Milioni di milioni Milioni di milioni

Milioni di milioni

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Montesodi Marittimo è considerato «il paese più forte d’Europa». Per scoprirne la causa, vengono mandati dall’Università un genetista, Piergiorgio Pazzi, e una esperta di archivi, Margherita Castelli. Trascorsi i primi giorni, nel panorama umano che gli si offre, i due non trovano nulla di cui meravigliarsi. È un mondo abitudinario, dominato da due gruppi familiari: il sindaco, l’onesto e schietto Armando Benvenuti e la maestra Annamaria Zerbi Palla, anziana vedova, con un figlio poco amato. La sorpresa arriva con una tremenda tempesta di neve che isola il paese per giorni. Piergiorgio, che alloggia nella casa della Zerbi, una mattina trova l’energica signora abbandonata in poltrona senza vita.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 10

Voto medio 
 
4.2
Stile 
 
4.2  (10)
Contenuto 
 
3.6  (10)
Piacevolezza 
 
4.5  (10)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Milioni di milioni 2015-07-20 10:23:33 lapis
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
5.0
lapis Opinione inserita da lapis    20 Luglio, 2015
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

“La gente, son persone”

“La gente, son persone” dice il sindaco di Montesodi Marittimo, arroccato borgo toscano abitato da una manciata d’anime, che fa da scenario a questo simpatico giallo.

E le persone, con la loro caratterizzazione paesana dal gusto tutto italiano, sono il cuore che rende questo libro così vivo e spassoso: le atlete rosarianti che sgranano a tempo record per tornare alle loro cucine, la maestra napoletana che dopo trent’anni è ancora considerata “una che viene da fuori”, il goliardico bar mono-marca e mono-fede-calcistica, le chiacchiere da sagrato sulla “cornificazione” collettiva che imperversa in paese. L’autore è davvero capace di farti immergere, con ironia, intelligenza e senso dell’umorismo, in questo microcosmo motesodano con le sue battute vernacolari e le sue trovate così toscane.

Per quanto riguarda la trama giallistica, l’impianto è quello classico (che più preferisco) con un delitto, una rosa di possibili colpevoli ristretta a pochi candidati, causa inaccessibilità del paese dovuta a una tempesta di neve, e una serie di indizi che via via disvelano la verità. La risoluzione non richiede di scomodare Poirot o Miss Marple, ma la storia è comunque carina e ben scritta e l’ambientazione irresistibile.

Una lettura leggera, capace di strapparti una bella risata. E non è poco.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
Milioni di milioni 2014-08-25 22:09:33 violetta89
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
violetta89 Opinione inserita da violetta89    26 Agosto, 2014
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Malvaldi si legge sempre volentieri

Mi piace molto Malvaldi e devo dire che, a parte "argento vivo" libro che secondo me non sapeva di niente, adoro tutti i suoi libri a cominciare dai nonnini del Bar Lume sia quando si cimenta in altre trame.
Anche in questo caso ci si ritrova a indagare su un delitto, ma quello che piace dei suoi libri non è tanto l'ansia di scoprire il colpevole (spesso le trame sono molto semplici) ma quanto il contesto, l'ambientazione, che sono sempre particolari e spassose. Questo libro non fa eccezione, il delitto si consuma in un paesino sperduto dove abitano in due gatti, il suo modo di raccontare, sempre sul filo dell'ironia, e la caratterizzazione dei personaggi sono unici.
Lo consiglio a chi vuole godersi qualche momento piacevole, staccando un po' la spina

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
il Bar Lume
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
Milioni di milioni 2013-08-27 20:22:17 Lorenzo Roberto Quaglia
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Lorenzo Roberto Quaglia Opinione inserita da Lorenzo Roberto Quaglia    27 Agosto, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Giallo nostrano ruspante

Piergiorgio Pazzi è un trentenne medico genetista che si ritrova inviato per una ricerca medica in uno sperduto paesino toscano, Montesodi Marittimo. Qui trova Margherita Castelli, giovane ricercatrice storica che partecipa alla medesima ricerca scientifica: comprendere l'origine scientifica del perché gli abitanti nativi del piccolo paese mostrano una potenza e una forza muscolare molto superiore alla media nazionale.

Il giovane medico e la sua compagna, dopo una certa diffidenza iniziale, vengono ben accolti dai paesani ed iniziano la propria attività di ricerca.

Ma dopo circa una settimana accade un fatto inaspettato: l'anziana padrona di casa dove alloggia il Pazzi viene trovata morta sulla poltrona in salotto. All'inizio si pensa a morte naturale, ma il giovane medico fa un'altra diagnosi: la signora e' stata soffocata nel sonno.

Da qui è tutto un susseguirsi di pseudo indagini compiute dal maresciallo locale, a dir la verità poco avvezzo alle indagini, e da investigazioni parallele compiute da Pazzi con il fondamentale aiuto di Margherita.

Dopo alcuni giorni, rotto il velo di omertà che univa i compaesani, la verità verrà a galla e la ricerca scientifica potrà essere conclusa, non senza un finale inaspettato.

Un ruspante giallo nostrano scritto con grazia e sottile ironia.

Buona lettura.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
Milioni di milioni 2013-06-07 14:33:42 Melandri
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
5.0
Melandri Opinione inserita da Melandri    07 Giugno, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

UN GAUDENTE SENSO DI SMARRIMENTO

L’ironia è una bella dote e in uno scrittore una virtù furba, poiché in pochi abbandonerebbero una lettura divertente, me compresa. Non avendo letto altro di Malvaldi, il suo stile fresco e caricaturale mi ha piacevolmente sorpreso (oltre che divertito moltissimo) nonostante tutte le recensioni lette in precedenza mi avessero già messo sull’avviso.

Montesodi Marittimo si erge solitario su una ripida collina toscana, circondato da ulivi e galline, abitato da anime pie, cacciatori e numerosi discendenti di un marchese chiaramente libertino. Piergiorgio e Margherita, genetista e filologa, vengono inviati dalla città con l’intento di scoprire una curiosa peculiarità degli abitanti del luogo, una forza abnorme. Durante la loro permanenza, una fitta nevicata isola il paese e nel contempo viene ritrovata cadavere l’anziana maestra. Piergiorgio, trovatosi tra gli indiziati, non può fare altro che interrogarsi e interrogare per scagionarsi dalle accuse.

Questo libro è considerato appartenente alla categoria che un tempo veniva chiamata dei “gialli all’inglese”, con indizi che dovrebbero portare il lettore alla scoperta dell’assassino. Ecco, io non ci sono arrivata…. mi sono un pochino persa tra le varie figliolanze e discendenze. Affascinata poi dall’ambientazione e dall’immaginarmi in questo paesino ricco di buffe persone, non ho forse saputo cogliere la trama dell’enigma.

Mi sono ritrovata disorientata, stavo leggendo un libro giallo e contemporaneamente mi sbellicavo dalle risate…raramente, forse mai, mi è capitato prima d’ora. Sicuramente procederò in seguito alla lettura di Malvaldi nella versione BarLume, curiosa di capire se mi accadrà la stessa cosa, sapendo che di certo ne varrà la pena perché il tempo speso ridendo è ben investito.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
210
Segnala questa recensione ad un moderatore
Milioni di milioni 2013-04-09 14:19:19 MrsRiso13
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
MrsRiso13 Opinione inserita da MrsRiso13    09 Aprile, 2013
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Di Palla in Palla

E' la morte di una signora Palla a dare il via alle vicende in cui rimangono invischiati due “forestieri”, studiosi universitari in visita per una ricerca, e gli abitanti di Montesodi Marittimo, denominato “il paese più forte d'Europa”.
Attraverso un linguaggio da Vernacoliere, si concentra il romanzo sulla caratterizzazione dei personaggi, descrivendo personalità tipiche di tutti i paesini toscani o, più in generale, della provincia italiana. Il sindaco, il maresciallo, il prete e le pettegole, che affrontando con ironia, spirito di adattamento e arguzia le vicende quotidiane, tra un caccia al cinghiale, un gotto di vino e la recita del rosario, diventano investigatori e, coadiuvati dai due studiosi, riescono a risolvere il caso.
Come milioni di milioni di fiocchi di neve che cadono e, insieme, riescono a creare un soffice manto bianco così, in questo romanzo, l'unione del giallo alla rappresentazione dei personaggi e alla descrizione dei luoghi crea un intreccio divertente e attraente, in cui la comicità dei personaggi si mescola alla serietà degli avvenimenti senza mai essere irriverente o fuori luogo, ma dando forza e credibilità a tutta la storia.
Il risultato finale è un giallo "vecchia maniera", basato su indizi e deduzioni logiche che fanno sforzare le “celluline grigie”, per dirla alla Poirot, se si vuole giungere alla soluzione e, naturalmente, visto che parliamo di Malvaldi, arricchito da un po' di sano “humor toscano”, che, a mio avviso, non guasta!
Sicuramente consigliato.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Camilleri, Oggero, Malvaldi ...
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
Milioni di milioni 2013-01-22 09:42:09 Nadiezda
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Nadiezda Opinione inserita da Nadiezda    22 Gennaio, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Investigazioni in Toscana

Si tratta di un giallo diverso dal solito, ambientato in Toscana e pieno di cinismo ed ironia.
Sì, avete capito bene un giallo che fa anche ridere.

Tutta la vicenda si svolge in una settimana ed il resoconto dei fatti viene elaborato qualche mese più tardi.
La scrittura è semplice e fluida, lo stile dello scrittore ipnotizza il lettore, non gli fa staccare gli occhi dalle pagine e lo conduce nel breve tempo a terminare il libro.

Passiamo alla trama del libro.

La storia si svolge in un paesino toscano molto scosceso.
La maggior parte delle persone nate in questo paesino non è stata riconosciuta dal padre naturale e codesto in punto di morte si pentirà del malanno fatto.
Questo paesino richiamerà alcuni studiosi dell’università proprio perché è “il paese più forte d’Europa”.
La brutta sorpresa ci sarà quando una forte tempesta di neve isolerà per giorni il paese ed uno degli studiosi troverà l’energica signora che lo ospitava, accasciata e priva di vita su una poltrona.
Attraverso una lunga serie di indizi si scoprirà che non si tratta di morte naturale, ma di omicidio premeditato.
La colpa verrà attribuita all’innocente studioso e l’unico modo per scagionarsi sarà quello di smascherare il vero assassino.

Che posso aggiungere? Merita di essere letto!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
260
Segnala questa recensione ad un moderatore
Milioni di milioni 2013-01-02 09:47:03 bucintoro
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
bucintoro Opinione inserita da bucintoro    02 Gennaio, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Lettura gradevole

non molte pagine, ma ben scritte. questa volta non si parla dei "nostri" vecchietti del barlume, ma di personaggi bizzarri di un paesino ricoperto dalla neve. in esso si svolgeranno avvenimenti che culmineranno nella ricerca dell'autore di un omicidio. i personaggi possibili colpevoli sono pochi, poichè il paese è isolato dal resto del mondo da una forte nevicata. ognuno a modo suo è in possesso di un alibi, ma guardando bene bene......libro piacevole anche se a me mancano i personaggi del "barlume".

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
tutto di malvaldi
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
Milioni di milioni 2012-12-05 16:55:41 cesare giardini
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
cesare giardini Opinione inserita da cesare giardini    05 Dicembre, 2012
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un giallo ironico e leggero

Non conoscevo Malvaldi, noto soprattutto per i romanzi della serie dei vecchietti del BarLume (che non ho letto) e devo confessare che questo giallo non mi ha pienamente convinto. Non ci sono la sapienza e la freschezza narrativa di un Camilleri, non divertono le macchiette popolane di un Vitali, non traspare la scrittura brillante di un Soldati o di un Chiara : Malvaldi non coglie nel segno, pur narrando una vicenda popolare interessante e abbastanza intricata ma che non si esplicita in colpi di scena da tipico thriller. volgendo invece abbastanza quietamente ad un finale imprevedibile, sì, ma che non distoglie il lettore da sonni tranquilli. Insomma, un tipico romanzetto da sala d’attesa o da bibliotechina di villaggio turistico. La storia coinvolge due ricercatori, un genetista ( Piergiorgio) ed una esperta di archivi ( Margherita) , inviati in uno sperduto paesino, Montesodi Marittimo, per indagare sulla noméa di “paese più forte d’Europa”. L’imprevisto è costituito dall’assassinio della maestra del paese, un’anziana vedova con figlio poco raccomandabile : l’indagine, favorita dal fatto che un’abbondante nevicata isola il paese dal mondo, percorre varie strade fino alla soluzione alla quale contribuiscono la sagacia e la pazienza dei due protagonisti. Personaggi secondari ma descritti con taglio abbastanza convincente, sono il sindaco del paese (con moglie al seguito), il maresciallo dei carabinieri, un aitante sacerdote di colore che si divide tra salutari corse campestri, doveri del culto ed amorose attenzioni ad una enigmatica servotta, e altre figurine che completano un quadro ben circoscritto, in cui i caratteri e le vicende si diluiscono in un paesaggio imbiancato da “ milioni di milioni” di fiocchi di neve. Come “milioni di milioni” sono le stelle che Piergiorgio e Margherita, ormai prossimi all’innamoramento, vedono in cielo dalla collina del paese : stelle che (così termina il romanzo) “ a causa delle luci artificiali né Piergiorgio né Margherita sono in grado di vedere più “. Un finale romantico di una vicenda ironica e leggera, che ti lascia ben poco dentro se non il desiderio di conoscere l’autore attraverso le più note storie dei vecchietti del BarLume.


Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
I romanzi dei vecchietti del BarLume
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
Milioni di milioni 2012-11-26 21:29:10 andrea70
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
andrea70 Opinione inserita da andrea70    26 Novembre, 2012
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Piacevole ma...

...meno riuscito della precedente "escursione" al di fuori del Bar Lume : "Odore di chiuso".
Si legge piacevolmente e la vicenda scorre via veloce, come sempre il giallo in sè non è niente di straordinario, è il contorno di macchiette esilaranti e situazioni grottesche a dare gusto alla storia.
Qui Malvaldi mi è sembrato un pò meno ispirato del solito , non ci sono personaggi che rimangono impressi nella memoria , strappa qua e la qualche sorriso ma questo curioso paesello con i suoi abitanti non mi ha stuzzicato più di tanto, il finale tra l'altro è un pò ...frettoloso (lo so ho il chiodo fisso!).
Non male ma non si eleva dalla "media" come altri lavori precedenti.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
Milioni di milioni 2012-11-12 08:01:16 LuigiDeRosa
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
LuigiDeRosa Opinione inserita da LuigiDeRosa    12 Novembre, 2012
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Felicità, si cammina per te sul fil di lana

Milioni di milioni sono i fiocchi di neve che cadono a Montesodi Marittimo,paesino toscano di poche anime nascosto fra le montagne, che lo isolano dal resto del mondo per una settimana.
Milioni di milioni sono le volte che il biologo Pergiorgio Pazzi e la filologa Margherita Castelli hanno ripetuto a se stessi il "mantra": "ma chi ce l'ha fatto fare di venire quassù?". I due studiosi erano giunti una settimana prima a Montesodi Marittimo per una ricerca scientifica che incrociando dati genetici (il compito del dottor Pazzi) con dati genealogici (il compito della prof.Castelli) riuscisse a spiegare la forza sovrumana degli abitanti di questo paesino, un po Asterix e Obelix nel villagio gallico. Milioni di milioni sono i dubbi che ha il maresciallo dei carabinieri Zandonai, quando Piergiorgio Pazzi, testimoni anche il sindaco Armando Benvenuti e il medico del paese Biagini, scopre e rivela,dopo attento esame, che la sua ospite la signora Annamaria Zerbi Palla,è morta, soffocata con un cuscino da qualcuno che si è introdotto nottetempo in casa, e tutto fa pensare al carabiniere, che il primo sospettato sia proprio lui, il Pazzi (ma perchè non ti fai mai i fatti tuoi? E' il "mantra" che milioni di milioni di volte si è ripetuto in quel frangente il dottorino) infatti tutti gli altri abitanti del paese, che a causa della tremenda nevicata sono rimasti in casa, dimostreranno di avere, apparentemente: un alibi di ferro!
Fortuna per il Pazzi che molti ma non milioni sono i "becchi" del paese che la loro ricerca stava per rivelare e fra tante corna,palchi e soppalchi forse un innocente si potrà salvare dal carcere ed un assassino essere assicurato alle patrie galere. Milioni di milioni infine sono le stelle che Margherita osserva nel cielo limpido di Montesodi Marittimo con Piergiorgio che milioni di milioni di volte avrà pensato , a fine storia: "ma a questa donna piaccio?"
Anche se non ci sono i terribili vecchietti del Barlume suspance e brio vi divertiranno fino alla fine.

di Luigi De Rosa

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Berlume
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tre gocce d'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il rogo della Repubblica
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'inverno dei Leoni. La saga dei Florio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Yoga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grido della rosa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una rosa sola
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I demoni di Berlino
Valutazione Utenti
 
4.8 (2)
L'uomo del bosco
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)
Il vizio della solitudine
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'uomo del porto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri