Persuasione Persuasione

Persuasione

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Anne Elliot, la protagonista del romanzo, ha sbagliato: da giovanissima, appena diciannovenne, si è lasciata convincere dall’opposizione del padre, Sir Walter, e dalla “persuasione” di Lady Russell a rompere il fidanzamento col giovanissimo ufficiale di marina Frederick Wentworth, amatissimo ma non ricco. Adesso, a ventisette anni, Anne è sola; per di più le sorti economiche della sua famiglia hanno subito un rovescio e il padre è stato costretto a dare in affitto la propria tenuta all’ammiraglio Croft. Ma un giorno l’ammiraglio riceve la visita del proprio cognato, un affermato e facoltoso capitano di marina: è Frederick, e questa volta, otto anni dopo, Anne ha la sua seconda occasione.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 10

Voto medio 
 
4.4
Stile 
 
4.6  (10)
Contenuto 
 
4.3  (10)
Piacevolezza 
 
4.3  (10)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Persuasione 2020-02-07 10:17:35 La Lettrice Raffinata
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
La Lettrice Raffinata Opinione inserita da La Lettrice Raffinata    07 Febbraio, 2020
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Temi d'attualità, nel 1815

"Persuasione" è l'ultima opera completa di Jane Austen e, come i suoi altri romanzi, sfrutta la facciata del romance per affrontare in chiave satirica temi a lei cari; in particolare, questo titolo calca molto sulle disparità sociali e sull'ottusa limitatezza della vecchia nobiltà che considera inferiore ogni altra categoria, per quanto onorevole nei fatti,

«"Anzitutto, [la carriera in marina] è un mezzo che permette a persone di oscuri natali di raggiungere una immeritata distinzione, innalzando degli individui a degli onori che i loro padri e i loro nonni mai s'erano sognati [...]"»

In questo aspetto, il più frivolo si dimostra indubbiamente Sir Walter Elliot, padre della protagonista del romanzo Anne; anni prima dell'inizio del romanzo, era stata proprio l'opposizione del padre -unita alla persuasione esercitata dall'amica Lady Russell- a convincere la ragazza a rompere il fidanzamento con il Capitano Wentworth, considerato troppo umile per poter ambire alla mano della figlia di un baronetto.
Nel presente troviamo una situazione quasi rovesciata: la famiglia Elliot è in gravi difficoltà finanziarie, tanto da dover affittare l'antica dimora, mentre il caso porta Anne a rincontrarsi con Wentworth, ora arricchito grazie all'impegno nella marina militare. Anche grazie alla temporanea separazione dal padre e da Lady Russell, la protagonista trova il coraggio di ribellarsi alle imposizioni esterne ed iniziare a decidere con la propria testa cosa la renda veramente felice,

«"Mr. Elliot è una persona estremamente piacevole, per molti aspetti ho grande stima di lui", disse Anne; "ma non siamo fatti l'uno per l'altra".[...]»

Anne è senza dubbio il personaggio meglio caratterizzato del romanzo. All'inizio la vediamo sempre pacata e remissiva, pronta a chinare il capo quando non viene ascoltata dalla sua famiglia;

«Lo scopo di Anne era di non essere d'intralcio a nessuno, [...].»

il suo arco narrativo copre l'intera trama e risulta molto realistico per merito dei suoi stessi tentennamenti: più volte la vediamo incerta e preoccupata delle reazioni altrui, e solo al termine del romanzo riesce ad acquistare la legittima indipendenza, assieme ad una ritrovata bellezza fisica che gli anni precedenti avevano a poco a poco annichilito.
Il Capitano Wentworth in un primo momento sembra uno dei tanti eroi austeniani, ma nella seconda parte si riscatta ammettendo di aver commesso degli sbagli dettati dal troppo orgoglio; risulta nel complesso molto più gradevole di tanti protagonisti maschili infallibili.
Sono rimasta favorevolmente colpita anche da Mrs. Croft, sia per la sua indole decisa sia per le riflessioni fortemente femministe,

«"Ma odio sentirti parlare in questo modo, come un raffinato gentiluomo, e come se le donne fossero tutte delle signore raffinate invece di creature raziocinanti."»

Molto positivo soprattutto il suo rapporto con l'Ammiraglio, che la supporta in modo istintivo e con il quale sembra avere una perfetta sintonia. Tutto considerato, approvo anche Lady Russell che potrebbe essere scambiata per l'antagonista della storia, ma in realtà è la sola ad avere davvero a cuore il benessere di Anne.
Non possono poi mancare i personaggi comici con le loro piccole contraddizioni, come la sorella minore di Anne, Mary:

«"[le sorelle Musgrove] non si prendono mai il disturbo di deviare dai loro percorsi consueti".
"Forse le vedrai prima di sera. È ancora presto".
"Non sento mai la loro mancanza, te lo assicuro"»

Queste battute alleggeriscono i toni del romanzo, e vengono utilizzate sia per divertire sia per mettere in evidenza le tematiche di questo titolo. L'importanza data da Sir Walter ai titoli nobiliari si rispecchia così nella sua ossessione per l'avvenenza fisica, tanto da spingerlo a frequentare soltanto persone che superano i suoi rigidi criteri estetici:

«Mr. Elliot era molto più gradevole della maggior parte degli uomini, e [Sir Walter] non aveva alcuna obiezione a farsi vedere ovunque insieme a lui.»

Per alcune sue caratteristiche, come la lunghezza inusuale, i dialoghi solo accennati e le molte scene raccontate a posteriori, questo romanzo viene a volte considerato un incompiuto. A mio parere, forse la Austen voleva lavorarci ancora un po', ma questo non toglie che ci abbia donato una storia dai messaggi prepotentemente moderni; ad esempio possiamo prendere questa affermazione di Anne, secondo la quale:

«"Se una ragazza preferisce un altro uomo, è giusto che lo abbia".»

o anche il suo dialogo finale con il Capitano Harville, costellato da tante piccole perle che da sole valgono questa lettura.
L'edizione non è tra le peggiori che la Newton Compton abbia mai sfornato, ma ho notato la presenza di vari refusi; nulla di grave se in un paio di occasioni Anne diventa Anna, ma mi ha sinceramente divertito che abbiano trasformato Sir Walter Scott in un ultra centenario, indicando il 1711 come data di nascita del celebre poeta.


NB: Libro letto nell'edizione Newton Compton

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
Persuasione 2019-03-09 08:07:21 archeomari
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
archeomari Opinione inserita da archeomari    09 Marzo, 2019
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un nuovo atteggiamento di fronte alla vita

Scritto tra il 1816 e il 1817 e pubblicato postumo dal fratello di Jane Austen nel 1818 col titolo “Persuasion” , un romanzo delizioso, che il lettore appassionato di classici non può non aver letto. Ci sono varie edizioni, ma io preferisco quella della Mondadori, Oscar classici, con una profonda ed attenta postfazione di Virginia Woolf ed utili e puntuali note esplicative alla fine del romanzo.
Questa è l’ ultima opera completa della scrittrice, morta poco più che quarantenne, per una malattia che la consumò a poco a poco e che in tempi recenti è stata poi riconosciuta come morbo di Addison. A quei tempi una donna di 40 anni era quasi decrepita, la stessa protagonista del romanzo, Anne Elliot, ventottenne, nubile, non era già più un fiore di gioventù e di splendore.
Pietro Citati in un suo scritto apparso qualche anno fa tra le pagine de “Il Corriere della Sera”, non a caso, ha intravisto in Anne l’alter ego della Austen, per le comuni qualità: “di mente eletta e di dolce carattere”, dotata di “lucida intelligenza unita a dolcezza di modi”. Difficile dirlo, così come potrebbe essere azzardato dire che la costante presenza della natura, dei paesaggi malinconici oppure lussureggianti sia una concessione alle influenze allora imperanti del romanticismo.
“Persuasione” va letto perché in esso troviamo una notevole e palpabile diversità con gli altri romanzi , in quanto vi è una maturità, una consapevolezza assenti in opere come “Orgoglio e pregiudizio”, “Ragione e sentimento”, “Emma”. Esso segna un nuovo cammino letterario e di contenuti. Il trascorrere del tempo offre Anne Elliot ancora un’altra possibilità di essere felice con il giovane che aveva respinto otto anni e mezzo prima, persuasa dal vanitoso padre e dalla “madrina”, Lady Russell, a contrarre un matrimonio più confacente al suo rango.
Il trascorrer del tempo è dunque il tema fondamentale di questo romanzo. È un fare pace col tempo perduto, più che una accettazione del sé col proprio opposto , che abbiamo letto negli altri romanzi giovanili. La protagonista ha già raggiunto una sua completezza, ha sofferto, amato, scopre di essere innamorata dello stesso uomo, stavolta tornato con una ricchezza notevole ed una posizione sociale di prestigio, adesso è diventato il capitano Wentworth.
Anne Elliott, questa meravigliosa creatura, è capace di un perfetto dominio dei suoi sentimenti, dei turbamenti dell’animo, degli sconvolgimenti emotivi, come nessun’altra protagonista austeniana: è una eroina in senso moderno.
Questo, e giova notarlo, è anche l’unico romanzo cui la scrittice non ha apportato correzioni e non ha avuto ripensamenti col tempo, come per altri romanzi, ai quali aveva anche cambiato il titolo (ad esempio “Pride and prejudice “ all’inizio era “First impressions”, “Sense and sensibility “ era “Elinor and Marianne”).
Nel romanzo è possibile rilevare un lungo stream of consciousness ante litteram , vi è infatti una profonda autoanalisi dei pensieri di Anne, “ogni cosa è vissuta con la sua mente e il suo cuore” dice Anna Luisa Zazo, nella prefazione alla edizione Mondadori. La natura
Lo stile, la scrittura sono quelli inconfondibili di Jane Austen: linguaggio elegante, arioso, ricco di subordinate e ben sorvegliato.


Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Orgoglio e pregiudizio
Ragione e sentimento
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
Persuasione 2016-09-25 11:53:57 ALI77
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
ALI77 Opinione inserita da ALI77    25 Settembre, 2016
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

ANNE E LA SUA SECONDA OCCASIONE

Persuasione è l’ultimo romanzo di Jane Austen,l’ultima sua eroina si chiama Anne e capisce di aver commesso un errore seguendo l’opinione della sua famiglia e non sposando l’uomo che amava.
Frederick Wentworth, è un giovane ufficiale di marina, una persona educata, affascinante ma non è ricco, è proprio questo il motivo per cui la famiglia di Anne non lo crede adeguato per essere il marito della giovane.
Anne , anche se segue i loro consigli e decide di non sposarsi, è piena di dolore e di rimpianto nei confronti del suo amato.
“Pochi mesi avevano visto l’inizio e la fine della loro relazione; ma pochi mesi non bastarono a porre fine al dolore di Anne.Il suo amore e i suoi rimpianti, per molto tempo, avevano rattristato tutte le gioie della sua gioventù, e una precoce perdita della freschezza del suo aspetto e del suo entusiasmo era stato il loro effetto più duraturo.”
Dopo ben otto anni le cose sono cambiate, ora è Anne a trovarsi in condizioni economiche precarie e il padre è costretto ad affittare la loro tenuta.
Ma quando pensi che tutto sia finito, è la vita che ti sorprende e la protagonista avrà una seconda occasione per essere felice.
Jane Austen riesce sempre a coinvolgere il lettore , portandolo a spasso per le campagne inglesi e facendolo appassionare alle vicende amorose delle protagoniste.
L’autrice oltre a raccontarci la travagliata storia d’amore di Anne, ci descrive, con dovizia di particolari, come si viveva all’epoca, com’era la provincia inglese, i loro abitanti e le molto contraddizioni che anche in quel tempo esistevano.
Anne è una ragazza semplice e molto umile, ma anche estremamente romantica, il suo innamoramento per Frederick è sincero, ma non segue il suo cuore bensì l’opinione che hanno gli altri.
La protagonista in un primo luogo, sembra subire le scelte degli altri, non è mai stata considerata dalla sua famiglia e la sua opinione non conta molto.
Nella seconda parte è più donna, nonostante tutto quello che è successo, non si perde d’animo e cerca, una volta per tutte, di pensare a se stessa e ai suoi sentimenti.
La seconda possibilità non è un privilegio che hanno in molti, oggi è molto raro che una persona dopo un rifiuto e anni di lontananza, riesca a perdonare l’amata e a ricominciare insieme.
Il problema è che , al giorno d’oggi, si è perso quel romanticismo che ritroviamo nei romanzi dell’epoca regency, quegli amori che nonostante il tempo, le difficoltà non smettono mai di cessare.
Lo stile del romanzo segue quelli precedenti, della Austen, anche se qui la scrittura risulta essere più matura, più attenta a delineare i personaggi, nel raccontare i loro caratteri e i loro sentimenti.
Sicuramente il romanzo è pervaso dall’amore, in ogni pagina traspare quel sentimento che è il filo conduttore di tutti le produzioni letterarie della scrittrice inglese.
Quell’amore che supera ogni ostacolo, quell’amore assoluto, quello disperato, confuso, irrazionale che Anne e tutte le protagoniste austiniane cercano in tutta la loro vita, e forse quello che la stessa Jane ha cercato di trovare non riuscendoci.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
gli altri romanzi di Jane Austen
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
Persuasione 2016-07-17 15:30:48 deborino
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
deborino Opinione inserita da deborino    17 Luglio, 2016
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Quando il consiglio degli altri può cambiarti la v

"In verità Mrs. Smith, non possiamo aspettarci di ricavare informazioni sicure seguendo quella linea. I fatti e le opinioni che passano tra le mani di così tante persone, che possono essere fraintesi per la follia di qualcuno e l'ignoranza di qualcun'altro non possono essere considerate delle verità".

E' con questa frase che voglio iniziare la mia recensione, per farvi capire, che spesso le notizie che passano per varie bocche, vengono modificate, esaltate e possono provocare decisioni e conseguenze errate.
E' questo il caso della nostra protagonista Anne Elliot, dolce, sensibile e soprattutto innamorata follemente del Capitano Frederick Wentworth.
Quando il sentimento è ricambiato e tutto sembra andare per il meglio, a soli diciannove anni, Anne viene persuasa (appunto da qui il titolo) dalla sua più cara amica Lady Russel (vecchia amica della madre appena deceduta e alla quale ha promesso di prendersi cura delle figlie) di lasciare il ragazzo che ama.
Cosa può succedere quando, dalla rottura di un amore così grande, passano tanti anni, per la precisione otto e mezzo, e ai due innamorati viene data una seconda possibilità?
La risposta la possiamo trovare leggendo questo romanzo che posso definire un vero capolavoro a mio parere.
Essendo il terzo romanzo della Austen che leggo, dopo "Orgoglio e Pregiudizio" e "Ragione e Sentimento", mi viene spontaneo un confronto con gli altri due.
Anche qui, i temi trattati sono assolutamente contemporanei e possiamo trovare in moltissimi passaggi e frasi qualcosa che noi viviamo tutti i giorni.
Uno dei tanti esempi è la frase che ho citato all'inizio della recensione ma il romanzo ne è ricco.
Come gli altri due libri, anche questo è ricco di intrighi e stavolta ho dovuto farmi la "mappa" dei personaggi con le varie parentele per poter ricordarli tutti perché sono innumerevoli e ognuno con una differente personalità.
Non saprei decidere se preferisco questo o "Orgoglio e Pregiudizio", è una scelta troppo difficile, ma l'amore con la "A" maiuscola, mi sembra in questa storia ancora più vero.
Voglio aggiungere che purtroppo, Jane Austen è deceduta durante la composizione di questa opera, perciò il finale viene un po "spezzato" anche se devo dire, che a me ha più che soddisfatta già questo che è riuscita a scrivere.
Cosa dire di più? Semplicemente un libro da leggere, che vi trascinerà nel mondo dei personaggi e vi farà venire voglia di tornare indietro nel tempo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
Persuasione 2015-05-25 16:18:13 Elisabetta.N
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Elisabetta.N Opinione inserita da Elisabetta.N    25 Mag, 2015
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Persuasione

Ho adorato alla follia questo libro!! E come avrei potuto fare altrimenti quando chi scrive è Jane Austen?
Mi è piaciuta soprattutto la protagonista, Anne. Ci troviamo di fronte ad una donna con una certa età, una miss, che ha imparato da tempo i suoi doveri grazie ad una madre che purtroppo non c’è più e a causa anche di due sorelle, una malata di vanità, l’altra di attenzioni.
Non è più il tempo dei colpi di testa per la nostra Anne che è già (per l’epoca in cui il romanzo è ambientato) avanti con l’età, ma non vuol dire che non sia piena di passioni e sentimenti. Verrà il tempo per il suo riscatto!!

Lo stile della Austen mi colpisce ogni volta. La sua capacità di delineare con minuziosi particolari e con infinita ironia la società del suo tempo, mi meraviglia in ogni occasione. E così, mentre leggo, si formano immagini precise dei luoghi e dei personaggi.

Devo ammettere che mi sono meravigliata quando ho scoperto di apprezzare il personaggio di Anne. In genere non amo molto i personaggi troppo miti che ben si confondono con lo sfondo, ma una volta conosciuta Fanny di Mansfield Park, mi sembra che questo carattere, pur non spiccando per audacia e personalità particolare, si stacca comunque dallo sfondo… infatti la protagonista osa non solo sperare, ma anche agire, pur rimanendo nei rigidi canoni di comportamento che la società dell’epoca impone…
Eppure dall’inizio non lo avrei mai detto…
In realtà è proprio quel suo carattere che si fa persuadere troppo facilmente anche a discapito della sua felicità e che la spinge a quel suo errore di gioventù che infine la fa maturare.
E noi la conosciamo proprio in quel momento, quando il tempo ha già compiuto la sua magia e diventa impossibile non apprezzare le qualità di Anne.

Come al solito uno splendido romanzo firmato Jane Austen.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore
Persuasione 2014-06-16 08:20:30 Belmi
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Belmi Opinione inserita da Belmi    16 Giugno, 2014
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'ultima eroina della Austen

Persuasione è l'ultimo libro scritto dalla Austen e devo dire che è veramente riuscita a persuadermi. Non è all'altezza di Orgoglio e Pregiudizio (credo che pochi libri possano arrivare a tanto), ma è comunque veramente molto bello.

Nel libro possiamo trovare delle caratteristiche che hanno rappresentato gli altri classici della scrittrice. Troviamo il pregiudizio degli Elliot (esclusa la protagonista), l'orgoglio del protagonista maschile, il sentimento di Anne e la ragione della "classe sociale" che in un buon matrimonio (ovviamente con interessi di titoli e soldi) vede la felicità.

La protagonista di Persuasione è Anne Elliot, seconda di tre figlie di Sir Walter Elliot. La diciannovenne Anne è fidanzata con Wentworth, persuasa però dalla famiglia e dall'amica Lady Russell, decide di rompere il fidanzamento perché non ritenuto all'altezza del suo stato sociale.
Il destino vuole che otto anni dopo, la situazione economica degli Elliot non sia buona (Sir Walter e la figlia maggiore vivono sperperando le loro risorse) e sono costretti ad affittare la loro grande casa ad una famiglia e trasferirsi a Bath. La famiglia Croft che prende possesso dell'abitazione altro non è che la sorella di Wentworth, diventato ora il Capitano Wentworth.
Anne appena lo sento nominare capisce che otto anni non sono stati sufficienti a dimenticarlo.
Anne ormai è una donna matura, che ha capito che non si farà mai più persuadere da altri e che le sue priorità avranno la precedenza su tutto. Proverà ancora dei sentimenti nei suoi confronti il Capitano?
Dopo anni in cui la sua famiglia non ha mai considerato la sua opinione, Anne prende in mano la situazione e riesce a non cadere questa volta nel gioco della persuasione (con un cugino che la corteggia offrendogli un matrimonio vantaggioso).
Fra incomprensioni, gelosie e romanticismo, la Austen vi farà innamorare di questo libro.

MI è piaciuto molto il ruolo dell'Ammiraglio Croft e di sua moglie (la sorella del Capitano Wentworth) che non si vergognano a dimostrare pubblicamente l'affetto l'uno per l'altra, e soprattutto lei, che ammette di seguirlo in ogni avventura pur di rimanergli accanto; davvero una novità per quel tempo, in cui l'amore era una priorità per pochi.

Lo consiglio!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Orgoglio e pregiudizio
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
Persuasione 2014-06-06 06:53:22 piccicuia
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
piccicuia Opinione inserita da piccicuia    06 Giugno, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

PERSUASION

Ogni volta che di mezzo c'è la Austen, non so come ma mi si riempe lo stomaco. Saranno le farfalle? Persuasione è il suo ultimo romanzo e si nota anche dalla maturazione di cui composto. Non abbiamo per esempio una delle sorelle Bennet con il desiderio ben nascosto ma costante di non rimanere zitelle o come nel caso della mia incorreggibile Lizzie, il disprezzo per i difetti dell'animo.
No, qui c'è la dolce Anne che non critica, non giudica e non si esprime.
Vive da ormai otto lunghissimi anni e poco più con un gran peso nel cuore.
Si è lasciata sfuggire il suo vero amore per dare retta a una donna che le aveva quasi fatto da madre. Ma possiamo davvero criticare un'innocente fanciulla di appena diciassette anni?
Il tempo farà inorgoglire l'animo di lui, ma di certo non scalfirà quel sentimento autentico che lo aveva invaso da giovane nei riguardi di una Anne piccola e remissiva. Anche molo influenzabile, certo. Ma innamorata!

"Certamente non vi dimentichiamo così in fretta come voi dimenticate noi. Forse è un nostro destino più che il nostro merito. Non abbiamo altra scelta. Trascorriamo il tempo relegate in casa, quietamente, a tormentarci per i nostri sentimenti"

Quando poi finalmente si rincontreranno -perchè ovvio che si sarebbero di nuovo incrociati!- non sono più quelli di una volta: lei ha perso da tempo la sua gaiezza mentre per lui le intemperie del mare e della vita in marina in generale lo hanno forse reso più maturo ma molo affascinante. E in cerca di moglie. La troverà in una delle signorine Musgrove?
Cosa accadrà?

"(..) che era stato costane inconsciamente, anzi senza volerlo. Che aveva voluto dimenticarla e credeva di averlo fatto. Si era creduto indifferente mentre era soltanto adirato. Ed era stato ingiusto verso le sue virtù perchè ne aveva sofferto."

P.s. di solito mi piace mettere dei titoli particolari nelle mie recensioni. Mai il titolo del libro,ma questa volta farò un'eccezione: Persuasione!
Dovrò vedermi il film adesso.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
Persuasione 2012-08-01 15:57:40 »мσяgαиα«
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
»мσяgαиα« Opinione inserita da »мσяgαиα«    01 Agosto, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Quando i sentimenti superano gli ostacoli

Persuasione è uno di quei classici della letteratura ci cui non ho mai sentito il bisogno di leggere. Vi sarà di certo capitato almeno una volta di trovarvi davanti ad un libro del genere. Tuttavia, qualcosa mi ha fatto cambiare idea. Vi starete chiedendo che cosa. Beh, mi è capitato di vedere la trasposizione cinematografica del 1995 e, lo ammetto, la storia mi ha colpito molto. Così sono andata in libreria ed ho acquistato il libro.
Il romanzo racconta la storia di Anne Elliot, una giovane donna inglese, figlia di un baronetto, dall'indole tranquilla e facile da persuadere. E' proprio quest'ultima caratteristica della giovane a dare il titolo all'opera. Innamorata di un giovane marinaio, viene sollecitata a rifiutare la sua proposta di matrimonio perché non all'altezza del tenore di vita della figlia di un baronetto. I due si perdono di vista per circa otto anni, durante i quali Anne non partecipa alla vita di società (grazie anche ad un padre e ad una sorella che la reputano inferiore per bellezza e carattere). Il caso vuole che i due si rincontrino, scoprendo, lungo la narrazione, che i sentimenti non sono stati affatto dimenticati.
Gli avvicendamenti ed i sentimenti che coinvolgono i vari personaggi, in modo particolare Anne e Frederich, sono descritti ed affrontati con una maggiore maturità rispetto ai precedenti romanzi dell'autrice. Non manca, tuttavia, la consueta ironia con cui vengono affrontati gli usi e costumi dell'epoca. La narrazione, ricca di descrizioni, risulta essere, a mio parere, piuttosto lenta. Tuttavia, come ogni romanzo della Austen, Persuasione è una di quelle opere che dovrebbero essere lette almeno una volta nella vita.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
Persuasione 2012-05-15 13:48:42 LittleDorrit
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
LittleDorrit Opinione inserita da LittleDorrit    15 Mag, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'altra Austen

Jane Austen é l'autrice piú amata dalle donne e scrive per le donne.Tutte le sue ambientazioni e i suoi personaggi sono sempre riconoscibili nel panorama letterario inglese e non; tra i suoi romanzi solo Persuasione rompe gli schemi. Il romanzo racconta la storia di Anne Elliot e di come un semplice giudizio dato da una cara amica di famiglia, lady Russell, riesce a persuadere Anne dallo sposare Wentworth, ritenuto inadatto a lei. Gli anni passano e Anne non é riuscita a sposarsi perché ancora profondamente legata al suo primo amore e si strugge per il peso che ha dato al giudizio dell'amica, nonché alla sua grottesca famiglia, senza badare ai suoi reali sentimenti. Alla prima occasione, del tutto casuale, di incontro con Wentworth, divenuto ormai capitano di marina, Anne crolla sotto il peso di un amore mai dimenticato e del rimorso per il rifiuto concesso allo spasimante onesto e sincero. É un romanzo maturo, dove la formazione della scrittrice é ormai avvenuta e quindi vengono abbandonati i temi leggeri del matrimonio visto come qualcosa da raggiungere a tutti i costi. Qui la scrittrice mette in evidenza il tortuoso cammino dell'animo femminile. La donna non é piú vista dall'esterno, con le sue movenze affettate e le sue ipocrisie; in Anne traspare l'emotività, la paura di aver perso un'occasione, un treno per la felicità; il matrimonio qui rappresenta non piú l'arrivo ma la partenza; infatti Anne, sposandosi, all'epoca della proposta amorosa, avrebbe potuto abbandonare definitivamente quel nucleo famigliare che la condiziona e dal quale si sente profondamente lontana e iniziare una vita propria accanto all'uomo da lei scelto per amore e non imposto dalle regole sociali dell'epoca. La figura di Wentworth si eleva su tutto, sul giudizio e sul tempo trascorso, rappresentando l'essenza stessa dell'amor cortese che, scelta la donna, la innalza sopra ogni cosa e trae dalla sola vicinanza, materia per continuare a vivere. Una narrazione ovattata ma dallo stile impeccabile....a mio modesto giudizio, la vera Jane Austen

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Orgoglio e pregiudizio, dal quale si discosta e per questo affascina
Trovi utile questa opinione? 
141
Segnala questa recensione ad un moderatore
Persuasione 2011-10-10 14:38:09 Pelizzari
Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
2.0
Pelizzari Opinione inserita da Pelizzari    10 Ottobre, 2011
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un romantico "pacco"

E' un classico, ma diverso dal suo, più famoso, "Ragione e Sentimento". L'ho letto perchè era citato in un film molto bello con Sandra Bullock e Keanu Reaves. La cosa più bella del libro è davvero quella frase citata nel film. Per il resto è un "classico" romanzo romantico, un pò pacco, un pò lungo, d'altri tempi. Da consigliare senz'altro, ma solo a chi apprezza già questo tipo di libri. Non è un testo che avvicina alla categoria chi già ne è un pò diffidente.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Orgoglio e Pregiudizio, Ragione e Sentimento
Trovi utile questa opinione? 
04
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri