Narrativa straniera Classici Giobbe. Romanzo di un uomo semplice
 

Giobbe. Romanzo di un uomo semplice Giobbe. Romanzo di un uomo semplice

Giobbe. Romanzo di un uomo semplice

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


"Un 'Giobbe' moderno, dunque: la storia di un pio ebreo orientale, di quelli che si librano a mezz'aria nei quadri di Chagall, (Portava sempre il suo berretto nero di reps di seta e il caffettano di media lunghezza e gli stivali alti""), quando i lutti lo sopraffanno, tentato dal Principe delle Tenebre, forse con la connivenza del Signore, a bruciare il suo scialle rituale e sfidare Dio"". (Paolo Milano)

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.5  (2)
Contenuto 
 
4.5  (2)
Piacevolezza 
 
4.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Giobbe. Romanzo di un uomo semplice 2019-01-10 04:25:42 evelyn73
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
evelyn73 Opinione inserita da evelyn73    10 Gennaio, 2019
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

il senso della sofferenza

**SPOILER
Breve e intenso racconto delle traversie di una famiglia molto povera; le loro vicende narrate coprono i primi decenni del 1900. La prima parte è ambientata in un piccolissimo villaggio della Russia al confine con la Polonia (Volinia), quindi in America, dove ad un certo punto parte della famiglia emigra, al seguito di un figlio (Semarjah), precedentemente fuggito oltreoceano in quanto disertore.
Il protagonista è Mendel Singer, un ebreo molto religioso, pacifico, le cui giornate sono scandite dalla preghiera, da riti rassicuranti e dall'insegnamento: è un maestro, insegna ai bambini del luogo a leggere la Bibbia. Sposato con Deborah, la coppia ha quattro figli: Jonas, Semarjah, Mirjam e Menuchim, quest'ultimo affetto da una non meglio specificata malattia (viene definito "storpio", pronuncia solo "mamma", ha crisi epilettiche). La madre disperata si rivolge al rabbino, il quale le profetizza la guarigione del figlio, a patto che lei non lo lasci mai. Si capisce quindi lo strazio della madre, quando anni dopo sarà costretta a lasciarlo per andare in America (un esilio, più che un'emigrazione), ove tutta la famiglia si trasferisce, richiamata da Semarjah; questa è anche l'occasione per portare la loro unica figlia Mirjam lontana dai "cosacchi", in quanto la ragazza è attratta dai soldati.

Quasi tutti i riflettori della critica sono puntati sulla figura del probo Mendel Singer e della sua attinenza con Giobbe, il personaggio biblico messo alla prova da Dio, che gli manda sventure. Da qui tutte le riflessioni sul come giustificare la presenza di Dio, di fronte alle sofferenze dell'essere umano.
Spendo invece una parola sulla moglie e madre Deborah, che si staglia come una figura perennemente in pena, sofferente, gran risparmiatrice, che prova disprezzo manifesto per il marito ("uno stupido insegnante di stupidi bambini", lo definisce "stolto", in una scena gli sputa); la donna non sopporta come il marito accetti tutto in maniera serafica ("non esiste alcun potere contro la volontà del cielo"), mentre lei, più attiva, meno fatalista ("l'essere umano deve cercare di aiutarsi, e Dio lo aiuterà") si prende in carico il pensiero di e per Menuchim e il peso dei figli che dovranno arruolarsi. Dopo i primi anni di matrimonio, la relazione fra Mendel e Deborah evolve in una reciproca indifferenza, se non fastidio, che entrambi provano reciprocamente. Denso di sofferenza materna il momento in cui lei si rivolge a Kapturak nella speranza di un suo intervento per esonerare entrambi i figli dal servizio militare, spicca l'angoscia di possedere del denaro per "comperare" la diserzione di uno solo dei due, quindi il sacrificio del fratello Jonas, che sceglie liberamente di arruolarsi, liberando di fatto il fratello dall'onere.
Le vicende di Mendel ricordano e ricalcano il personaggio biblico di Giobbe, uomo retto onesto e probo. La fede di Mendel infatti, a seguito delle sfortune che incombono sulla sua famiglia (un figlio disperso in guerra, uno morto, Mirjam ricoverata in clinica psichiatrica, morte della moglie) inizia a vacillare: c'è un passaggio forte in cui viene descritta la rabbia di Mendel verso questo Dio prima amato, ora messo in forte discussione. Mendel mangia carne di maiale ed è sul punto di bruciare i suoi testi sacri e altri simboli religiosi. Mendel è convinto che il Dio lo stia punendo per qualcosa, e palpabile è l'angoscia per non sapere quale sia il peccato commesso.
Alla fine, il Mendel messo a dura prova dalle avversità della vita, quando pensava che tutto fosse perduto, viene ricompensato e gli viene offerta la possibilità di riprendere serenamente il suo cammino, seppur a fianco di affetti diversi.

Consiglio questo libro, che si può leggere a diversi livelli di profondità: da storia romanzata fino a disquisizioni di teodicea. Ci sono dei passaggi di prosa molto intensa, specie in relazione ai vissuti di Deborah verso i figli. Io son stata sfortunata con l'editore (Liberamente, che credo sia della Rusconi): ci sono dei refusi e pure due pagine invertite, mi sono trovata la pagina 69 al posto della 75 e viceversa. Inoltre la traduzione di S. Stefani a tratti lascia a desiderare. Evitare quindi quest'edizione e traduzione.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore

Giobbe. Romanzo di un uomo semplice 2016-02-21 06:18:13 siti
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
siti Opinione inserita da siti    21 Febbraio, 2016
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Bestemmie e miracoli

Già nel 1932 questo stupendo romanzo poteva essere letto in lingua italiana grazie alla pubblicazione voluta dai fratelli Treves e sull’onda di un successo internazionale e sulla spinta esercitata negli ambienti culturali nostrani dall’amico Zweig.
Apparso per la prima volta nel 1930, segue opere come La tela di ragno, Hotel Savoy, Fuga senza fine e precede La marcia di Radetzky. È il romanzo che canta il mondo ebraico-orientale e che rappresenta la decadenza dell’ebraismo orientale e la sua disgregazione, è anche il romanzo che consegna al lettore nella metafora dell’esilio ebraico una delle più alte rappresentazioni della condizione dell’essere umano in vita “esiliato dalla pienezza e dalla totalità della vita vera”(Magris, “Lontano da dove”, 1971). È soprattutto la storia di un “uomo semplice”: bella, struggente, universale nel suo significato.
La narrazione muove il suo corso con tono fiabesco e ci cala subito in un tempo passato e in una terra lontana: Zucknow, villaggio sperduto nell’immensa pianura russa, assoggettata al volere dello zar. La presentazione dei personaggi è magistrale. Mendel Singer è un modesto maestro, è sposato con Deborah, ha due figli maschi e una femmina e lo conosciamo mentre sta per nascere il suo ultimogenito, Menuchim. È un uomo pio, dalla coscienza pura e dall’animo casto. Il bambino però, è chiaro fin da subito, è un minorato. Mentre la moglie assume un atteggiamento attivo e cerca una soluzione al problema affidandosi al rabbi, Mendel soccombe al volere divino, intanto duri destini attendono tutti i componenti della famiglia e la fede, già messa a dura prova, comincia a vacillare. Con l’approssimarsi del primo conflitto mondiale la famiglia si disgrega, un figlio si vota ai cosacchi, l’altro diserta, emigra in America e vi trascina il resto della famiglia, tranne Menuchim...
Gli eventi cruciali sono narrati con una maestria che ferma il tempo, consegna palpabili emozioni e ne rende pienamente partecipe il lettore.
I conflitti interni alla famiglia, la sua disgregazione, il crollo delle certezze contribuiscono a creare un quadro cupo e desolante e man mano che viene meno la fede di Mendel Singer si è portati a sperare in luoghi e tempi migliori. L’America però non rappresenterà la salvezza ma la distruzione e quando intorno tutto è buio, il lettore non potrà certo credere al mito americano. Subentra un nichilismo impressionante che culmina con il coinvolgimento dell’America nel conflitto europeo con il suo carico di nuovi dolori e il tramonto definitivo di ogni illusione. Il finale del libro è però conciliante e terapeutico e riecheggia la giusta ricompensa del biblico Giobbe.
Non perdete questa lettura, rinfrancherà il vostro cuore.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Il commesso
Trovi utile questa opinione? 
220
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Un cuore tuo malgrado
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Rien ne va plus
Valutazione Utenti
 
4.4 (2)
Serotonina
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Missione Odessa
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il re di denari
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima volta che ti ho vista
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
Il tunnel
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il gioco del suggeritore
Valutazione Utenti
 
3.3 (4)
Vuoto per i bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.4 (2)
Il delitto di Agora. Una nuvola rossa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Jesus' son
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Da molto lontano
Valutazione Utenti
 
4.8 (5)

Altri contenuti interessanti su QLibri