Gertrud Gertrud

Gertrud

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


Pubblicato nel 1910, Gertrud, uno dei più importanti romanzi di Hermann Hesse, è la storia dell'amore impossibile del violinista Kuhn per l'affascinante Gertrud Imthor. Centrato, più che sull'amore di Kuhn, sul contrasto fra la sua umbratile personalità di artista e la vitalità instintiva e vincente del rivale, il romanzo è legato per molti versi alla narrativa tedesca di inizio secolo. In particolare, illuminante e ricco di suggestioni appare l'accostamento a Tonio Kroger di Thomas Mann.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.5  (2)
Contenuto 
 
4.5  (2)
Piacevolezza 
 
4.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Gertrud 2018-06-20 19:25:34 68
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
68 Opinione inserita da 68    20 Giugno, 2018
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Triangolo virtuale ed esplosivo

Amore assoluto, amicizia, solitudine affettiva, ispirazione artistica, catarsi e rinascita caratterizzano e definiscono Gertrud, romanzo di una vita con accentuata personalizzazione.
Il protagonista,, il violinista Kuhn, sin da bambino vive un amore spasmodico per la musica, musa ispiratrice, consapevole della solitudine che accompagna da subito l’ autentica creatività .
Un amore imbattutosi precocemente nei primi slanci amorosi ed interrotto bruscamente da un incidente fortuito, una vita segnata dalla zoppia e dalla afflizione per la propria giovinezza perduta. Da quel momento la sensazione di essere lasciato fuori, escluso, abbandonato, costretto a guardare gli altri e a non essere preso sul serio dal gentil sesso, mentre qualunque cosa vede ed ode riporta al tempo passato ed alla propria invalidità.
Kuhn vive periodi contrastanti, gioiosi e malinconici, finché tutto si illumina e luce e buio si uniscono fraternamente. Nel viaggio tormentato della vita vorrebbe percepire gioia e dolore come necessari, scaturiti dalla medesima fonte, nati dalla stessa energia e battute della medesima musica.
Ecco un incontro necessario e pericoloso con Muoth, uomo cupo, capriccioso ed imperioso, dai tratti forti e particolari, che impressiona il protagonista nei modi e ne ferisce la personalità, un cantante che prende spunto dalla sua opera e che, al contrario del protagonista, sembra servirsi con grande naturalezza delle belle donne.
Ed allora, nel proprio amore fantasticato ed illusorio per l’ affascinante Gertrud, traspare una solitudine assoluta e quanto la propria vita non sia destinata a pienezza e felicità ma a fragilità, sottomissione e a domande reiterate. Quale la reale diversità ed il vero amore, quale lo scopo della esistenza?
Si consuma una sofferenza protratta, l’ impossibilità di vivere e di morire, uno stato di amore immerso in un desiderio irraggiungibile e vana è la volontà di infrangere ciò che è stato e sfuggire al proprio destino.
L’ uscita dal turbine della giovinezza ed un prolungato periodo di interiorità porteranno ad un cambiamento significativo, la comprensione e l’approvazione della esistenza e della sofferenza, una catarsi che identifica nella produzione artistica la via salvifica accettando il proprio destino, volgendolo al bene con le proprie forze e l’ accettazione consapevole dell’ amore incondizionato ed insostituibile di Gertrud per il marito.
Un romanzo che ben si inserisce nella letteratura tedesca di inizio secolo con temi e trama che riportano al “ Tonio Kroger “ di Thomas Mann, quel senso di solitudine e smarrimento che non si esauriscono con la giovinezza ed una semplice educazione sentimentale ma accompagnano l’ intera vita del protagonista.
Se “Gertrud” vive di slanci emotivi e dell’ assolutezza di un amore negato ma al quale votarsi, successivamente “Rosshalde “ rappresenterà’ la crisi del matrimonio.
Un romanzo a tinte forti, dove l’ azione ed il suo svolgimento lasciano il passo ad una giostra sentimentale a tre, ad un sistema dai marcati tratti psicologici, ad una essenzialità di trama e profondità di contenuti, manifesto dell’ animo umano in tutta la propria complessità.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore

Gertrud 2010-11-05 10:59:07 Unda Maris86
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Unda Maris86 Opinione inserita da Unda Maris86    05 Novembre, 2010
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

"Vibrazioni" d'amore

Recensire un’opera di Hermann Hesse è, come sempre, intrinsecamente riduttivo, data l’inesauribilità delle sfumature che intessono non solo la trama, ma anche il profilo psicologico dei personaggi, colti in tutta la profondità del loro essere. Per tal ragione, ogni azione materiale che essi compiono rimanda ad una serie di presupposti caratteriali ed emotivi che, oltre ad arricchirne la fisionomia, ne esalta i moti interiori e gli stati d’animo. Al contempo, peraltro, ben svolti risultano anche gli aspetti estrinseci e formali della narrazione, che, incentrata su un numero ben circoscrivibile di attori e vicende, prende le mosse, acquisisce vigore e giunge all’epilogo alla luce di un elemento costantemente sotteso ed operante: la musica. Non tanto l’amore, infatti, a parer mio, quanto proprio la musica assurge, in questo romanzo, al rango di protagonista ideale: “A partire dal mio sesto o settimo anno circa, ho capito che di tutte le potenze invisibili la musica era destinata ad avvincermi con maggior forza e a dominarmi”, può asserire con intima convinzione il personaggio centrale nonché voce narrante della storia, Kuhn, violinista e, poi, egli stesso compositore. Amore e musica, del resto, si sposano e compendiano in maniera perfetta proprio nel personaggio della soavissima, splendida Gertrud, che, nella sublime interpretazione vocale della musica di Kuhn, ne incarna altresì la passione d’amore. Sicché, le vette più alte dell’ingegno musicale del protagonista finiscono per sperdersi nel cielo – talvolta limpido e splendente, talaltra fosco e burrascoso – dell’ardore sentimentale, trovando proprio nel personaggio di Gertrud la manifestazione più compiuta e tecnicamente espressiva.
In ultima analisi, come è del resto peculiare dell’indole letteraria dell’autore, "Gertrud" si propone all’aspettativa dei lettori non solo come intreccio di accadimenti, ma anche – e direi, anzi, preminentemente – come trasfigurazione e traslitterazione del reale nel sommesso ma avvincente linguaggio della più profonda interiorità.


Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Romanzi d'introspezione psicologica o altre opere di Hesse.
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Assolutamente musica
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lo stato dell'unione. Scene da un matrimonio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La notte più lunga
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Una vecchia storia. Nuova versione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La palude dei fuochi erranti
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il treno dei bambini
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La bambina del lago
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il pittore di anime
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Rosamund
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
I testamenti
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
L'istituto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri