Narrativa italiana Romanzi Nè con te nè senza di te
 

Nè con te nè senza di te Nè con te nè senza di te

Nè con te nè senza di te

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Vera, giornalista e scrittrice milanese, uccide, apparentemente senza motivo il suo compagno Nicola, avvocato molto più giovane di lei prima di togliersi a sua volta la vita. Sarà il loro migliore amico a interrogarsi su un senso che sembra sfuggire a ogni interpretazione.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
2.0  (2)
Contenuto 
 
2.0  (2)
Piacevolezza 
 
2.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Nè con te nè senza di te 2017-09-02 02:40:42 Bruno Elpis
Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    02 Settembre, 2017
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ragionevoli logaritmi

Il prologo di Né con te né senza di te di Paola Calvetti è promettente: s’ispira al François Truffaut de La signora della porta accanto. Due amanti vengono infatti ritrovati morti e si tratta di una caso di omicidio-suicidio (“Morire dopo aver fatto l’amore con chi ami: il sogno di noi romantici”).

Il romanzo ripercorre la relazione tra la scrittrice Vera e l’avvocato Nicola da due visuali alternate nella successione dei capitoli: quella della stessa Vera, quella dell’amico Francesco, architetto che viene interrogato dagli inquirenti per tentare di ricostruire la dinamica del delitto.

Promettente nelle intenzioni, oltre che nel titolo-traduzione del “Nec tecum, nec sine te vivere possum” di Ovidio, il testo inciampa in una ricostruzione delle possibili cause che disorienta, o forse semplicemente annoia il lettore. Vera non suscita compassione (“Credo che la sua ansia di vivere quell’amore fosse pari alla paura che il sogno svanisse”), la storia non riesce a trasmettere il senso della tragedia (“Sul tetto, lampeggianti da luna park gettano coriandoli”), la ricostruzione è lambiccata (“Si può temere un amore di carta?”) a fronte di una dinamica forse elementare come ipotizzato dalla mamma di Nicola (la suocera! “… Quella donna era gelosa. Lui si era stancato della relazione, lo ha ammazzato per la più scontata delle ragioni”).

Buona parte della ricostruzione viene affidata al romanzo che Vera sta scrivendo e che narra di una bambina dall’infanzia difficile, che ama rifugiarsi sotto il tavolo di casa e lì – grazie all’immaginazione - incontra Arlecchino, Giulietta e Manon Lescaut.

Lo stile è talvolta irritante (“La tua faccia è peggio di quella di Bette Davis prima di passare al trucco”), talaltra pretenzioso (“Le ciglia di Nicola sono ragionevoli logaritmi”) ai limiti del lecito (“Il nulla, penso, ha più densità di una goccia di sperma”).

Giudizio finale: non pervenuto.

Bruno Elpis

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
Nè con te nè senza di te 2012-03-04 09:17:14 EvaBlu
Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
EvaBlu Opinione inserita da EvaBlu    04 Marzo, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Con o Senza Te

Vera e Nicola, un amore lungo sette anni, vengono ritrovati cadaveri nella loro casa di Milano. Lei, cinquantaquattro anni, giornalista e scrittrice di successo, lui, quarantuno, con davanti una promettente e facoltosa carriera di avvocato . Sulle modalità della loro morte non vi è alcun dubbio: Vera, dopo averci fatto l’amore, ha prima sparato un colpo alla tempia del fidanzato e poi si è puntata l’arma al cuore e si è uccisa a sua volta.

Parte così questo noir dalle tinte confuse e dai toni infinitamente tristi; parte con un assassino già svelato e prosegue con i racconti alternati della stessa Vera e di Francesco, amico fortemente legato alla coppia.

L’intento sarebbe quello di illuminare il lettore sui perché dell’efferato gesto, ricostruendo, da due punti vista differenti, la sfortunata relazione conclusasi nel peggiore dei modi.

Ma i risultati sono pessimi.

Le voci narranti sono identiche: Vera e Francesco parlano e pensano nello stesso pomposo modo, perdendosi in ghirigori eleganti e mortalmente noiosi sulla complessa personalità, rispettivamente, di se stessa e della donna che è stata in grado di uccidere ed uccidersi.

I deliri di Vera, in particolare, non conducono in nessun dove, tanto che alla fine, una volta chiuso il libro, una paio di fondamentali domande sul perché questa abbia effettivamente svalvolato continui a fartele.

In compenso, verso la conclusione, ci si può beare dell’autentica simulazione dei verbali stilati dagli organi competenti sul ritrovamento dei corpi dei due amanti, con tanto di numeri di protocolli, intestazioni, nomi a vanvera e spiegazione tecnica sullo stato dei cadaveri ad un tot dall’ora del decesso: una vera goduria!

Paola Calvetti ci offre così l’autopsia di un amore, scavando non solo nell’abisso dei sentimenti ma anche e soprattutto nella pazienza e nella determinazione del lettore a seguirla, rimandando coraggiosamente, ad ogni pagina, il lancio del libro dalla finestra.

Chiunque voglia avvicinarsi a questa autrice, che io reputo comunque grandiosa avendo letto le sue precedenti opere, è forse il caso che si indirizzi sui suoi primi romanzi; “L’amore segreto”, ad esempio, che io stessa ogni tanto riprendo solo per la gioia di riscoprirne le emozioni e la toccante e talentuosa profondità di una scrittrice che spero prima o poi si decida a tornare.

Per questa volta spero non me ne si voglia, ma Con o Senza Paola sarebbe stato lo stesso.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Consigliato a chi ha letto...
Solo a chi ama uno stile ricercato e non attraversa un periodo particolarmente difficile /o a chi conosce già l'autrice e desidera fare un confronto con le precedenti opere.
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il morso della vipera
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Echi in tempesta. L'Attraversaspecchi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il borghese Pellegrino
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il dolce domani
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La congregazione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La strada di casa
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)
Questa tempesta
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Giura
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'enigma della camera 622
Valutazione Utenti
 
3.8 (2)
La nostra folle, furiosa città
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le imperfette
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Kaddish.com
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri