Un volo per Sara Un volo per Sara

Un volo per Sara

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Un piccolo aeroplano turistico diretto in Sardegna si schianta nel mar Tirreno con a bordo diverse persone. Tra loro, un noto imprenditore che ha rilasciato la sua ultima intervista poco prima del decollo, con il vociare degli altri passeggeri sullo sfondo, tutti tranquilli e sorridenti, ignari dell’imminente tragedia. Quando l’agente dei Servizi in pensione Andrea Catapano sente le voci delle vittime – lui che non vede ma sa ascoltare meglio di chiunque altro – un ricordo nitido riaffiora. Così decide di chiamare l’ex collega Teresa Pandolfi, ora a capo dell’Unità investigativa. Il disastro potrebbe celare un mistero che risale agli anni di Tangentopoli. E se la caduta del velivolo non fosse stata un incidente, ma il nesso tra una vicenda degli anni Novanta e il nostro presente? L’unica che può scoprire la verità è la donna invisibile, Sara Morozzi. Affiancata dall’ispettore Davide Pardo e da Viola, Mora si trova a investigare su personalità pubbliche intoccabili, scavando dentro gli ingranaggi del potere d’Italia a suo rischio e pericolo, senza paracadute.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
3.9
Stile 
 
4.3  (3)
Contenuto 
 
4.0  (3)
Piacevolezza 
 
3.7  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Un volo per Sara 2024-02-18 10:31:20 Pelizzari
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Pelizzari Opinione inserita da Pelizzari    18 Febbraio, 2024
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La profondità di Sara

Ad ogni nuovo episodio di questa serie aggiungiamo un tassello per conoscere Sara. Sia per capire com’è oggi, nella sua nuova vita da pensionata e da nonna, sia soprattutto per tessere la trama del suo passato e per capire com’era ieri, nella sua vita da analista e da donna innamorata. L’autore infatti ci permette, a capitoli alternati, di seguire le fila del presente e di scoprire veli sul passato, intrecciandoli. Perché quello che siamo oggi è sempre frutto di tutto ciò che siamo stati e che abbiamo fatto nel passato. In questo episodio riscopriamo, con una delicatezza speciale, il senso della nostalgia, che è un sentimento doloroso, ma anche dolce e avvolgente. Analizziamo i cambiamenti delle condizioni e delle persone e metabolizziamo che i cambiamenti non sono mai né buoni né cattivi, si prendono e si assorbono; prima ci si adatta e meno ci devastano. E’ interessante notare che il caso attorno a cui ruota ogni episodio diventa sempre meno importante. E’ sempre più interessante tutto il contorno, tutto l’insieme, tutto il contesto. Ed ogni episodio finisce con un qualcosa in sospeso, di terribile, che ti porta ad aprire le porte ad un nuovo capitolo ed a nuove scoperte. Uno storytelling d’eccezione, con un’eleganza che contraddistingue ogni sfumatura.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
Un volo per Sara 2022-07-04 16:04:46 silvia t
Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
1.0
silvia t Opinione inserita da silvia t    04 Luglio, 2022
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una lametta tra i denti

Il mio primo De Giovanni, senza dubbio l'ultimo.
La domanda che per tutto il libro mi ha invaso la mente è stata: perchè uomini cresciuti in una cultura patriarcale si intestardiscono a scrivere di cosa provano le donne?
Stereotipi privi di autoironia sono presenti in ogni pagina, ma non è neanche la parte più fastidiosa del libro.
L'unico piano di lettura che si riesce ad analizzare è quello narrativo, una trama lineare a cui manca la caratteristica più importante per una storia: la verosomiglianza.
Sappiamo bene che a volte la realtà supera la più fantasiosa delle finzioni, ma una narrazione dovrebbe cercare di evitare il più possibile le svolte forzate, come è facile intuire non avviene in questo titolo.
Ripeto non è neanche questa la parte più fastidiosa del libro.
I personaggi che si incontrato appaiono monodimensionali, privi di un qualunque spessore, approfondimento o evoluzione psicologica, sagome di cartone scolorite dal sole, incapaci di interagire in modo credibile tra di loro, immobilizzati dagli stereotipi di cui sono composti.
I personaggi femminili appaiono così stereotipati che se non fosse per la totale mancanza di ironia si potrebbe pensare di essere davanti ad una parodia: come un uomo, che crede di capire le donne, descrive i sentimenti delle donne.
Leggere questo libro dà la stessa sensazione dell'ascoltare “Quello che le donne non dicono” della Mannoia: qualcosa di simile al masticare una lametta affilata.
Ma ancora non è la cosa più fastidiosa del libro, sapete qual è questa cosa?
I dialoghi, conversazioni che mai avverrebbero nella vita reale, spesso con informazioni che per forza i personaggi devono conoscere inserite in una conversazione per introdurre situazioni che il lettore non può conoscere e che lo scrittore, evidentemente non riesce a trasmettere attraverso un uso sapiente delle parole.
Il lessico utilizzato è semplice e lineare, qualche parola ricercata che forse ci vuol avvisare che, volendo, si potrebbe anche fare di più, ma che non è necessario.
Non riuscirò mai a capire perché certi libri devono essere scritti, quale molla possa spingere a raccontare storie in cui gli spunti di riflessione annegano nella banalità, in cui la storia non permette di vivere un'altra vita, in cui le scelte o le azioni dei personaggi non hanno motivazione, ma sembrano solo vagoni posizionati a caso su un binario morto.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
Un volo per Sara 2022-05-31 13:48:16 ornella donna
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    31 Mag, 2022
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Nostalgia per Sara

Torna Maurizio De Giovanni, con un nuovo libro intitolato Un volo per Sara. Torna anche la sua protagonista, Sara Morozzi, una “donna invisibile”,
“una donna di media statura dall’aria dimessa, capelli grigi, niente trucco, niente tacchi, vestiti dozzinali, ma la pelle liscia ed elastica, i tratti raffinati, gli occhi azzurri e profondi cancellavano l’interesse per chiunque altro fosse presente”.
Donna sposata, facente parte di un Nucleo Speciale dei Servizi Segreti, abbandona senza esitare il marito Carlo e il figlio Giulio, per seguire un amore grande, quello per il suo dirigente Massimiliano Tamburi, che morirà colto da un male incurabile. Morirà , in un incidente, anche l’amato figlio. A lei che, la forte nostalgia rende sempre più invisibile, non rimane che l’amato nipotino e la nuora Viola. E’ in loro compagnia quando apprende che un aereo, diretto ad Olbia, è miseramente caduto in mare. Tra i passeggeri eccellenti un oscuro personaggio, tale Pierfelice Ribaudo:
“Imprenditore del divertimento, proprietario di ristoranti di lusso e discoteche, collezionista d’arte e inveterato playboy, con interessi nella motonautica e nell’alta moda”.
Perché costui è tanto importante?
“Un personaggio scomodo, una scheggia impazzita che aveva stretto e mantenuto rapporti con molti uomini potenti. Ricostruire la rete dei suoi contatti con sarebbe stato facile.”
Alla tv mandano in onda la sua ultima intervista rilasciata poco prima di salire su quell’aereo, quando una voce di donna trasporta Sara all’indietro nel tempo. Al tempo in cui in Italia vigeva il sistema tangentizio, a mazzette di denaro che circolavano, di corrotti e corruttori. Cosa ha a che fare la caduta di quell’aereo con quel periodo? Cosa trasportava la misteriosa “signora”? Sara riuscirà anche questa volta a risolvere il caso?
Torna un personaggio caro a Maurizio de Giovanni, ovvero Sara Morozzi e la sua squadra ufficiosa, composta da Teresa Pandolfi detta la Bionda, Andrea Catapano, un uomo dei Servizi Segreti in pensione, quasi cieco, che ha imparato ad affinare tutti i restanti sensi; l’ispettore Davide Pardo, e Viola, sua nuora. Tutti quanti, in misura diversa, hanno imparato a lavorare con lei, e concorrono alla risoluzione del caso. Un giallo a tutti gli effetti, con la protagonista in prima persona, molto nostalgica, che racconta episodi importanti della sua vita e del suo passato. Emerge, oltre all’indagine vera e propria, anche l’importanza delle scelte fatte, a cui Sara guarda con nostalgia sempre crescente. Una trama ben congegnata, personaggi seriali ben delineati, per cui il libro, pur facendo parte di una serialità, si può leggere e gustare anche autonomamente. Un bel giallo che strizza l’occhio a una parte misteriosa, e per certi versi ancora irrisolta, del nostro Bel Paese. Ottima lettura!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
81
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'orizzonte della notte
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Five survive
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Compleanno di sangue
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La prigione
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Day
Day
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Morte nel chiostro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Pesci piccoli
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Cause innaturali
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Tutti i particolari in cronaca
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)
Dare la vita
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'età fragile
Valutazione Utenti
 
3.2 (3)
Il rumore delle cose nuove
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

L'orizzonte della notte
Pesci piccoli
Omicidio fuori stagione
Tutti i particolari in cronaca
Il giudice Surra e altre indagini in Sicilia
La forma dei sogni
Riusciranno i nostri eroi a ritrovare l’amico misteriosamente scomparso in Sud America
Soledad. Un dicembre del commissario Ricciardi
Sua Eccellenza perde un pezzo
Il sale sulla ferita
L'educazione delle farfalle
L'ultimo ospite
La morra cinese
Colpo grosso ai Frigoriferi Milanesi
Colpo di ritorno
Il figlio del mago