Lullaby Lullaby

Lullaby

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Una ragazzina fragile, un aspirante scrittore, un uomo alle prese con un'inquietante crisi personale e una madre soffocante. Tutti insieme, avvinti dall'orrore, si ritroveranno uniti da una catena di omicidi apparentemente inspiegabili e decisamente efferati. Sulla via della salvezza, soltanto una traccia di sangue che danza al ritmo di una ninna nanna mortale. Una musica ossessiva e un pugno di domande spaventose: cosa spinge una giovane studentessa a sprofondare in continue crisi di autolesionismo? È possibile uccidere nel nome della dea Ispirazione? Quale segreto è nascosto nel passato di quella che sembra una famiglia modello?



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 4

Voto medio 
 
3.4
Stile 
 
3.5  (4)
Contenuto 
 
3.0  (4)
Piacevolezza 
 
3.5  (4)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Lullaby 2012-11-16 04:27:12 Bruno Elpis
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    16 Novembre, 2012
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

"Lullaby" di B. Baraldi - Commento di Bruno Elpis

Barbara Baraldi, come leggo sulla quarta di copertina del libro, è scrittrice che “la vittoria del prestigioso premio ‘Gran Giallo città di Cattolica’ … ha consacrato come l’autrice più rappresentativa del nuovo romanzo gotico italiano.”
In quest’opera, la ninna nanna è innanzitutto quella dell’infanzia perduta con la morte dell’amato nonno. Ben presto, per l’adolescente e inquieta Giada, la ninna nanna diviene “Lullaby”, una canzone dei Cure, da ascoltare tra sinistri presagi di morte.
Nel crescendo della tensione, le allusioni alla morte divengono immagini e incubi, sino ad assumere la forma di una realtà spaventosa ritmata dalla “death lullaby”: tra paragrafi che hanno il nome della ragazza (Giada), il nome di uomo (Marcello), e si trasformano in binomi (Giada e Luana, Marcello e Giada, Fede e consorte), in trinomi (Giada, Luana e Duca) con l’evolversi – rectius: con il precipitare – degli eventi.
Giada e Marcello sono i due poli ai quali l’autrice annoda una trama tinta di nero e macchiata di rosso.
Questo è l’identikit di Marcello: “Marcello Fabbri di anni trentotto, via dell’Arte numero sei. Disoccupato. Maniaco. Omicida. Folle. Sicuramente ha turbe sessuali.” Vive con una madre opprimente, che vorrebbe sopprimere: ma non può farlo, perché l’anziana genitrice, con la sua pensione, è l’unica fonte di sostegno economico. E allora l’aspirante scrittore vive con un grosso rimpianto: “Volevo diventare bravo a seguire la morte.” Proprio nel genere di cui stiamo discutendo: “Un gotico rurale, con qualche ammiccamento al soprannaturale, e sfumature noir che non guastano mai.” E invece le giornate passano inutilmente, nella noia del bar, ove chiacchiera con Federico, amico di sempre e padre di Giada.
Poi la strada di Marcello incrocia quella di Giada e lei si chiede: “Ma chi è quest’uomo? Cosa c’entra con mio padre? E con la mia Luana?”.
Giada soffre. Sotto l’apparenza di ragazza maledetta, è soltanto alla disperata ricerca del’amore. Lo ricerca nel sentimento per Mirko, dedito a strane alchimie tra droghe e piccoli traffici illeciti (“Una gamba tesa, l’altra piegata, sembra James Dean. Certo, di gioventù bruciata si tratta”). Crede di trovarlo, l’amore, nell’amicizia con l’eterea compagna di scuola (“Luana è un angelo caduto. Ha perso le ali, forse, ma non il cuore”). Salvo scontrarsi con le resistenze della famiglia di Luana: perché Giada è una pessima compagnia, da non frequentare. Come sottolineano anche i suoi stessi genitori: “Sei una vergogna per noi! Ora spargi il tuo alone negativo anche sulle compagne di classe.”
Tra incubi (in particolare, quello tristemente premonitore della perdita della verginità di Giada in un clima di squallore e rifiuto) e scene velatamente horror, Barbara Baraldi prepara la giusta atmosfera – carica di interrogativi e di questioni sospese – per un finale che, come in una pratica voodoo (“La bambina nera”), si trasforma in tragedia. Tragedia sì, ma celebrata in un rituale di esorcismo individuale che si propaga nell’espiazione collettiva. Così che vengano fornite le risposte a tutte le domande. Anche a quelle che si è posto ...

… Bruno Elpis

Chi volesse, può leggere sul mio sito www.brunoelpis.it la mia intervista a Barabara Baraldi. Questo il link:
http://www.brunoelpis.it/le-interviste/378-intervista-a-barbara-baraldi-i-libri

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
... i romanzi di S. King. A chi leggerà altri romanzi di Barbara Baraldi.
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
Lullaby 2011-12-12 16:58:07 Sordelli
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Sordelli Opinione inserita da Sordelli    12 Dicembre, 2011
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una ninna nanna poco appassionante

Personaggi tra i più comuni come una ragazzina fragile, un aspirante scrittore alle prese con una crisi personale e una madre soffocante e una ragazzina bella e intelligente, si ritrovano uniti da una catena di omicidi inspiegabili.
Pagina dopo pagina si fa strada, tra le righe e dentro di voi, una musica ossessiva e una manciata di domande spaventose: quali segreti può nascondere il passato di un'apparente famiglia modello? Cosa spinge una giovane studentessa a sprofondare in continue crisi di autolesionismo? É possibile uccidere nel nome della dea Ispirazione?

Trovo difficile dire cosa mi sia piaciuto e cosa no, di questo romanzo: ha sicuramente un ritmo incalzante, non lascia respiro; vuole essere iniziato e finito in un giorno. Però...però l'ho trovato caotico e poco appassionante.
Quando l'ho finito sono stata quasi contenta di essermelo tolto di mezzo, non mi sono soffermata a pensarci sopra, l'ho solo chiuso e messo via: ed è una cosa strana, a me i libri lasciano sempre qualcosa a cui pensare!
Non l'ho potuto apprezzare, mi spiace molto, ma forse semplicemente non era il genere più adatto a me.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore
Lullaby 2011-11-18 00:49:54 Illary
Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
Illary Opinione inserita da Illary    18 Novembre, 2011
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

LULLABY

Giada. Marcello. L'alternanza di due punti di vista diametralmente opposti svela le vicende di questo giallo-noir. Giada è un'adolescente infelice, che tende all'autolesionismo e si lascia tentare dalla droga e dal sesso. Marcello è un mancato scrittore di mezza età, vessato da una madre opprimente e soffocante. I due protagonisti, le cui vicende vanno intrecciandosi con il proseguire del romanzo, si trovano coinvolti in una serie di fatti di sangue che li condurrà uniti all'epilogo, ed alla soluzione degli omicidi.
Il racconto non è riuscito a catturare subito la mia attenzione, ma ho deciso comunque di proseguire la lettura. Mi sono ritrovata però a confermare la mia visione iniziale abbastanza negativa. Dal narratore interno mi aspettavo una maggiore introspezione dei personaggi ed un racconto più approfondito delle vicende, mentre in certi punti della storia ho fatto proprio fatica a capire cosa stesse succedendo e la descrizione dei fatti mi è sembrata troppo vaga. Sinceramente anche il finale mi è parso irrealistico ed eccessivo... Dopo aver letto “La bambola dagli occhi di cristallo” che mi aveva impressionata positivamente, forse mi aspettavo qualcosa di più.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
Lullaby 2010-11-03 16:26:58 faye valentine
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
faye valentine Opinione inserita da faye valentine    03 Novembre, 2010
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Emilia nera

Noir che si legge in un giorno, non tanto per la brevità (ha le sue buone 232 pagine), quanto per l'incalzare delle vicende che lascia senza un attimo di respiro. Giada e Marcello, due protagonisti con apparentemente nulla in comune, animano questa storia dal sapore gotico e ce la fanno vivere in modo intenso e frenetico.
La storia cattura fin dall'inizio e la narrazione, fatta attraverso gli occhi dei vari protagonisti, ha il pregio di mantenere altissimo il livello d'interesse del lettore, nonostante i continui cambiamenti del punto di vista; questo meccanismo mi è piaciuto molto (anche se non è una novità, specialmente in questo genere letterario): l'ho trovato efficacemente calzante sui due protagonisti-narratori, dall'indole fortemente descrittiva.
La vicenda è cruda, tagliente, attuale, raccontata senza troppi fronzoli, in modo asciutto e violento. I protagonisti sono vivi: incarnano una realtà che, nonostante possa sembrare frutto di fantasia, è purtroppo sempre più vicina... L'ambientazione è perfetta: manca di collocazione precisa, ma da alcune parole citate in dialetto si può intuire che si tratta di una città emiliana. Il clima che la Baraldi riesce a creare con le parole e le azioni dei due personaggi principali è quanto di più accattivante io abbia letto ultimamente. Non è sicuramente un capolavoro, ma potrebbe diventare un cult per gli amanti del gotico e del noir. Unico neo: non trovo la canzone "Lullaby" dei Cure pienamente calzante: forse mi è sfuggita qualche sfumatura che volesse dare l'autrice, ma personalmente avrei pensato ad una melodia più "dura"! :)
Lo consiglio a chi apprezza il genere, ma, per il linguaggio decisamente duro e schietto e per i contenuti violenti, consiglio ai giovanissimi di leggerlo tra qualche anno. ;)

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Chuck Palahniuk
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La disciplina di Penelope
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Luce della notte
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Basta un caffè per essere felici
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ultima scena
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'ombrello dell'imperatore
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Cercando il mio nome
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Un cuore sleale
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il tempo della clemenza
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Io sono l'abisso
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.3 (3)
Quaranta giorni
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Abbandonare un gatto
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
L'uomo dello specchio
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri