Narrativa straniera Romanzi Colazione al Cairo
 

Colazione al Cairo Colazione al Cairo

Colazione al Cairo

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

La trama e le recensioni di Colazione al Cairo, romanzo di Mohamed Salmawy edito da Giunti. Doha è una donna bella e altolocata, una stilista di successo, abituata a far valere i suoi privilegi. Le sue serate scorrono tra feste esclusive ai piani alti dei grattacieli, lontane anni luce dagli avvenimenti politici che scuotono il Cairo. Quando una mattina resta bloccata nel traffico a causa dei disordini di piazza Tahrir, va su tutte le furie: che diavolo vuole quella folla urlante che rischia di farle perdere l’aereo? Quell’aereo deve portarla in Italia, dove presenterà la sua nuova collezione al jet-set internazionale. Ma è sufficiente una telefonata al marito perché la polizia apra subito un varco e faccia passare l’auto su cui viaggia. Doha non sa ancora che entro poche ore non guarderà più quella piazza allo stesso modo, come non sa che l’uomo seduto accanto a lei sull’aereo, quell’uomo con la barba nera che la tempesta di domande, è un leader dell’opposizione, un uomo magnetico, pieno di forza e di slancio, disposto a tutto pur di difendere quello in cui crede. E quando a Roma, prima di salutarla davanti all’albergo, lui le regala una rosa rossa, Doha sente che quel fascino sta per risvegliare qualcosa in lei, mettendo in discussione tutto: il suo stile di vita, la sua carriera, il suo matrimonio.

Mohamed Salmawy (Cairo, 1945) è uno dei più influenti intellettuali egiziani contemporanei. È presidente dell’Unione degli scrittori egiziani, segretario generale dell’Unione degli scrittori arabi, caporedattore del settimanale in lingua francese Al-Ahram Hebdo, giornalista del quotidiano in lingua araba Al-Ahram.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.6
Stile 
 
3.5  (2)
Contenuto 
 
4.0  (2)
Piacevolezza 
 
3.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Colazione al Cairo 2012-11-26 14:22:03 Tiziana
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Opinione inserita da Tiziana    26 Novembre, 2012

Doha: un'eroina contemporanea

Doha, la protagonista del romanzo, vive sulla propria pelle la rinascita di una vita fin troppo stereotipata. Affascinante, tenace e coraggiosa: sono queste le sue qualità che si mescolano nelle vicende, appena accennate, della "Primavera araba" e si intrecciano con lo spirito patriottico di un uomo che l'aiuterà a diventare una farfalla proprio quando Doha si sente stanca. Di cosa?
"Della sua vita, di me stessa, di tutto!" Un susseguirsi di colpi di scena apre le porte ad una nuova condizione sociale, politica e personale suggellata da un bacio "un lungo bacio atteso da troppo tempo. Il preludio di una nuova vita. Per loro e per tutti gli egiziani."
Ho voluto di proposito solo accennare la trama del romanzo perchè la personalità di Doha va gustata pagina dopo pagina. E' un'eroina contemporanea capace di accettare le convenzioni ma, nel contempo, è in grado di scardinare ogni modello rigidamente imposto. Ama, piange, affronta con coraggio le scelte che riguardano la sua carriera e si lascia affascinare da Ashraf al Ziny che la condurrà in un percorso di sofferenza e di rinnovamento. Doha è una grande lottatrice che riacquista la libertà, sfidando il regime . E' l'emblema del suo Paese perchè tutti ne conoscono le vicende, è il simbolo per i giovani egiziani che in lei si rispecchiano.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Per chi crede nelle rinascite
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
Colazione al Cairo 2012-08-01 08:57:45 Foschia75
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Foschia75 Opinione inserita da Foschia75    01 Agosto, 2012
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La metamorfosi interiore.


Starà diventando la tendenza del momento, quella di mettere la parola "colazione" nel titolo di un romanzo...... e non trovare traccia alcuna di questo desinare nelle pagine della narrazione?
Scherzi a parte, ho comprato questo libro convinta di leggere un romanzo d'amore..... l'amore c'è, ma per la patria e la libertà in tante sfumature.....come quelle impresse sulle ali della Farfalla "Tigre", simbolo-bandiera di questo romanzo dalle "leggere" tinte politiche.

Incredibile quale moltitudine e qualità di pensieri possa alimentare un semplice insetto con un bel paio d'ali.....ma ali in grado di cambiare il modo di vedere la propria esistenza e liberare l'essenza nascosta a causa della religione o delle convenzioni.
Una farfalla, insetto delicato ed effimero ma capace della magia della METAMORFOSI.....prima poco appariscente bruco strisciante, poi dopo il passaggio nella protezione del bozzolo, la trasformazione in lepidottero con ali ornate di geometrie ammalianti.
Guardando le ali ipnotiche della farfalla "Tigre" (Danaus Chrysippus), Doha capirà quanto nella sua vita sia necessaria una sensibile virata, una rinascita identitaria. Ma questa inversione di rotta è davvero dettata dalle ali della farfalla o dalla forte personalità di un uomo incontrato per caso su un aereo? Come le cose nella vita, anche le persone non capitano MAI per caso, e "il professore" sarà la leva con la quale Doha solleverà la pietra tombale poggiata sul suo cuore di donna, moglie insoddisfatta e stilista in cerca di ispirazione.
In realtà in questo libro, la figura della farfalla come bandiera di libertà è il trait d'union tra le due storie parallele che compongono questo romanzo di "riscatto" e ricerca della propria identità in due declinazioni diverse ma allo stesso intense. La ricerca di se stessi e la ricerca delle proprie origini.
Una donna che sfiderà le rigide regole imposte dal matrimonio (in Egitto!) e un ragazzo alla ricerca della madre, quella vera che non ha mai conosciuto..... sullo sfondo i conflitti politici che infiammano la loro patria: l'Egitto. Storie intense che raccontano la volontà di persone comuni, ma anche di un popolo stanco dei soprusi e delle imposizioni. Cambiare la propria vita si può..... ma per farlo occorre una decisa "metamorfosi" interiore.
Forse per gli argomenti trattati, ho trovato questo romanzo meno intenso di quello che avrebbe dovuto essere..... anche la "questione politica" è appena accennata.... tutto è annacquato quando invece avrebbe dovuto essere vividamente sgargiante in tutti i suoi toni, per aiutare "un altro popolo" a capire meglio gli stati d'animo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Lettura veloce e interessante
A tutti
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ultimo conclave
Valutazione Utenti
 
1.3 (1)
Stivali di velluto
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una morte onorevole
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
You like it darker. Salto nel buio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Eredi Piedivico e famiglia
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.3 (3)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Renegades. Verità svelate
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Giorno di vacanza
Génie la matta
Mattino e sera
L'anno che bruciammo i fantasmi
T
Il mondo invisibile
Moriremo tutti, ma non oggi
L'estate in cui mia madre ebbe gli occhi verdi
Una primavera troppo lunga
La vedova
Il bambino e il cane
Giù nel cieco mondo
Il mantello dell'invisibilità
Lunedì ci ameranno
Se solo tu mi toccassi il cuore
La salita verso casa