L'incubo di Hill House L'incubo di Hill House

L'incubo di Hill House

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

"Nessun organismo vivente può continuare per molto a mantenere la propria sanità mentale in condizioni di realtà assoluta: anche gli uccellini e le cavallette, dicono, sono capaci di sognare. Hill House, insana, stava da sola contro le colline contenendo in sé solo buio, era stata così per ottant'anni e tale poteva rimanere per altri ottanta. All'interno, le pareti continuavano ad essere erette, i mattoni a stare uno accanto all'altro, i pavimenti erano saldi e le porte assennatamente chiuse. Il silenzio si stendeva sul legno e la pietra di Hill House, e qualunque cosa fosse lì dentro, vagava in solitudine". Questo l'incipit (e la chiusa) di "L'Incubo di Hill House", di Shirley Jackson. Mai come in questo romanzo, il male non è acquattato nell'ombra, pronto a saltarti alla gola. Il Male – per citare Hannah Arendt – è banale e, soprattutto, è dentro. Non fuori. Dentro.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 7

Voto medio 
 
3.6
Stile 
 
3.9  (7)
Contenuto 
 
3.4  (7)
Piacevolezza 
 
3.6  (7)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
L'incubo di Hill House 2021-07-15 14:31:12 FrancoAntonio
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
FrancoAntonio Opinione inserita da FrancoAntonio    15 Luglio, 2021
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Esistono case infestate?

Hill House è un grande edificio, infossato tra cupe colline. Ha una sinistra fama: gli abitanti del paese vicino la evitano e la odiano, i pochi che hanno osato abitarla sono sempre stati sconvolti da esperienze traumatizzanti, se non addirittura tragiche. L’aspetto stesso della villa ha un che di distorto e malvagio, minaccioso. Pure i coniugi Dudley, i custodi, sono decisamente inquietanti.
Proprio per ciò l’edificio è stato scelto dal prof. Montague per condurvi i suoi esperimenti sulle emanazioni paranormali. Suoi compagni d’avventura, e cavie della situazione, sono Theodora, ragazza esuberante, ma fatua e molto piena di sé, Luke Sanderson, giovane superficiale e di scarsa onestà, imbarcato nell’avventura solo in quanto erede della famiglia proprietaria dell’immobile e Eleanor Vance, ragazza fragile, sensibile e iperrecettiva, che reca su di sé le ferite psicologiche causatele dalla dolorosa esperienza di undici anni spesi ad assistere la madre malata.
I quattro dovranno trascorrere alcune settimane nella casa e annotare tutte le manifestazioni “insolite”, in modo da fornire materiale di ricerca a Montague. Dopo la prima notte di quiete la casa non tarderà a farsi sentire, nel senso letterale del termine. Ben presto, poi, l’ambiente sinistro prenderà il sopravvento sulle loro coscienze, soprattutto su quelle dei più deboli e indifesi.

Può una casa essere cattiva? Può, in generale, un bene inanimato provare desideri, emozioni, pulsioni? E sulla base di questi desideri, emozioni, pulsioni, può influire sugli esseri senzienti al punto da condizionarne le scelte?
Queste domande in sé mi lasciano parecchio scettico e sconcertato, se non proprio sprezzantemente divertito. Quando non scelgo, scientemente, ambientazioni fantastiche, preferisco gli approcci razionali agli enigmi della vita. L’idea stessa del paranormale o di case infestate mi infastidisce, perché è priva di qualsiasi spiegazione logica. La ritengo idonea giusto ad animare una sera di Halloween. Non ho una grande esperienza in letture gotiche e horror e i pochi film sul genere che ho avuto l’occasione di vedere non mi hanno mai molto coinvolto. In particolare mi hanno irritato tutte le storie in cui c’erano edifici che plagiavano i loro abitanti conducendoli alla fine tragica a cui erano predestinati sino al momento in cui avevano varcato la loro soglia.
Tuttavia non posso non riconoscere a Shirley Jackson l’indubbia abilità di manipolare l’immaginazione dei suoi lettori. Quindi sapendola una scrittrice di gran classe mi sono avvicinato a questo libro con buone aspettative che non sono state deluse; non tutte, almeno. Ma una punta di insoddisfazione m’è rimasta.
La storia ha il pregio di non calcare troppo la mano sul paranormale. Non ci sono misteriose presenze, apparizioni spettrali o emanazioni ultraterrene. In fondo oltre a farci partecipi di un paio di notti “da tregenda”, durante le quali i muri riecheggiano per spaventosi colpi; del fatto che, in alcuni locali, aleggino dei “punti gelidi” che ghiacciano coloro che vi si soffermano; o che l’edificio emani una “personalità malvagia”, nulla di particolarmente ultraterreno ci viene offerto. Il racconto gioca principalmente sul piano psicologico dei protagonisti e sull’alterazione delle loro percezioni. Coloro che sono attaccati di più alla concretezza della vita terrena vengono solo parzialmente influenzati dall’atmosfera spettrale, anzi, terminate le manifestazioni, le irridono. Chi, invece, è di suo tendenzialmente più permeabile a questi influssi ne viene catturato e sconfitto.
Questo approccio che predilige i drammi e i conflitti interiori a quelli banalmente fisici alla ghostbuster è vincente. Tuttavia mi è sembrato che all’intreccio manchi di qualcosa, che lo sviluppo della tragedia sia solo in parte esplicitato. L’evoluzione della psiche di Eleanor scende troppo rapidamente i gradini che la condurranno al baratro finale. C’è carenza di introspezione della ragazza, ma pure dei suoi compagni. Il carattere di Eleanor appare esageratamente alterato, sin da subito, quindi poco credibile. L’iniziale, disperata ricerca di una realtà addolcita, che sostituisca il vuoto della sua vita passata, è troppo fanciullesca per una trentenne, troppo forzata. Il successivo cupio dissolvi che la spinge a ricercare l’annullamento nella compenetrazione assoluta con la realtà di Hill House giunge bruscamente, a tappe forzate e in modo abbastanza ingiustificato.
La Jackson è abilissima a inventarsi atmosfere agghiaccianti limitandosi ad accennarne i contesti, lasciando alla fantasia del lettore (con le sue costruzioni mentali) il compito di riempire gli spazi rimasti vuoti, magari in modo ancor più terrifico di quanto avrebbe potuto ipotizzare lei stessa.
Tuttavia in questo caso forse il non detto lascia troppe lacune difficili da colmare. Le pur abili descrizioni della Jackson pretendono troppo all’immaginazione. Insomma, non sono riuscito a trovare una effettiva risposta alle domande che ho posto più sopra e la storia mi è parsa un po’ irrisolta.
Ma forse la colpa è solo mia. Il malizioso Ambrose Bierce in uno dei racconti ci fa ammonire da un suo personaggio, dicendo che una storia dell’orrore può sortire il pieno effetto per la quale è stata concepita solo se il lettore acconsente a porsi nelle condizioni ideali per essere terrorizzato. Io, in questo caso, ho letto il romanzo in assolate giornate di luglio: Può essere che mi sia mancato l’animus adeguato.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'incubo di Hill House 2021-01-31 14:40:17 Mian88
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    31 Gennaio, 2021
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Hill House

«La paura» disse il professore «è la rinuncia alla logica, l’abbandono volontario di ogni schema razionale. O ci arrendiamo alla paura o la combattiamo; non possiamo andarle incontro a metà strada.»

“Hill House” inquieta con la sua vista sin dalla lontananza più remota. Ergendosi sola contro le colline essa appare chiusa intorno al buio e dal buio, quasi come se fosse risucchiata da questo e da questo incatenata. Tante le stranezze che la caratterizzano così come quel mito che attorno a essa si racchiude e che la vede protagonista di dicerie paesane e terrore condiviso. Quando la giovane Eleanor Vance, trentaduenne, giunge in quel della sua nuova dimora, non è pienamente consapevole del dove ella abbia accettato di andare. Dopo una giovinezza passata – ultimi undici anni – ad accudire la madre e a essere schiacciata dalla sorella che in lei non ripone fiducia decide di scappare, prendere la macchina sulla quale è stato imposto il veto all’utilizzo e accettare l’invito del professor Montague a risiedere in quel della casa maledetta. Lì giunta la sua presenza sarà accomiatata da Theodora, detta Theo, che al contrario di lei è emancipata, abituata a vivere nel lusso e a essere fortemente sicura di sé. Al duo si aggiunge Luke, un imbroglione erede di Mrs. Sanderson, proprietaria di Hill House perché almeno un membro della famiglia doveva essere presente all’esperimento. A concludere i volti umani i due governanti, Mr. e Mrs. Dudley, che si palesano esclusivamente durante il giorno, con orari ferri e per espletare le mansioni delle quali sono stati incaricati. Eh sì, perché il professor Montague, antropologo ha deciso di indagare sui fenomeni paranormali ed è proprio attorno a questi che ruota la vicenda ideata dalla Jackson e che si compone attorno al più grande dei cliché: la casa infestata. Un racconto dell’orrore? Un titolo con il quale tremare dalla prima all’ultima pagina? Assolutamente no. Pertanto, se deciderete di avvicinarvi a questo scritto non aspettatevi le ambientazioni spettrali da serie televisiva o chissà quale brivido da horror e/o splatter del genere. L’opera va contestualizzata ai giorni nostri e se un tempo poteva risultare inquietante, a mio modesto avviso, non lo è certo per porte che sbattono o per i misteri che ruotano attorno alle vicende che si articolano.
E se i candidati sono tutti stati scelti in funzione di uno specifico motivo e di una vicinanza al paranormale (vedi Eleanor che ha assistito a una manifestazione di poltergeist o Theo che ha facoltà di telepatia e premonizione), lo stesso fenomeno del paranormale non tarda a palesarsi e a colorare le pagine portando alla luce ogni più intima fragilità dei protagonisti.
E sono infatti queste paure più profonde e radicate a essere i veri fantasmi che abitano Hill House. Il passato tornerà ad affiorare, i conti in sospeso non mancheranno di mietere altro dolore, i ricordi a pulsare nella mente. Nessuna delle voci narranti resterà indifferente anche se, certamente, quella che più risentirà di questo dolore tornato alla luce sarà Eleanor che tra tutte ha un vissuto più doloroso e sacrificato.
Risentirà della mancanza di radici, di legami, di quella madre che ha accudito, di quella sorella che non la comprende e da qui, e per mezzo della sua voce, avrà inizio un vero e proprio viaggio nella psiche umana e nei suoi retroscena più intimi.
Il tutto per mezzo di una penna precisa, minuziosa, descrittiva ed evocativa, talvolta lenta, a cui si sommano dialoghi serrati e una forte introspezione. È un romanzo che suscita da un lato attrazione e che dall’altro respinge, un titolo che inizia con lentezza e che nella sua prima parte rappresenta il cliché dei cliché tanto che è soltanto nella sua seconda prende davvero forma e arriva nel suo contenuto che lascia un retrogusto amaro. Una lettura alla quale avvicinarsi con la consapevolezza di non essere di fronte a un horror quanto a un elaborato capace di guardare nell’io umano.

«Non sappiamo mai da dove ci venga il coraggio.»

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'incubo di Hill House 2020-11-12 17:37:31 Mario Inisi
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mario Inisi Opinione inserita da Mario Inisi    12 Novembre, 2020
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Meglio un fantasma della solitudine

Protagonista assoluto del racconto è la orribile casa di Hill House, un posto claustrofobico, da incubo, infestato, ma soprattutto un luogo che sembra progettato come una prigione da cui è impossibile fuggire. La casa ha una vita propria. Porte finestre piatti bicchieri qualunque cosa ha un suo ordine che non va scalfito e all'occorrenza la casa può comunicare con i suoi occupanti. Più della storia mi sono piaciuti i dialoghi brillanti e la sensazione di solitudine e di felicità della protagonista Eleanor che per la prima volta si sente parte di qualcosa. Questa sua sensazione è più terribile e angosciante di qualsiasi oscura presenza, essendo un tangibile dato di fatto e sua madre, morta da poco, anche se non ha nulla a che fare con le presenze del castello, sembra in qualche modo parlare a tratti attraverso di queste. Il libro è bello ma non così bello come Abbiamo sempre vissuto nel castello che è decisamente superiore per suspense e originalità.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'incubo di Hill House 2020-09-25 10:24:38 Molly Bloom
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Molly Bloom Opinione inserita da Molly Bloom    25 Settembre, 2020
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Inquietarsi con classe

Questo è il secondo romanzo della Shirley Jackson che leggo, dopo "Abbiamo sempre vissuto nel castello" e mi è piaciuto molto, per essere una lettrice che non legge il genere horror/thriller. Non è stato neanche un caso se ho scelto lei per avvicinarmici al genere perché sapevo già che il suo punto forte non sono i fantasmi esterni che mi annoiano, ma quelli interiori. Carica anche di elementi biografici, la sua prosa è soave, a tratti poetica, e molto attenta ai dettagli. Il senso di inquietudine che lei crea si insinua piano piano, ambiguo, misterioso e senza mai uscire dalla sfera della normalità, non porta mai l'azione ad un punto di non ritorno che garantisce al lettore l'effettiva esistenza di un effetto paranormale o fantastico, non appena sfiora questo limite si tira subito indietro con una osservazione da parte dei personaggi che lascia intuire che fossero loro stessi dietro agli strani avvenimenti. Uno scavo psicologico quindi che rovista tra le paure interiori dei vari personaggi, tutti strani a modo loro e con disavventure alle spalle, la suggestione e il sogno gioca un ruolo importante e il paranormale avviene appunto proprio lì. Il titolo stesso, "L'incubo di Hill House" fa pensare ad un sogno e l'autrice inizia il libro già con la premessa che tutti hanno bisogno di sognare e tutti sogniamo, persino le cavallette perché "nessun organismo vivente può mantenersi a lungo sano di mente in condizioni di assoluta normalità". In entrambi romanzi che ho letto, seppur ambigui ad una prima impressione, l'autrice lascia sempre tracce qua e là, prove per un lettore attento, che collegate riescono ad alzare nel finale il sipario di nebbia e risolvere il mistero. Trovo sia una grande dote d'intelligenza questo gioco con il lettore, attraverso una meravigliosa prosa scorrevole ma raffinata nella sua semplicità. Ha un grande dono anche a dare personalità alle cose, Hill House è un personaggio a tutti gli effetti, maestosamente descritta sia fisicamente che "interiormente", prende sembianze fisiche e psichiche umane. Leggerò altro di lei, una bella scoperta. 

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'incubo di Hill House 2019-10-15 16:19:40 lepree
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
lepree Opinione inserita da lepree    15 Ottobre, 2019
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Hill House, che sana non era

“Hill House, che sana non era, si ergeva sola contro le sue colline, chiusa intorno al buio; si ergeva così da ottant’anni e avrebbe potuto continuare per altri ottanta. Dentro, i muri salviano dritti, i mattoni si univano con precisione, i pavimenti erano solidi, e le porte diligentemente chiuse. Il silenzio si stendeva uniforme contro legno e la pietra di Hill House, e qualunque cosa si muovesse lì dentro, si muoveva sola”.

Eleanor Vance ha trentadue anni, ma per quel che la riguarda potrebbe averne quindici. Ha passato gli ultimi undici segregata in casa a prendersi cura della mamma malata e, dopo la morte di quest’ultima, si scopre incapace di vivere, di amare e essere corrisposta. Theodora, non fosse che sono entrambe donne e giovani, non ha nulla in comune con Eleanor. È una donna emancipata, un’artista, impegnata in una relazione saffica, schietta e sicura di sé. Luke è un ladro e un imbroglione, erede di Mrs. Sanderson, proprietaria di Hill House. A segnare i destini dei tre personaggi è il professor Montague, un antropologo molto orgoglioso del suo percorso accademico che fa da contraltare alla sua vera passione: indagare sui fenomeni paranormali. È proprio l’ignoto uno dei cardini attorno a cui ruota l’intera vicenda raccontata da Shirley Jackson, che servendosi del cliché letterario della casa infestata, apre una analisi ben più profonda sulle insicurezze e le paure insite nell’animo umano. «A che servono gli altri?» chiederà un giorno Eleanor a Luke. Cosa vogliamo noi dal prossimo, se è dentro di noi che si svolge la vera battaglia, se è nel nostro intimo più profondo che risiedono le ragioni del nostro essere.

Su invito del professor Montague, intenzionato ad indagare e catalogare i fenomeni dentro la sinistra Hill House, la cui fama di luogo maledetto e impenetrabile la precede, i tre giovani si ritrovano a coesistere per una settimana nell’oscura dimora. La scelta dei candidati non è certo casuale: Eleanor, quando era molto piccola, è stata protagonista di una manifestazione di un poltergeist pochi giorni dopo la scomparsa del padre. Theo, invece, sembra in possesso di facoltà incredibili, che vanno dalla premonizione alla telepatia. Luke si ritrova coinvolto su ordine espresso della vecchia zia, favorevole ad affittare al professore solo a patto che anche un membro effettivo della famiglia Sanderson prenda parte all’esperimento. Come notato dal professore, però, in Luke si nota da subito un certo istinto all’autoconservazione, che lo rende un candidato ideale. A completare il quadro dei personaggi, fanno da sfondo i due governanti della casa, Mr. e Mrs. Dudley che, oltre ad accogliere gli avventori ed ammonirli sulla natura malsana della loro spedizione, si limitano a sorvegliare, di giorno, i quattro inquilini e a tenersi, di notte, a debita distanza da Hill House. Interverranno, quasi in chiusura della storia, miss Montague, moglie del professore, donna guidata da materialismo e rigidità mentale, convinta sostenitrice dell’esistenza dei fantasmi come entità ectoplasmiche, e il suo accompagnatore Arthur.

Gli eventi non tardano a prendere la piega attesa dal lettore, e già dopo la seconda notte i protagonisti cominciano ad avvertire i primi segnali e i primi campanelli d’allarme. Strani rumori alle porte delle camere da letto, passi non riconducibili a nessuno, scritte vergate col sangue e altri dettagli gotici riescono ad alimentare la tensione, che seppur non raggiunga mai picchi vertiginosi, aleggia tra le pagine del romanzo senza più abbandonarlo. Ben presto, proseguendo nella lettura, emerge sempre più nitido il fatto che è Hill House stessa la fonte di quel disagio crescente, che si insinua subdolo nei pensieri dei quattro ospiti. “L’incubo di Hill House” non è una storia di fantasmi, almeno non nel senso convenzionale del genere. I fantasmi con cui si ritroveranno faccia a faccia i quattro, in particolar modo la fragile e suscettibile Eleanor, sono quelli della mente, del passato che riaffiora e che non dà tregua. Già nelle primissime pagine la Jackson ci dice senza mezzi termini che, per quanto si ricordi, Eleanor non è mai stata felice. Non si è mai sentita a casa, amata o attesa da qualcuno. Questa sua assenza di legami, di radici (uniti al morboso rapporto con la madre inferma, di cui si sentirà sempre vittima e carnefice), sarà la causa della sua inesorabile discesa nella follia, nel richiamo ammaliatore della casa, che respira e, vigile, osserva e attende, sola. Hill House esercita sui suoi abitanti una forza attrattiva che li scardina dalla realtà, un effetto che si incrementa con il passare del tempo e che non lascia scampo alle fragilità di Eleanor, di cui l’autrice descrive, con pagine di grande effetto, la lenta e inesorabile trasformazione, tra monologhi interni, dialoghi serrati, visioni oniriche e percezioni paranormali. La casa le parla, la prende per mano e la fa volteggiare in un valzer di follia, fino ad avere la meglio.

Con questo romanzo, divenuto un culto per il genere, e che ha fatto scuola per altri celebri autori che hanno proseguito sul suo solco, Shirley Jackson offre un suo punto di vista sulla psiche umana, sul richiamo del passato che riaffiora. Un dramma insolubile e che va oltre la vita stessa del singolo individuo, per gravare eternamente sul genere umano. Se infatti la triste vicenda della povera Eleanor trova una sua inevitabile conclusione, nulla osta a Hill House di restare lì, immobile, in attesa della prossima vittima. Con uno stile elegante, efficace, fluido e mai banale, l’autrice seppellisce il luogo comune secondo cui non si possa fare grande letteratura affrontando generi letterari non convenzionali. “L’incubo di Hill House” non è un romanzo di paura, con una trama delineata e colpi di scena pronti a farvi rizzare i capelli, nascosti dietro gli angoli bui e i pannelli di quercia della malsana dimora. È un’opera ricca e particolareggiata, che intervalla alla prosa momenti di lirismo descrittivo, sapientemente dosati, e una buona dose di ironia che conferisce veridicità al tutto. Al termine della lettura resta una vaga sensazione di malessere, un’inquietudine che deve essere metabolizzata. Hill House non dà scampo, è ovunque e in nessun luogo, erta a simbolo di quanto di più angoscioso e corrotto vi sia nella vita. Non ammette complicità, non si piega ai sentimenti. “Qualsiasi cosa si muovesse lì dentro, si muoveva sola”.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'incubo di Hill House 2016-06-19 17:48:37 aeglos
Voto medio 
 
1.5
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
1.0
aeglos Opinione inserita da aeglos    19 Giugno, 2016
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Zero coinvolgimento

Sono stata attratta sia dal titolo del libro,sia dalla copertina.LA trama poi ha fatto il resto.Uao!mi sono detta"un buon horror da leggere è ciò che mi ci vuole".purtroppo,già dalla prima pagina non l'ho trovato molto coinvolgente ma ho voluto lo stesso continuare a leggere,sperando in qualcosa in più nelle pagine successive.VErso la metà del libro sembra prendere finalmente forma ma è stata solo una finta.NIente coinvolgimento,noioso,ho fatto veramente fatica a finirlo..il finale poi lasciamo perdere.....i personaggi sono noioso,antipatici....Non si capisce molto di questo libro ......purtroppo non so che altro dire se non che è uno dei libri di horror più brutto che abbia mai letto.CRedo proprio di aver perso solo dal tempo nel leggerlo ma ormai era a metà e mi spiaceva non finirlo...la mia speranza che partisse non mi abbandonava.....la mia speranza non aveva ragione...ahimè.....

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
62
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'incubo di Hill House 2015-07-08 12:01:30 Anna_Reads
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Anna_Reads Opinione inserita da Anna_Reads    08 Luglio, 2015
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un male tenero e goffo.

Partiamo con un professore che – dietro alla rispettabile carriera accademica – studia i fenomeni occulti e decide di studiare una misteriosa casa. Per farlo recluta una squadra di persone che hanno avuto in qualche modo a che fare con qualche fenomeno "inspiegabile".
Sbadigli in agguato?
L'ho pensato anch'io, in genere l'horror mi annoia.
Adesso se ne vanno nella casa costruita sull'antico cimitero, poi avranno la geniale idea di separarsi, nessuno accenderà la luce manco a morire etc etc.
Poi arrivano direttamente gli infelici di Supernatural...
Invece no.
La Jackson è scrittrice di razza.
Comincia a descriverti i membri del team. Anzi, ne descrive solo uno.
Eleanor.
Eleanor è tenera, goffa e un po' svampita.
Io sarà che ho lo svampy Alert, che le svampite non le sopporto, quindi ero già sul chi va là. Però viene descritta come quella tanto buona, un po' debole, che cura la madre malata, che subisce un po' la sorella e il cognato.
L'autrice vuole farti empatizzare con lei e ci riesce.
All'inizio, fa anche una cosa buffa, non avendo ottenuto il permesso per prendere l'auto (in comproprietà con la sorella) la "ruba" ed è molto divertita dal suo atto. Per la strada fantastica – in modo un po' morboso, secondo me – sui particolari che coglie, della strada, degli alberi, delle case. Si immagina di essere la proprietaria di una villa che le piace. Immagina la sua vita lì, cosa mangerà e dove, come saranno i suoi domestici, come la piangeranno i vicini dopo che sarà morta.
- tuoni in lontanza.
Come per caso ci viene detto che odiava la madre e odia la sorella.
C'è poi un episodio.
Piccolo, banale, insignificante (?).
Eleanor fa colazione, in un bar, accanto ad una famiglia. Una delle bambine rifiuta di bere il latte perché non ha la sua tazza preferita con le stelle. Poco dopo Eleanor racconterà a Theodora – altro membro del team - della "sua" tazza con le stelle, "rubando" la storia alla bambina.
Niente di male, certo, però...
- tuoni un po' più vicini.
Eleanor cerca di essere buona, amichevole e sorridente. Mostra di affezionarsi subito a Theo(dora), al Professore, a Luke.
Però le incrinature cominciano presto.
Mezze frasi lasciate lì.
«"Buongiorno, ti riempio la vasca." Dice allegramente Theo la mattina dopo l'arrivo.
"Pensa forse che non mi farei il bagno, se non mi riempisse lei la vasca?" Si chiese Eleanor, e poi si vergognò; sono venuta qui per smettere di pensare cose come questa.»
È niente, d'accordo, ma è una fiammata di cattiveria gratuita e di "retro-pensiero" senza nessun motivo.
- Comincia a piovere
Ma non basta. Nella scena in cui "qualcuno" devasta con la vernice rossa la stanza di Theo, Eleanor chiama il Professore e Luke e spiega quello che è successo e commenta così, fra sé: "Bene, non avrei potuto metterla in modo più neutro di così, pensò, girandosi per seguirli. O avrei potuto metterla in modo più neutro? Si chiese, e si accorse che stava sorridendo."
Il crescendo è abbastanza rossiniano - ormai piove in modo violento - solo poche pagine dopo, mentre consola Theo, ancora scioccata, Eleanor ci confida i suoi pensieri:
"Vorrei prenderla a bastonate, pensò Eleanor abbassando gli occhi sulla testa di Theodora accanto alla sua poltrona; vorrei prenderla a sassate (…) La odio, pensò Eleanor, mi fa vomitare; guardala lì tutta pulitina, con addosso il mio maglione rosso (…) Vorrei guardarla morire, pensò Eleanor e ricambiò il suo sorriso dicendo "Non essere sciocca".

Vabbe', ce l'ha con Theodora.
Sarà più giovane e più bella, più emancipata, più ricca… ha una bella casa e magari le piace pure un po' (accenno lesbo, a un certo punto? Forse), veniamo al "duetto d'amore" con Luke.
Duetto talmente sbilanciato che in alcuni punti fa ridere tout court, come quando a lei "venne voglia, in tutta onestà, di dargli una sberla."
Però poi viene fuori l'anima rapace e parassita di Eleanor:
«Io voglio solo qualcuno che mi adori, pensò, e invece sono qua a dire cretinate a un egoista. "Devi essere davvero molto solo."»
Naturalmente nessuno sarà in grado di adorarla come vuole e come merita.
Solo la casa le dà soddisfazione. I momenti in cui Eleanor entra in risonanza con la casa si moltiplicano.
- grandine
La Jackson lo descrive mirabilmente e quasi con noncuranza. Eleanor è in giardino e "avverte" la cenere che "silenziosamente" cade nel camino. Sente sospiri e fruscii che gli altri non avvertono.
E ne è fiera. "Nessuno di loro l'ha sentito, pensò colma di gioia; nessuno l'ha sentito tranne me."
Si sente speciale, sa di esserlo, vuole essere adorata, perché si comporta bene, si è sacrificata e vuole che le venga riconosciuto.
Quando provano a "salvarla" mandandola via (e, sia detto, un po' ingenuotti, 'sti personaggi) dall'unico posto che la fa sentire davvero "speciale" e vincente, Eleanor fa l'unica cosa che può fare. Da sola.
Decide di rimanere.

Cosa c'è di assolutamente sconvolgente in questo romanzo?
C?è che il Male, quello con la lettera maiuscola, quella di Hill House, qualunque esso sia, in fondo sta tranquillo sullo sfondo, osserva e se la gode. Invece il male, quello della Harendt, banale, quotidiano e meschino è dentro.
Non fuori.
Dentro.
Ognuno.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
A chi non ama le storie in cui i cattivi sono sempre brutti, scatri e perfidi.
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri