Exit Exit

Exit

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


Exit è una villa di campagna immersa nella natura. Un giardino lussureggiante, stanze e saloni arredati con gusto, quadri antichi, candelabri sul caminetto, lucenti cassettoni sui soffitti. Qui, nell’annuncio abbagliante della calura estiva, uno alla volta arrivano gli ospiti. Due giovani donne: Clarissa, fragile e intensa, l’elegante Pamela. Il finanziere Finn, la vedova Tevener, il poeta Léonard. In poco tempo diventeranno intimi e amici, pronti a vivere e a dissolversi nel gioco del destino e della passione. Gli ospiti sono stati accolti da due medici in camice bianco e dall’infermiera Matea, che prepara cene e pranzi squisiti. Tutti insieme, gli ospiti, i medici e l’infermiera, condividono colazioni e banchetti, passeggiate, escursioni, chiacchiere e battibecchi. Ma a cosa si stanno preparando, e perché hanno deciso di trascorrere in questo modo il loro tempo?

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.5  (2)
Contenuto 
 
3.5  (2)
Piacevolezza 
 
3.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Exit 2017-11-12 16:53:51 Pelizzari
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Pelizzari Opinione inserita da Pelizzari    12 Novembre, 2017
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Esseri viventi morenti

Questa è un’autrice che o amo o odio. In questo libro, che ho scoperto essere il suo primo romanzo, l’ho sia odiata, perché ci sono parti dove la volgarità è, per i miei gusti, eccessiva e fuori luogo, sia amata, perché, nella stessa storia di Clarissa e Pamela che ho prima maldigerito, ho poi scoperto semi di messaggi molto positivi che l’autrice ha voluto lasciare. La storia in Exit è originale: racconta la vita di persone che scelgono la morte e vogliono un aiuto esterno per varcare la soglia oscura, scegliendo un modo originale per andarsene di proprio pugno. Gli ospiti di questa casa sono accomunati da una profonda delusione esistenziale, il che rende la lettura estremamente malinconica. E se da una parte è vero che la fantasia è il vero segreto del progetto Exit, non bisogna dimenticare che, al di là delle scenografie, tutte queste sono persone che ad un certo punto della loro vita, per ragioni diverse, scelgono di morire, perché sono convinte che la morte sia meglio della vita che si ritrovano a vivere. Questo induce a profonde riflessioni umane. La parte più bella è il mondo che si apre conoscendo ognuno di loro, perchè ogni uomo è davvero un mondo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
180
Segnala questa recensione ad un moderatore

Exit 2013-11-19 14:33:09 Lonely
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Lonely Opinione inserita da Lonely    19 Novembre, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Libero arbitrio?

Ho letto molti libri della Bartlett: quasi tutti quelli della serie di Petra Delicado, e qualche romanzo.
Questo è uno dei suoi ultimi romanzi, decisamente originale nel contenuto, e fuori dal suo stile.
Devo dire che all'inizio mi ha coinvolta molto, ma una volta compreso lo scopo di tutta questa apparente messinscena teatrale, mi aspettavo qualcosa di più. Speravo in qualche riflessione più profonda per un tema così delicato. Forse perchè va contro le mie convinzioni, ossia che la vita va vissuta comunque fino alla fine, che non ci può stancare o annoiare di vivere, e che per quanto si è disperati c'è sempre una gioia, oltre il dolore, che ci fa tornare a sorridere, prima o poi. Invece per questi personaggi non c'è scampo, tutti vanno ineluttabilmente verso il destino che hanno scelto, niente li ferma, nè l'amore, nè i piaceri della vita, come se tutto questo non li sorprendesse più. Non hanno motivi, stimoli o scopi, sono solo in attesa di...
La vita sembra aver detto loro ormai tutto quello che aveva da dire.
La Bartlett fa un'analisi lucida, senza dubbi alcuni, della noia di vivere, alla quale non c'è rimedio, e dunque non rimane che offrire ai suoi personaggi l'uscita che desiderano.
Al di là, però, del libero arbitrio dell'essere umano, la Bartlett, forse perchè non ne è così convinta neanche lei, affianca il fato, il destino: sono previste 6 uscite? e 6 devono essere! E se per un caso fortuito una di esse venisse a mancare, eccone subito pronta un'altra a prendere il suo posto!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il re di denari
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'ultima volta che ti ho vista
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
Vuoto per i bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Da molto lontano
Valutazione Utenti
 
4.8 (3)
La resa dei conti
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vergogna
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Middle England
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Storia di una balena bianca raccontata da lei stessa
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Nel muro
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
1.0 (1)
Donne che non perdonano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)
Uno sporco lavoro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La misura dell'uomo
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri