Narrativa straniera Classici L'amministratore
 

L'amministratore L'amministratore

L'amministratore

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

E' in lotta per la serenità il reverendo Harding, l'amministratore del pensionato per vecchi lavoratori di Hiram, uomo buono e amabile, protagonista di questo romanzo: il primo dei sei del ciclo cosiddetto delle «Cronache del Barsetshire» in quanto ambientati nella immaginaria città di Barchester. Harding è tormentato dal dubbio se sia giusto e legittimo che la rendita che percepisce come amministratore sia tanto superiore alle pensioni degli assistiti. A sollevare il caso è un giovane avvocato di buona famiglia, John Bold, paladino di tutte le cause umanitarie, pretendente riamato della figlia dell'amministratore.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 4

Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.8  (4)
Contenuto 
 
4.3  (4)
Piacevolezza 
 
4.5  (4)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
L'amministratore 2020-10-26 14:27:13 lapis
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
lapis Opinione inserita da lapis    26 Ottobre, 2020
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Alla corte della coscienza

Autore spesso dimenticato, Anthony Trollope, nonostante la sua ampissima produzione letteraria. Ingiustamente dimenticato, si potrebbe dire, perché, quanto a capacità di coniugare leggerezza di tono, qualità di stile e lucida rappresentazione della società, in fondo la sua penna non ha nulla da invidiare ad altre ben più celebri.
Ma è possibile, nel 2020, trovare piacevolezza e spunti di riflessione in una storia imperniata su una disputa legale di età vittoriana? Assolutamente sì.
Il segreto sta nella vivace e misurata ironia, così tipicamente inglese, che permea l’osservazione e la narrazione dei caratteri umani e delle dinamiche di potere. Si legge con gusto, dunque, e si scopre infine che - sostituita magari la vecchia stampa con i nuovi media e le sinecure clericali con altre cariche nominali - resta la natura dell’uomo: i dubbi, le debolezze, l’ostinazione. E quella in fondo non è così cambiata.

Il nocciolo della questione è la legittimità di una rendita ecclesiastica di cui beneficia il gentile e amabile reverendo Harding in qualità di amministratore di un ricovero per anziani. L’istituto di carità era sorto più di quattro secoli prima con l’intento di ospitare dodici indigenti, ma nel tempo la proprietà è diventata assai più prospera.
È giusto che tali rendite vadano interamente all’amministratore, come sostiene fermamente la Chiesa? O non sarebbe più in linea con il mandato originale, e con lo spirito cristiano, una equa suddivisione con i cari vecchietti, come suggeriscono i riformatori? A complicare ulteriormente le cose ci si mettono la coscienza e l’amore, perché i due fronti sono rappresentati nientemeno che dagli innamorati delle figlie di Harding, il severo arcidiacono e il medico idealista.

Frizzante e venata di umorismo è la voce del narratore onnisciente, che interagisce spesso con il lettore per commentare i suoi personaggi, svelandoci magari qualche dettaglio curioso - come quello scandaloso volume di Rabelais nascosto nel cassetto segreto dell’irreprensibile arcidiacono -, o per lanciare ironiche frecciatine al mondo della stampa o dei romanzi d’appendice, nella figura di un Charles Dickens camuffato dietro l’eloquente nome di “Popular Sentiment”.
In conclusione, un delizioso viaggio nella campagna inglese e nella natura umana, che lascia la curiosità di scoprire cosa riservano i successivi cinque volumi che compongono “Il ciclo del Barset”.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'amministratore 2020-01-21 12:56:52 Emilio Berra TO
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Emilio Berra  TO Opinione inserita da Emilio Berra TO    21 Gennaio, 2020
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

debolezze e virtù

Per chi cerca una lettura di alta qualità, gradevole e interessante, col grande scrittore inglese Trollope si va sul sicuro.
Autore d'età vittoriana, rappresenta squarci di vita realistica, privata e sociale ; nel contempo però, in linea con la migliore tradizione della letteratura inglese, la sua prosa ci offre uno stile lieve venato di sottile umorismo e di grande leggibilità.

"L'amministratore" è il primo romanzo del celebre ciclo del Barset.
Il libro presenta, nel quadro della vita di provincia, alcuni uomini del clero anglicano in qualche modo uniti da parentela.
Emergono in particolare quegli incastri fra mansioni ecclesiastiche e rendite economiche, con ascesa sociale sull'onda delle nomine ricevute, frequenti nel mondo anglicano del periodo, e non solo.
Ruolo non secondario assume il potere giornalistico, ormai abbastanza forte nel contesto inglese dell'epoca da orientare l'opinione pubblica, di cui qui Trollope ci dà un ritratto critico e ironico, quando si diffondeva l' opinione secondo cui "i Britannici non devono far altro che leggere, obbedire ed essere felici" .

Gustosi i riferimenti culturali, con puntute frecciate a Dikens, ora che "le sublimi nobildonne non risultano più interessanti, anche se possiedono tutte le virtù" , e la gente comune diventa protagonista di una rappresentazione letteraria dai "colori assurdamente vivaci", con i buoni tanto buoni e i malvagi fin troppo malvagi.
Trollope, forse per non incorrere in tale rischio, a proposito di un personaggio di eccessiva 'disinvoltura' , precisa : "Temiamo che in queste pagine si sia mostrato come peggiore di quel che è in realtà ; ma abbiamo avuto a che fare con le sue debolezze e non con le sue virtù" .

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
200
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'amministratore 2013-07-15 10:13:46 andrea70
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
andrea70 Opinione inserita da andrea70    15 Luglio, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una questione morale

Siamo nell'Inghilterra vittoriana di inizio '800, nel piccolo ed immaginario paese di Barchester, alle porte di Londra. A Barchester il primo cantore della cattedrale, il reverendo Harding, ricopre anche la carica di amministratore del locale ricovero per anziani indigenti, che prospera grazie ad un lascito testamentario di quattro secoli prima del benefattore Hiram.
Le vicende di questo piccolo mondo ruotano intorno all'ambiente della cattedrale e ai suoi personaggi ma anche al fermento di una società in cerca di uno stato sociale più giusto.
In questo senso va vista la battaglia del giovane medico John Bold che ritiene immotivatamente eccessivo il compenso percepito dall'amministratore del ricovero di Barchester in relazione al sussidio passato agli anziani ivi ricoverati.
Peccato che l'amministratore in questione sia il reverendo Harding, un uomo buono e mite, assolutamente disinteressato al denaro e ai privilegi assegnatigli, nonchè padre della giovane Eleanor di cui Bold è nemmeno tanto segretamente innamorato.
L'obiezione sollevata da John Bold è tale da scatenare addirittura una campagna di stampa quasi diffamatoria nei confronti del reverendo Harding, additato quale lampante esempio di un clero viziato e privilegiato che fa di tutto per arricchirsi e non fare niente a discapito di quelli per cui si dovrebbe adoperare.
Qui Trollope si avvicina molto a Dickens , non solo per contemporaneità degli eventi narrati , nella denuncia dell'avidità di certe classi sociali e della capacità di cavillare di un certo ambiente legale, trattando il tutto con una sottile ironia di fondo .
Il reverendo Harding si interroga per la prima volta sulla legittimità di quanto assegnatogli , devastato moralmente dagli attacchi della stampa scandalistica del tempo, la figlia Eleanor si appella ai sentimenti di John Bold per farlo desistere dalla causa, lo stesso John Bold si chiede se questa volta nella sua ricerca di giustizia non abbia sbagliato grossolanamente bersaglio.
A dirimere la questione saranno i legali di una delle due parti o il senso morale dei protagonisti ?, può il senso morale di una persona fargli rinunciare a qualcosa per cui sente di non avere inequivocabilmente diritto anche se la legge e i suoi cavilli lo metterebbero al riparo da qualunque ulteriore obiezione?
Trollope ci racconta tutti questi tormenti da spettatore neutrale che tra una pagina e l'altra introduce i personaggi, spiega, ironizza, commenta le vicende e i comportamenti rendendo la lettura molto piacevole, quasi come se ti venisse raccontata da uno ben informato, ruffiano, ma ben educato.
Da uomo dei giorni nostri non ho potuto evitare di sorridere all'ingenua sollecitudine con cui alcuni personaggi antepongono la questione morale al proprio tornaconto, in una società che non è giusta ma sembra avere ancora una quasi fanciullesca divisione netta e semplice tra buoni e cattivi, dove i ricchi restano ricchi ed egoisti e i poveri restano poveri anche quando qualcuno li sobilla per ribellarsi.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Dickens e i libri che trattano dell'Inghilterra in epoca vittoriana
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'amministratore 2013-01-07 19:02:43 Maso
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Maso Opinione inserita da Maso    07 Gennaio, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un idillio tutto inglese

Ed eccomi al secondo appuntamento di quello che potremmo considerare “Il ciclo dei libri abbandonati (e poi ripresi)”. Anche in questo caso si tratta di un abbandono dovuto, naturalmente, non al valore dell’opera letteraria in questione ma dalla presunzione alquanto infantile di poter leggere in età troppo precoce libri che possono essere assaporati a pieno solo dopo determinati trascorsi da lettore. In questo caso il romanzo di cui mi accingo a parlare appartiene allo stesso tempo a due cicli. Uno, personalissimo, è quello suddetto, l’altro è ben più conosciuto e apprezzato da generazioni, ovvero quello del “Ciclo del Barset”. “L’amministratore” è infatti il primo volume di una serie di sei che ci porta a rivivere, grazie all’abile penna di Trollope, un mondo che, se non si sapesse della sua inesistenza, si crederebbe vero tanto è ben congegnato e descritto. Elemento primario di questo volume e di tutti gli altri del “Ciclo del Barset” è sicuramente la componente ambientale/paesaggistica che funge da scenario per le vicende dei personaggi, componente che personalmente ho gustato con particolare gioia e che sembra essere posta quasi allo stesso livello di importanza di tutto il susseguirsi degli avvenimenti della trama. Il mondo in cui ci inserisce Trollope è quello tipicamente rurale e bucolico della campagna inglese del XIX secolo, dalle luci brillanti, dalle giornate limpide, dall’aria profumata di fiori. Un mondo immaginario, appunto, ma vivissimo e descritto con tanta dedizione da apparirci vero. Un piccolo mondo racchiuso in una piccola contea, quella del Barsetshire, situata in un luogo non precisato nel sud dell’Inghilterra. Il classico villaggio che potremmo vedere nei paesaggi di Constable, con piccole casette di pietra, a fianco il fienile, lo steccato bianco, la chiesetta appena attraversato il ponte, gli alberi frondosi che ricoprono d’ombra le panchine lungo il fiume. Un ambiente fiabesco quello che accoglie i personaggi che si muovono in questo relativamente piccolo, garbato palcoscenico. Personaggi bizzarri, ironici, ambiziosi, ingenui, in gran parte appartenenti al ceto ecclesiastico di provincia. Tutti con un ruolo ben preciso, tutti immersi alla perfezione nella propria piccola nicchia cittadina, intrisi di quel delizioso provincialismo estremamente rassicurante e incurante di problemi o situazioni troppo lontane per potersene preoccupare. Una trama fondamentalmente povera e stereotipata funge da struttura generale di questo breve primo romanzo. Il protagonista principale è il reverendo Harding, l’amministratore del ricovero per anziani del paesino di Barchester. Uomo amabile, buono e umile che vedrà turbata la propria tranquillità, affettiva, sociale e finanziaria, dopo che verrà messa in discussione la rendita che percepisce come amministratore del suddetto ricovero. Sostanzialmente, tra le pagine di questo piccolo romanzo ritroviamo una aperta analisi, e in alcuni casi molto caustica, ma sempre piacevole e sempre “tra le righe”, dei rapporti che intercorrono tra i vari membri della gerarchia ecclesiastica. Tutto questo alternato a piccole storie parallele, amorose o meno, tra i protagonisti minori del romanzo.
La lettura risulta tutto sommato molto piacevole. Interessante e godibile è anche l’approccio che utilizza Trollope nei confronti del lettore. Un approccio assolutamente moderno rispetto ai tempi in cui questo romanzo viene scritto, un linguaggio slegato dalle convenzioni più canoniche del romanzo vittoriano, che ci parla direttamente, che ci presenta con insolita spigliatezza ed ironia i personaggi, uno ad uno, delineandone il carattere, le abitudini, le stranezze, il modo di vestire. Tante piccole schede personali che fungono da occhi immaginari con cui il lettore può figurarsi nel modo più particolareggiato possibile il personaggio di cui segue le vicende. Questo modo inusuale di inserire i personaggi, senza sotterfugi, senza l’obbligo ormai scontato di svelarceli poco a poco, risulta nuovo e commovente nel proprio candore.
I personaggi in se, poi, sono tipici ed estremamente emblematici del secolo in cui vivono. Anche in questo caso ci si ritrova in una vera e propria galleria di caratteri e di differenti modus vivendi, influenzati dal ceto sociale di appartenenza di ognuno di essi.
In definitiva, un inizio davvero delizioso per un ciclo altrettanto piacevole da seguire, dove, aimé, i personaggi non rimarranno sempre gli stessi. “Il ciclo del Barset” continua infatti con altri volumi in cui il teatro rimane sempre la contea del Barsetshire, ma in cui i personaggi di ogni volume sono differenti, sebbene tutti appartenenti alla ristretta cerchia di cittadini del paesino di Barchester.
Consiglio a tutti gli appassionati di classici inglesi di intraprendere questo piccolo viaggio che, nonostante non millanti contenuti altissimi come tanti imprescindibili della letteratura britannica ottocentesca, ci estrania dal nostro mondo per portarci all'interno di un'atmosfera unica, fresca e frizzante come una giornata di primavera e allo stesso tempo calda e rassicurante come solo le vecchie favole sanno regalare.


Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...


Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri