Narrativa italiana Romanzi Ma già prima di giugno
 

Ma già prima di giugno Ma già prima di giugno

Ma già prima di giugno

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Protagoniste sono una madre e una figlia. Maria Antonia ha affrontato lutti e miseria, è fuggita come profuga da Spalato, ha perso un marito nelle Foibe. Ma nonostante la dannazione della guerra è sempre vissuta padrona di sé. Darà scandalo pur di assecondare la sua disperata voglia di vivere. La storia di questa donna giovane e indomabile ci viene raccontata da Ena, sua figlia, costretta a letto dall’età avanzata dopo una vita sazia e pigra. Come la madre, anche Ena è una donna aspra e forte. Ma la generosità della vita è stata per lei più un danno che un conforto. E ora, prossima alla fine, ricorda. Fra rimorsi, speranze, sogni e dolori, una giovane indomita troverà la sua strada per diventare donna, e una figlia, molti anni più tardi, scoprirà le ragioni segrete di una madre all’alba della vita.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Ma già prima di giugno 2015-06-25 19:07:19 Bruno Elpis
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    25 Giugno, 2015
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La mia palinodia divenne sorte

Patrizia Rinaldi torna “Ma già prima di giugno” e propone un nuovo modo d’essere romanziera, accantonando il noir di Blanca, per scrivere questa saga storico-familiare dai tratti originali.
Demandando alla sinossi il compito di fornire informazioni sul contenuto del romanzo, in questo commento preferisco giocare con il titolo, e prima ancora soffermarmi sulla bella cover, un ensemble di grazia femminile e gusto retrò, con il particolare vintage della radio d’epoca a valvole.

Giugno è mese di grande evocazione letteraria con l’incipit affidato all’Elio Pagliarani di “Inventario privato”: “Ma già prima di giugno/la mia palinodia divenne sorte”.
Nei particolari: “Porto sempre il telefono con me, anche se non è ancora giugno”.
Nelle speranze: “Quando la frattura si sarà ricomposta (inutile, sarà dopo giugno)”.
Nella rassegnazione: “Ma no, che devo morire a giugno, non ne vale la pena”.
Ancora nella rassegnazione: “Capirai il danno, non mi resta molto fino a giugno”.
Nell’attesa: “Quanto manca per giugno?”
Nella resa: “Va bene, confesso, ma in anticipo, non è ancora giugno”.
In un moto di ribellione: “Anche questo fatto di giugno è una bufala”.
Nelle bugie declamate al medico: “Gli recito … il limite del giugno che non afferra”.
Nel dubbio: “Non sono così sicura che morirò a giugno, lo sai?”

Una figlia vecchia (“Gli esercizi per la felicità invece li ho fatti per anni”), una madre giovane (“Sì ho studiato. Senza la guerra mi sarei laureata, ma intanto lavoravo. Ho un titolo finito di maestra. Una donna istruita. Hai fratelli? Uno piccolo, sta con noi, e tre sono prigionieri in Germania… Torneranno?”). Ci raccontano. Si raccontano. La madre per bocca della figlia. La figlia in proprio. Mentre scorrono in flash back eventi storici dei quali la mamma giovane (“Sono Maria Augusta, la moglie del tenente Augusto F.”) si è resa protagonista: la guerra in Jugoslavia (“La reazione sarebbe stata crudele: le parti peggiori di due popoli stavano per sposarsi con la benedizione della grancassa del sangue”), la fuga da Spalato (“A Spalato non si può più restare, i titini hanno dato inizio alle rappresaglie”), l’approdo a Brindisi tra i morsi della fame che inducono a rubar formaggio a un pastorello (“Il primo morso la fece cattiva e felice”), il ritorno a Napoli, la deportazione di tre fratelli (“La sua carriera da kapò fu veloce e brillante, al punto che poté ammazzare K.M.”), la morte del marito nelle foibe, il dopoguerra (“Maria Antonia, la guerra mia comincia ora. Quella che è finita era la guerra degli altri”), le contese legali per assicurare alla figlia Lucia l’eredità di una villa la mare, una scelta scandalosa…

Lo stile di Patrizia Rinaldi è una bella novità, nel suo modo di esprimersi è bello ricercare contenuti che giungono come ondate e ti sorprendono.
E questa frase, “Non possiamo andare a Nisida e voi lo sapete bene” non ricorda “La gita al faro”?
”… Se fossero andati finalmente al Faro…”
“Domani non andremo al Faro; e sentì pure ch’egli avrebbe serbato per tutta la vita il ricordo di quel rammarico.”
“Domattina no, rispose la madre, e promise: Però ci andremo presto, il primo giorno di bel tempo”.
Io, “Ma già prima di giugno”, vi ho colto lo stesso senso dell’attesa perenne che incombe sulle nostre vite.

Bruno Elpis

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
... Gita al faro
Trovi utile questa opinione? 
190
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il signor Cardinaud
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Desiderio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima canzone del Naviglio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Uomini di poca fede
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Violette di marzo
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quanto blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Le peggiori paure
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Le confessioni di Frannie Langton
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una donna normale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il sale della terra
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La signora del martedì
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nero come la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri