe detto niente a nessuno se non fosse che sia la Ortesi che la commissaria Bardi sono cresciute da quelle parti. E poi quelle parole... la Bardi è sicura di averle già sentite. In effetti, nel dossier di un omicidio accaduto a Ferrara, è stato ritrovato lo stesso messaggio, la vittima morta in un terribile incendio. Che ci sia un collegamento? Potrebbe essere solo un falso allarme ma la commissaria ha un brutto presentimento e negli anni ha imparato a fidarsi delle sue intuizioni. Dal canto suo, invece, la scrittrice tende a sminuire l'importanza della minaccia ricevuta: sì, è vero, nella sua famiglia a Ripalta c'era una donna che veniva additata come strega, ma ormai sarà morta e poi lei non l'ha mai conosciuta... Eppure ci sono troppe coincidenze per un posto così piccolo.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Le streghe bruciano al rogo 2023-07-10 16:57:19 FrancoAntonio
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
FrancoAntonio Opinione inserita da FrancoAntonio    10 Luglio, 2023
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un inquisitore nel XXI secolo

La signora Eugenia Ortesi è una scrittrice di mezza età che ha raggiunto una certa notorietà con la recente pubblicazione di un suo romanzo. Rimasta da poco vedova – il marito, stimato medico, ha avuto un infarto mesi prima, appena dopo la separazione da lei – ha ricevuto per posta una cartolina inquietante: uno scorcio del suo paese d’origine, Ripalta Irpina, con una scritta minacciosa in stampatello “LE STREGHE BRUCIANO AL ROGO”. Non sapendo come interpretare quella frase oscura, ma non certo benevola, si rivolge alla polizia di Firenze, dove vive.
La commissaria Valeria Bardi, capo della Squadra mobile, non sminuisce l’intimidazione rappresentata da quelle poche parole. Infatti la sua memoria ricollega la frase a un truce fatto avvenuto pochi mesi prima: una donna è stata arsa viva dalle parti di Ferrara. Dopo una breve conversazione con il collega della questura locale che si occupò del caso, la Bardi scopre che anche questa donna avrebbe ricevuto una cartolina identica, con la medesima frase. Che ci sia in azione un serial killer di presunte “streghe”?
La sua squadra è occupata a risolvere un oscuro omicidio di un farmacista bolognese, trovato cadavere in una palazzina della periferia fiorentina, ma la Bardi delega ai sottoposti le indagini e si concentra su questo caso che la inquieta e le infonde un senso indefinito d’angoscia. Nel frattempo cerca di restaurare i rapporti conflittuali con la figlia studentessa a Bologna e, ormai, difficilmente contattabile; comprendere i suoi sentimenti nei confronti del suo vice, l’ispettore Manuele Belgrandi, da sempre innamorato di lei, e, insomma, di vivere la sua vita in modo sereno o, quantomeno, non tormentoso come al solito.
Le indagini la porteranno a investigare nei paesini irpini di cui sono originarie sia lei che la scrittrice minacciata la quale, insensibile agli avvertimenti della poliziotta, proprio a Ripalta Irpina ha deciso di andare a passare alcuni giorni di ferie. Il passato lentamente tornerà a galla, con tutti i suoi strascichi di odi e meschinità.

Il personaggio della commissaria Baldi “la più abile profiler italiana”, che s’è posta come missione quella di ramazzar via più sporcizia possibile dalle strade in cui opera, mi era risultato simpatico sin dal primo romanzo scritto dalla Grossi (“L’ordine imperfetto”) che ne tratteggiava garbatamente le caratteristiche di donna comune, ma tenacemente dedita alla sua professione.
In questa secondo episodio la scena si sposta dalle strade fiorentine su e giù per l’Italia, da Bologna a Ferrara, per scendere, poi, in Irpinia, negli immaginari paesini di Ripalta e Torre Vipera, terre che, oltre a essere quelle d’origine delle protagoniste, lo sono pure dell’A.
L’azione, però, è assai più diluita e confusa. Gran parte della narrazione è dedicata alla ricostruzione della storia familiare della Ortesi e di una ragazzina, Eva, che a Ripalta e dintorni era considerata una strega: ricercata quando si trattava di alleviare qualche malanno o, addirittura, salvare la vita a un moribondo, ma odiata per il resto del tempo. In sé queste digressioni non sarebbero neppure spiacevoli, perché raccontano vicende affascinanti, di donne forti che si ribellavano alla società maschilista che le avrebbe volute sottomesse e subordinate agli uomini. Tuttavia, alla lunga subentra un po’ di noia e stanchezza, unita al desiderio che la vicenda principale trovi una sua evoluzione.
Onestamente non comprendo neppure cosa ci stia a fare il secondo filone investigativo, quello del farmacista ucciso: anche nel precedente romanzo c’erano due storie parallele da seguire, ma, almeno, erano più integrate e amalgamate. Qui il doppio filone appare solo un pretesto per distrarre dal flusso principale della storia che già di suo si perde nei meandri delle varie testimonianze rese dalle poche memorie storiche dei vari paesini.
Piuttosto stereotipate le figure maschili, di individui bruti, violenti e ignoranti, capaci solo di ubriacarsi o di schiavizzare le mogli o le figlie (anche l’ex marito della Bardi e quello, defunto, della Ortesi non fanno eccezione) in una continua replica del solito cliché del marito-padrone. Al contrario, tutti (o quasi) i personaggi femminili sono descritti come coraggiosi, intraprendenti e autonomi, anche in epoche nelle quali era assai difficile trovare donne che potessero emanciparsi dal tutoraggio maritale. Insomma l’A., con la precisione d’un colpo d’ascia, opera una divisione manichea tra “le due metà del cielo”.

Per gran parte del libro lo stile è quello di una relazione (anche un po’ piatta) piuttosto che quello di una narrazione che coinvolga il lettore. Solo nei capitoli finali la storia si rianima e prende ritmo. Peccato che la conclusione lasci parecchi punti irrisolti o, per lo meno, risolti in modo un po’ troppo sbrigativo, con spiegazioni che non sempre soddisfano e che appaiono, in alcuni casi, tirate per i capelli quando non frutto di un eccessivo concatenarsi di casualità, a volte pure poco credibili.

Insomma, questo secondo libro sulle indagini della Commissaria Bardi appare al di sotto del precedente e sembra più un desiderio (quasi autobiografico) di narrare vicende care all’A. ma non necessariamente coinvolgenti.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
... e apprezzato "L'ordine imperfetto" con l'avvertimento, però, che si tratta di un'opera decisamente inferiore.
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
I giorni di Vetro
Valutazione Utenti
 
4.9 (2)
Ti ricordi Mattie Lantry
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Un animale selvaggio
Valutazione Utenti
 
3.1 (4)
Ambos mundos
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Dalla parte del ragno
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Ci vediamo in agosto
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Dalla parte del ragno
L'orizzonte della notte
Pesci piccoli
Omicidio fuori stagione
Tutti i particolari in cronaca
Il giudice Surra e altre indagini in Sicilia
La forma dei sogni
Riusciranno i nostri eroi a ritrovare l’amico misteriosamente scomparso in Sud America
Soledad. Un dicembre del commissario Ricciardi
Sua Eccellenza perde un pezzo
Il sale sulla ferita
L'educazione delle farfalle
Il cliente di riguardo
Il mistero della torre del parco
L'ultimo ospite

Copyright 2007-2024 © QNetwork - Tutti i diritti sono riservati
P. IVA IT04121710232