Sentenza artificiale Sentenza artificiale

Sentenza artificiale

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

In un’aula del palazzo di giustizia di Roma, gremita di giornalisti e tecnici ministeriali, il visionario manager Aristotile Damanakis presenta LexIA l’algoritmo di “sentenza artificiale” che rivoluziona il processo penale: a stabilire la colpevolezza di un imputato sarà un programma in grado di considerare ogni aspetto del caso, dalle circostanze alle prove, dalle testimonianze alle attenuanti, rendendo superfluo ogni intervento umano. Basta un algoritmo per decidere se una persona ha commesso o no un delitto. Ma a scombussolare i piani del governo ci pensa l’affascinante e coraggiosa Cassia, che scopre un’anomalia mimetizzata nel codice di LexIA che potrebbe comprometterne l’imparzialità. La ragazza non ha dubbi: qualcuno ha violato la sandbox di protezione del sistema. Chi sta mettendo le mani sulla riforma della magistratura? Chi è disposto a uccidere pur di manipolare le sentenze? Da quel momento Cassia diventa un bersaglio. Come lei è stata in grado di vedere l’anomalia, qualcuno – attraverso l’anomalia – ha visto lei. Qualcuno che è disposto a tutto pur di coprire le proprie tracce. Nel complotto sono implicati gli stessi organismi che dovrebbero garantire l’imparzialità della giustizia e Cassia è determinata a fermarli a qualunque costo.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Sentenza artificiale 2021-04-19 08:47:53 AndCor
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
AndCor Opinione inserita da AndCor    19 Aprile, 2021
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

A che ora è la fine del mondo?

Siamo a Roma, in un futuro prossimo, di fronte al tribunale dove si respira 'l'odore rancido di democrazia in disfacimento'.
Una folla di manifestanti, i Responsabilisti, si è riunita per protestare contro la riforma del sistema giudiziario: è la cosiddetta 'sentenza artificiale', che soppianta giudici, dibattimenti e processi in favore di LexIA, un algoritmo scevro da ingerenze politiche, corruzione e discrezionalità umana. Peccato che, al termine della conferenza stampa di presentazione, venga ucciso l’imprenditore Aristotile Damanakis, ideatore di LexIA, e tutte le accuse ricadano sul leader dei Responsabilisti Saverio Colbran.
Passano due anni ed è ormai tutto pronto per il debutto ufficiale di LexIA nei tribunali statali, quando Cassia Niro, brillante analista ministeriale coinvolta nel progetto e con un talento per i protocolli di sicurezza, trova un’anomalia nel sistema e informa immediatamente il suo superiore. Per la giovane ragazza inizia così 'un'indagine dai contorni quasi surreali', tra esche di superficie, virus informatici, deepfake, esplosioni e rapimenti fulminei che cambieranno per sempre la visione del suo lutto paterno e dei suoi tormenti interiori.

E' in una città pervasa da una calma apparente, tra palazzi barocchi e monumenti di epoca romana, che si delinea un cyber thriller dai dilemmi etico-filosofici.
Una trama complessa e ramificata, con al centro una protagonista che, in modo inaspettato, 'ora sentiva di non avere più alcuna certezza' dopo che la sua quotidiana routine "a prova di imprevisto" si era scontrata con un vortice di pathos, inseguimenti e adrenalina. Ed è anche grazie alla narrazione rapida e al sapiente (ab)uso del cliffhanger che il lettore stesso non ha respiro e si trova completamente immerso in un dibattito mai così attuale.

Dalle radici del pensiero di Asimov, Leibniz e Orwell, creatività e duttilità umane saranno messe a dura prova da 'qualcun altro che stava compiendo le proprie mosse in segreto, indisturbato' - 'Perché era evidente che altre forze occulte erano in movimento' - e dovranno decifrare codici rimasti sinora criptati per (ri)trovare pace e libertà.

«Credi che siamo davvero in grado di fare la differenza?»
«Non ne ho idea. Quello che so è che ho un conto in sospeso con quella gente. Mi considerano soltanto una pedina sacrificabile nei loro giochi di potere, ma ho tutta l’intenzione di farli pentire di essersi messi contro di me.»

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
'1984' di George Orwell.
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ultimo conclave
Valutazione Utenti
 
1.3 (1)
Stivali di velluto
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una morte onorevole
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
You like it darker. Salto nel buio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Eredi Piedivico e famiglia
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.3 (3)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Renegades. Verità svelate
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Stivali di velluto
Brisa
Il dolce sorriso della morte
Una morte onorevole
Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Dalla parte del ragno
L'orizzonte della notte
Pesci piccoli
Omicidio fuori stagione
Tutti i particolari in cronaca
Il giudice Surra e altre indagini in Sicilia
La forma dei sogni
Riusciranno i nostri eroi a ritrovare l’amico misteriosamente scomparso in Sud America
Soledad. Un dicembre del commissario Ricciardi
Sua Eccellenza perde un pezzo
Il sale sulla ferita