Il caso Alaska Sanders Il caso Alaska Sanders

Il caso Alaska Sanders

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Aprile 1999, Mount Pleasant, New Hampshire. Il corpo di una giovane donna, Alaska Sanders, viene ritrovato in riva a un lago. L’inchiesta viene rapidamente chiusa, la polizia ottiene le confessioni del colpevole, che si uccide subito dopo, e del suo complice. Undici anni più tardi, però, il caso si ripresenta. Il sergente Perry Gahalowood, che all’epoca si era occupato delle indagini, riceve una inquietante lettera anonima. E se avesse seguito una falsa pista? L’aiuto del suo amico scrittore Marcus Goldman, che ha appena ottenuto un enorme successo con La verità sul caso Harry Quebert, ispirato dalla loro comune esperienza, sarà ancora una volta fondamentale per scoprire la verità. Ma c’è un mistero nel mistero: la scomparsa di Harry Quebert. I fantasmi del passato ritornano e, fra di essi, quello di Harry Quebert.



Recensione della Redazione QLibri

 
Il caso Alaska Sanders 2022-06-03 12:20:57 Valerio91
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Valerio91 Opinione inserita da Valerio91    03 Giugno, 2022
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un caso come tanti

Se un lettore volesse star dietro a tutte le serie di romanzi che la letteratura ci propone al giorno d’oggi, non gli basterebbe un secolo per seguirle tutte. Una di queste è quella creata da Joël Dicker e il suo Marcus Goldman, che fa il proprio esordio in quel romanzo di strepitoso successo che è “La verità sul caso Harry Quebert”, che ha spammato i nostri social, le librerie e le televisioni per un tempo davvero lunghissimo. Dunque un ritorno del protagonista era assolutamente annunciato (e in fondo già avvenuto con “Il libro dei Baltimore”) ed ecco che ci si ripresenta con “Il caso Alaska Sanders”, probabilmente il secondo di una lunga serie di casi che Joël Dicker è deciso a regalare ai propri lettori.
Ma vale la pena leggere questo romanzo? Certo la narrazione scorre facilmente, è un libro che come ogni buon thriller si lascia leggere e ci porta nell’intricata rete delle indagini che hanno al centro l’omicidio di Alaska Sanders, giovane modella e aspirante attrice uccisa oltre dieci anni prima della timeline del romanzo. Goldman, in qualche modo, rivangherà questo omicidio e porterà alla luce come, probabilmente, di questo delitto siano stati puniti ben due innocenti. Fato vuole che ad occuparsi del caso, all’epoca, era Perry Galahowood: questo permette all’autore di riformare una coppia che funziona e unirla definitivamente per i casi a venire, finché morte non li separi. In certi tratti, tuttavia, ho notato più di una forzatura: i testimoni vengono interrogati tantissime volte, perché ogni volta si inventano una balla diversa e gli investigatori devono tornare da loro e dirgli di smetterla di fare i cattivi, altrimenti finisce male; molti elementi dell’indagine si incastrano troppo a fagiolo, in modo che l’intricata rete dell’assassino possa reggersi in piedi, e quando questa si sbroglia si rivelano nella loro artificiosità.
Il racconto non ha nulla di troppo originale, è un omicidio come lo si può ritrovare in tantissime altre serie thriller e questo forse influisce sulla curiosità del lettore, che seguirà sì il dipanarsi degli eventi ma sarà trascinato avanti semplicemente dalla voglia di scoprire il colpevole e senza molti altri interrogativi. Ma un omicidio è un omicidio, mi direte, cosa può inventarsi un autore a riguardo? Guardate la prima stagione di True Detective, e poi ne riparliamo. Vi dico solo una cosa: i dettagli. Quello di Alaska Sanders è una storia come tante altre, che è piacevole ma non riesce a spiccare nel panorama del genere, in cui più che distinguersi per originalità e cercare di raccontare qualcosa che possa elevarsi al di sopra degli altri sembra che gli autori si limitino a trovare la formula che funziona meglio, quella che può accalappiare il maggior numero di persone, e una volta ogni uno-due anni sfornare un libro nuovo con cui tenerli occupati. Joël Dicker non mi sembra faccia eccezione.
Sarò troppo severo? Forse lo sono. Il thriller è in fondo qualcosa con cui passare il tempo, e non è certo da biasimare un autore che decide di dedicarvisi. È vero, ma ci sono alcuni autori che riescono a trascendere il genere a cui appartengono e raggiungere vette più alte: penso a King per l’horror, a Ray Bradbury e Stanislaw Lem per la fantascienza… chi si offre per trascendere il genere del thriller? Ci è riuscito Nic Pizzolatto, ma con una serie tv… attendiamo la svolta letteraria.

“Apparenze, scrittore. Le apparenze sono il collante della nostra vita sociale. Ma nell’intimità delle nostre case, tutto crolla.”

Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 4

Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.5  (4)
Contenuto 
 
4.5  (4)
Piacevolezza 
 
4.5  (4)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il caso Alaska Sanders 2022-09-14 09:44:38 violetta89
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
violetta89 Opinione inserita da violetta89    14 Settembre, 2022
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La libreria di Marcus

Ancora un bellissimo libro giallo di Dicker, stavolta però avevo già intuito a metà libro chi fosse il colpevole, ma ho apprezzato tantissimo comunque la storia.
Ritroviamo Marcus, ancora un po' irrisolto a livello personale dopo il successo del suo romanzo e dopo l'allontanamento da Harry Quebert. Ritroviamo Perry Gahalwood, il poliziotto con cui aveva indagato proprio nel caso Harry Quebert e col quale hanno poi stretto un'amicizia. Per varie circostanze di ritrovano davanti ad un vecchio caso di Perry, un caso che all'epoca sembrava chiuso. E se le cose non fossero andate come si credeva?
Il ritmo è incalzante, il fatto che ci siano molti dialoghi e molti flashback aiuta a renderlo scorrevole, infatti 600 pagine si divorano.
In fondo c'è un'apertura verso un possibile cold case da risolvere. Che dire? Lo aspettiamo a gloria.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il caso Alaska Sanders 2022-09-07 20:59:20 cesare giardini
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
cesare giardini Opinione inserita da cesare giardini    07 Settembre, 2022
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'assassino che meno ti aspetti.

E’ il terzo romanzo di Joel Dicker della serie Marcus Goldman, dopo “La verità sul caso Harry Quebert” del 2012 e “Il libro dei Baltimore” del 2015. Alaska Sanders è una ragazza piena di vita, reginetta di bellezza, vincitrice di numerosi concorsi e aspirante star del cinema: ha tutto dalla vita, ma, dopo un litigio con il padre che le aveva sottratto dei soldi ed il furto di un prezioso orologio appartenente al padre, da lei stessa organizzato per ripicca, abbandona la famiglia dopo essere stata accusata di far uso di marjiuana e fugge da Salem a Mount Pleasant, una piccola città del New Hampshire, dove convive con un giovane, Walter, alternando momenti di pacifica convivenza a litigi furiosi. Siamo nel 1999, una diecina d’anni prima della narrazione: una notte Alaska viene trovata assassinata sulla riva di un lago ed il suo ritrovamento segna l’inizio della storia. Ci saranno indagini frettolose, verrà incolpato Walter che coinvolgerà a sua volta un amico, Eric, una lite furiosa all’interno dei locali della polizia avrà esiti letali per Walter stesso (reo confesso) ed un poliziotto. Morale: Eric, rimasto unico colpevole, sarà condannato all’ergastolo. Ma, siamo ora nel 2010, nuovi indizi affiorano, lo scrittore Marcus Goldman (alias Joel Dicker) ed il sergente Perry Gahalowood, suo inseparabile burbero amico, non si danno per vinti ed iniziano nuove indagini, con l’aiuto della sorella di Eric (l’ergastolano), Lauren, poliziotta, che, tra l’altro, ha dato vita ad un movimento per la liberazione del fratello ritenuto innocente. Ha inizio una serie interminabile, intricata e complessa di indagini, con sopralluoghi, interrogatori, ricerca disperata e affannosa di indizi: possibili colpevoli riescono a dimostrarsi innocenti e viceversa, i personaggi coinvolti sono numerosi e non è certo semplice per il lettore seguire la trama narrativa, anche per le frequenti digressioni temporali in cui vengono esposti in modo dettagliato fatti narrati per sommi capi o per sentito dire al momento del racconto. Emerge anche un altro omicidio, quello di una ragazza fragile ed emotiva, Eleanor, che sarà collegato in qualche modo alla fine di Alaska, ma anche il tentato omicidio di un poliziotto, Kazinsky, avrà lo scopo di far sparire uno scomodo testimone. Eric verrà riconosciuto, sia pure con molti dubbi, innocente e scarcerato, riproponendo agli investigatori il quesito iniziale: chi ha ucciso Alaska? La parte finale del lunghissimo romanzo è forse la più avvincente e rocambolesca, ricca di colpi di scena: si scoprirà anche che Alaska era bisessuale e che aveva intrecciato relazioni amorose con Sally la madre di Walter, con una certa Samantha e con un’avvocatessa poi coinvolta nelle indagini. Un medico psicoterapeuta sembra essere il maggiore indiziato dell’assassinio delle due giovani: messo alle strette, fuggirà e si suiciderà. Ma il vero colpevole, un personaggio che nessuno aveva mai sospettato, emergerà alla fine e sarà una vera sorpresa. Naturalmente Marcus Goldman ha tutti gli elementi per scrivere il suo nuovo romanzo, “Il caso Alaska Sanders”, spronato da un ritrovato Harry Quebert, suo mentore ed ammiratore, che ogni tanto, durante le indagini, si fa vivo, dando preziosi consigli ed incoraggiamenti.
Che dire? Il romanzo è ponderoso ed impegna severamente la memoria del lettore. Le continue digressioni temporali rallentano il ritmo narrativo, e lo rendono a volte noioso e ripetitivo. Anche se numerosi e ben congegnati sono i colpi di scena, la storia ha momenti poco convincenti ed inverosimili: certe coincidenze sembrano create apposta, ad effetto, senza approfondimenti e giustificazioni. Lo stesso scrittore, nel racconto Marcus Goldman, pecca di troppi momenti autocelebrativi, che nel contesto stonano con le vicende raccontate.
Lo stile è scorrevole, senza impennate: vi si narrano semplicemente le vicende, così come avvengono, un lungo “fumettone” con tanti momenti di suspence, come nei romanzi d’appendice che si pubblicavano tanti anni fa sui giornali, a puntate.
Un romanzo comunque da leggere, soprattutto per chi ha già letto i precedenti. Ed anche per chi non teme di addentrarsi in una vicenda sempre più complicata man mano scorrono le pagine, confidando in tanta pazienza ed in un’ottima memoria.



Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
"La verità sul caso Harry Quebert" dello stesso autore.
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il caso Alaska Sanders 2022-08-01 13:03:19 Lonely
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Lonely Opinione inserita da Lonely    01 Agosto, 2022
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Marcus e Perry ancora insieme

il caso Alaska Sanders esce in libreria come il seguito de La verità sul caso Henry Quebert, in realtà se non per i protagonisti Marcus Goldman e Perry Gahalowood e qualche comparsa , più per l'ossessivo attaccamento di Marcus, di Henry Quebert, questo romanzo non ha altro in comune con il precedente.
E' un cold case: una giovane donna ritrovata uccisa sulle rive di un lago a Mount Plesant nell'aprile dell 1999, ma il caso viene chiuso in fretta con un reo confesso. Unidici anni dopo al sergente Gahalawood viene consegnata una lettera anonima che afferma l'innocenza del vecchio colpevole.
Da qui la riapertura delle indagini, che saranno seguite dalla vecchia coppia di amici e che daranno luogo a nuovi sviluppi e a una nuova inaspettata verità.
Il romanzo segue un'alternanza di passato e presente, con la tecnica del flashback. In questa alternanza oltre a rivelare nuovi indizi sul caso, lo scrittore ci narra le vite, che scorrono in questo arco temporale, di Marcus e Perry e della loro consolidata amicizia, Senza sforzo alcuno il lettore viene a conoscenza della morte della moglie del sergente , della scomparsa misteriosa di Henry Quebert, della vita disordinata di Marcus, scrittore per definizione, senza affetti ma nella loro continua ricerca.
Il romanzo è un bel giallo con una trama solida, in cui il lettore si immerge , cercando di svelare il vero colpevole, senza riuscirci, perchè è davvero impensabile.
Il romanzo è lungo, ma non si percepisce, perchè ogni parola è indispensabile.
Senza dubbio, che sia un caso o no, Joel Dicker da al lettore quello che il lettore si aspetta

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il caso Alaska Sanders 2022-07-19 13:20:34 barbara.g.76
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
barbara.g.76 Opinione inserita da barbara.g.76    19 Luglio, 2022
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un caso non è mai veramente chiuso

Aprile 1999. Mount Pleasant, una tranquilla cittadina del New Hampshire, viene devastata da un omicidio. Il corpo della giovane Alaska Sanders viene ritrovato in riva al lago in circostanze misteriose. L'inchiesta viene rapidamente chiusa: il colpevole confessa e le sue motivazioni sembrano convincenti. Dopodiché si toglie la vita.
Undici anni dopo, il sergente Perry Gahalowood riceve lettera anonima inerente il caso Alaska Sanders che lo turba; comincia a domandarsi se al tempo delle indagini, non abbia seguito una pista sbagliata.
L'intervento, nonché aiuto dell'amico scrittore, Marcus Goldman, sarà fondamentale per fare luce sulla verità dei fatti, proprio come lo era stato nella risoluzione di #laveritasulcasoharryquebert .
.
Oltre 600 pagine per una trama davvero originale, ben architettata e con una giusta dose di suspense. Continui flashback, che alternano passato e presente rendono la lettura quasi magnetica; ogni mio momento libero è stato buono per ri-immergermi nel corso delle indagini e cercare di capire l'evolversi della vicenda.
Marcus Goldman e Perry Gahalowood sono una coppia vincente, dimostrano di esserlo come investigatori e come Amici nella vita quotidiana.
'..avevamo architettato il crimine perfetto. L'unico granello di sabbia in quel meccanismo siete stati voi due, Perry e Marcus. Devo riconoscere che formate una squadra formidabile." - così dice l'assassino... che vi confermo essere davvero inatteso!
Ne consiglio la lettura, assolutamente !
.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
I romanzi di Joel Dicker , in particolare La verità sul caso Harry Quebert
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Foundryside
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La voce dell'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
M. Gli ultimi giorni dell'Europa
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Cena di classe
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Bersaglio. Alex Cross
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Sarti Antonio e l'amico americano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il sale dell'oblio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il lampadario
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Carne e sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Lo sparo
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Agatha Raisin. Campane a morto
Il caso Agatha Christie
Trappola di sangue
Brave ragazze, cattivo sangue
Il verdetto
Ci vediamo stanotte
Quel che la marea nasconde
Il caso della sorella scomparsa
La ragazza di neve
L'abito da sposo
Bersaglio. Alex Cross
La congiura dei suicidi
Il club delle vacche grasse
Il regno di vetro
In silenzio si uccide
Gli eredi di Stonehenge