Narrativa italiana Gialli, Thriller, Horror Undici morti non bastano
 

Undici morti non bastano Undici morti non bastano

Undici morti non bastano

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

In un frutteto di Sparzi, località dell'entroterra genovese, viene ritrovato il cadavere di una donna. Il corpo, sottoposto a una rozza imbalsamazione, nasconde un manoscritto indecifrabile. L'indagine, affidata all'ispettore Manzi e alla sua squadra, appare fin da subito delicata per i possibili legami con un noto fatto di cronaca nera: proprio a Sparzi, tra la fine della guerra e gli anni Settanta, si verificarono undici efferati omicidi, attribuiti al cosiddetto Barbiere, mai identificato. Grazie anche al contributo di una giornalista, Orietta Costa, le indagini di Manzi seguono un filo che si muove tra presente e passato e lo portano a fare i conti con la storia del paese, legata alle violente vendette incrociate del dopoguerra. Ma quando l'ispettore comincia a sospettare che la scia di sangue abbia una matrice ben diversa, a essere in serio pericolo sarà la sua stessa vita. L'intervento di Goffredo-Red Spada, questa volta, potrebbe arrivare oltre il tempo massimo...



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Undici morti non bastano 2022-04-20 15:50:58 cesare giardini
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
cesare giardini Opinione inserita da cesare giardini    20 Aprile, 2022
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Intrighi inconfessabili di due famiglie genovesi.

Sapevo poco di questo scrittore, e poco si trova anche in rete: libero professionista, vive a Genova, accanito lettore, autore di alcuni thriller ambientati nel genovese (tra i quali “Tre cadaveri” e “Sei sospetti per un delitto”) e di quest’ultimo giallo, uscito poche settimane fa (marzo 2022). Il volume è corposo, più di cinquecento pagine (un bel “mattone” si sarebbe detto di un testo scolastico), e rivela leggendolo un ottimo scrittore, capace di dipanare le vicende trattate con uno stile narrativo coinvolgente, attento, preciso. E’ una sorpresa, nel mondo degli autori del genere, pur con alcuni limiti che esporrò in seguito. La storia è abbastanza complessa, e prende spunto dal ritrovamento, in un frutteto dell’entroterra genovese nei pressi del paesino di Sparzi, del cadavere mummificato di un’anziana maestra: vicino al cadavere un gioco per bambini, all’interno alcuni fogli poco leggibili di un vecchio tema scolastico. Bisogna sapere che nella zona dal 1945 al 1975 erano già stati commessi ben undici efferati delitti, attribuiti ad un misterioso personaggio detto “il Barbiere”. Non solo, ma nel 1945, in una zona detta Piano Imperatore, era stato sottratto, con un audace colpo di mano da parte di un commando partigiano, un ingente tesoro a una colonna tedesca in fuga. Dove è finito il prezioso bottino sottratto? Chi è il famigerato Barbiere? Che relazione corre tra i vecchi delitti, l’uccisione dell’insegnante, un altro omicidio (la messa in scena di un finto suicidio di chi forse sapeva troppo) e soprattutto il contenuto quasi illeggibile del vecchio tema scolastico? Il giallo entra qui nel vivo: da una parte le indagini della polizia, condotte da una affiatata squadra di agenti diretta dall’ispettore Manzi aiutato da un ex poliziotto, Goffredo Red Spada, e da un’attivissima e brava giornalista locale, Orietta Costa, dall’altra la rivalità storica delle due famiglie più potenti ed influenti della zona, i Pareto, di matrice fascista, e gli Oneto, discendenti da vecchie famiglie partigiane. Le verità nascoste sono parecchie, i sospetti turbano rapporti consolidati, i colpi di scena mettono a repentaglio le indagini che brancolano tra incertezze e depistaggi, lo stesso ispettore Manzi corre il serio pericolo di essere assassinato: alla fine verrà a galla la verità, il furto di quel tesoro di tanti anni prima è servito ad arricchire personaggi importanti e chi sapeva o sospettava è stato via via ucciso da un insospettabile assassino, eliminato a sua volta perché non potesse divulgare intrighi segreti. Nell’Epilogo, poi, dopo ben centocinque capitoli, si materializza un vero spiazzante colpo di genio dell’autore: una sorta di nemesi, una liberazione, un atto finale di giustizia e di vendetta insieme, messo in atto dall’autrice del famoso componimento scolastico quasi illeggibile ritrovato vicino al cadavere dell’insegnante assassinata.
I personaggi sono tanti, come numerose sono le storie che corrono parallele alla trama principale: i rapporti conflittuali tra l’ex poliziotto Goffredo e il figlio Lorenzo, che si concluderanno con una commovente riappacificazione, l’amore contrastato tra Enrica Pareto e un rampollo della famiglia Oneto, la rivale di sempre, le simpatie corrisposte dell’ispettore Manzi per la bella giornalista, le manovre sotterranee di alcune associazioni apparentemente benefiche, e, soprattutto, la rivalità di antica data dei due nuclei familiari, i Pareto e gli Oneto. Rivalità che le pone su due opposti versanti politici e che, nel corso del romanzo, fa emergere in primo piano la figura maestosa ed imponente di un vecchio partigiano, il “Generale” Michele Oneto, centenario rispettato e temuto, depositario di segreti scottanti e vittima di oscuri ricatti.
La scrittura di Malavasi è scorrevole, elegante, essenziale, ricca di riflessioni ironiche e senza divagazioni banali: personaggi ed ambienti della sua Genova sono descritti con cura, direi quasi con affetto, mettendo in risalto il fascino di una ammaliante città, con il suo dialetto inconfondibile e la bellezza delle sue chiese e dei suoi vicoli. Si capisce che l’autore è figlio di quei posti e li conosce alla perfezione. Se posso fare un’osservazione, ho qualche perplessità sulla lunghezza del thriller, genere cui in effetti il romanzo appartiene: troppi personaggi, nel caso specifico, possono far perdere l’orientamento al lettore e incidere sulla comprensione della storia, di per sé già abbastanza complessa. Cinquecento e passa pagine sono più da romanzo storico che da giallo, solitamente più stringato e concentrato su fatti e con minor caratterizzazione dei protagonisti. Detto questo, il giudizio è senz’altro positivo, il romanzo è interessante e coinvolgente, la scrittura brillante. Vorrei permettermi infine di dare un consiglio all’autore, da accanito lettore ad accanito lettore: quello di cimentarsi in un vero romanzo storico, ad ampio respiro, sul tipo della famosa trilogia di Bacchelli (“Il mulino del Po”), o dei capolavori di Elsa Morante (“La storia”) eTomasi di Lampedusa (“Il gattopardo”). Non è poi detto che in un romanzo cosiddetto “storico” non si possa inserire una trama con risvolti da thriller: forse Raffaele Malavasi sta già pensando di allargare i suoi orizzonti!


Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
I precedenti thriller di Raffaele Malavasi
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La mia giornata nell'altra terra
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La fortuna
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sono mancato all'affetto dei miei cari
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La treccia alla francese
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Città in fiamme
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Ritratto di donna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il tessitore
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il segreto dell'alchimista
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La stanza delle mele
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il ritorno di Sira
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Stalingrado
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Fame blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Undici morti non bastano
Il tessitore
Il gigante e la Madonnina
Terrarossa
Se son rose moriranno
Rancore
Racconti sull'innominabile
Una piccola questione di cuore
Vivi nascosto
Diritto di sangue
Il Francese
Mente oscura
Paesaggio con ombre
Come i tulipani gialli
La ragazza che cancellava i ricordi
Fuoco