Veritas Veritas

Veritas

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Vienna, aprile 1711. Da dieci anni una guerra rovinosa insanguina l'Europa. Solo la capitale asburgica conserva la sua opulenza: a Vienna si mangia, si beve e si balla. Il garzone di Imprimatur e Secretum e l'abate Atto Melani si ritrovano nella capitale. Di colpo la cittá è scossa da un brivido d'apprensione: è arrivato l'Agá turco. Ma tra Imperatore e Sultano c'è pace, perchè allora questa visita improvvisa? I torbidi eventi dei giorni successivi riveleranno rancori secolari e segrete connivenze. Nell'incanto di paesaggi tersi e innevati, tra dervisci ottomani, cricche di goliardici studenti e incursioni nel malaffare notturno aleggia l'inquietante interrogativo di Veritas: chi sta con chi? Grazie al ritrovamento di documenti inediti e al referto di un'autopsia, gli autori hanno rinvenuto le tracce del sottile disegno eversivo, che ha consegnato la coscienza europea alla morsa delle forze distruttrici.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Veritas 2016-08-07 18:41:22 Dany83
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Dany83 Opinione inserita da Dany83    07 Agosto, 2016
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

I volti della verità

In un’epoca in cui l’Europa intera è messa in ginocchio dalla Guerra di Successione spagnola, un’unica città si erge come vetta immacolata tra le ceneri, in mezzo a tanta carestia e puzzo di morte splende per la sua opulenza e benessere, ampolla distaccata dalle brutture che la circondano. Siamo agli inizi del XVIII secolo e la città è Vienna.
A quasi trent’anni dagli accadimenti del primo capitolo della saga valichiamo le Alpi, a saldo di un debito, di una promessa fatta molti anni prima, quando ci trovavamo mollemente adagiati tra i sontuosi giardini di Villa Spada a Roma. Di nuovo troviamo il giovane garzone ormai divenuto uomo e forse un po’ più scaltro, e l’ormai ottuagenario abate Melani con le sue membra ormai fiacche e straziate, quasi portasse le sorti d’Europa sulle proprie spalle, a fare i conti e il bilancio di una vita spesa al servizio di Luigi XIV. Sarà stata spesa bene?. Monaldi e Sorti hanno voluto sorprendere il lettore e in questo loro terzo capitolo si capisce come, figli della stessa mente, i tre romanzi abbiano in realtà tre caratteri ben distinti e per un certo senso distanti ed in vero, Veritas, è il più irruento è sanguigno dei tre.
Lo stile è come al solito impeccabile, adatto all’ambientazione storica, cattura per la sua eleganza e armonia, ma in questa occasione cambia la marcia, come un sassolino in discesa aumenta velocità nel proseguire e fin da subito mette la pulce all’orecchio del lettore che vuole scoprire dove finirà la corsa. Il mistero di un vecchio palazzo abbandonato a se stesso che vuol essere riportato al suo antico splendore, la visita dell’agà turco al principe Eugenio di Savoia, l’enigma del “pomo aureo” e una serie di inspiegabili e talvolta brutali omicidi, sono gli ingredienti che danno i connotati di thriller a questo nuovo romanzo, oltre a quello di sublime romanzo storico, e tengono incollato alle sue pagine chi legge. Mai come in Veritas, la verità è un gioco di ombre sfuggevoli, dove gli amici diventano nemici, le alleanze mascherano subdoli intrighi e non si può sapere chi sta con chi e chi manovra e chi è manovrato.
Non è più il dolce profumo dei fiori quello che sento, non più le ricche stoffe quelle che lambiscono la mia pelle, non più i magnifici palazzi quelli che vedo: con questo romanzo ho sentito il freddo della neve percorrermi la spina dorsale, l’afrore del sangue invadermi le narici, una realtà sconvolgente annebbiarmi la vista e mai come in questo capitolo sono stata curiosa di leggere i documenti probatori che si trovano nella parte finale del libro per capire quali di queste spiazzanti, ma forse sempre sapute rivelazioni, fossero documentate, e cosa fosse frutto dell’intelletto degli autori.
Veritas colpisce come una bomba, risveglia il lettore che ancora poltriva nel torpore in cui lo aveva lasciato il precedente capitolo, se letto , e lo porta bruscamente in un’altra realtà.
Cammini tranquillo in un prato ed in lontananza senti un gran boato, la vista ti si acceca per il bagliore e l’onda d’urto ti scaraventa a terra. Immobile ed attonito assisti impotente allo spettacolo delle fiamme che bruciano tutto ciò che fino ad allora era stato fatto e costruito. Così alla fine ti ritrovi seduto a terra con accanto il garzone e l’abate Melani, con i morti del romanzo e quelli della Storia, a fissare la nera coltre di fumo degli inganni e delle menzogne, solo un flebile chiarore si scorge ogni tanto, è quello della verità che luccica ma non si sa né da dove proviene né se brillerà più.
Così il romanzo scaglia una ineluttabile profezia:
“…Verrà il dì in cui il Terrore per anni e anni andrà in giro nudo per le strade, armato di scure e falce, e mozzerà la lingua alla Verità, e la testa ai giusti. La chiameranno Libertà Uguaglianza Fraternità: sarà invece solo strage organizzata, e tirannia camuffata.”
Imprimatur Secretum, Veritas : una prima parte della sentenza latina è stata scritta e con una nota malinconica di fondo attendiamo i successivi capitoli che l’andranno a completare, curiosi di sapere di quali altre sorprendenti scoperte ci renderanno partecipi.

Buona lettura

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Imprimatur, Secretum
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima notte di Aurora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli affamati e i sazi
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Pietro e Paolo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Macchine come me
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Il silenzio delle ragazze
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il grande romanzo dei Vangeli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un dolore così dolce
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dodici rose a Settembre
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
La ragazza che doveva morire. Millennium 6
Valutazione Utenti
 
2.8 (2)
The chain
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti di QLibri