Narrativa straniera Romanzi Facciamo finta che non sia successo niente
 

Facciamo finta che non sia successo niente Facciamo finta che non sia successo niente

Facciamo finta che non sia successo niente

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

Annabelle e Grant sono sposati da trent’anni e sembrano la coppia modello: Grant è l’uomo solido, idealista, buono e fedele che tutte le donne desidererebbero al proprio fianco. Certo, ultimamente passa tutto il tempo sul libro che sta scrivendo e dedica al sesso con sua moglie solo il mercoledì mattina, come se fosse una delle numerose incombenze della settimana. A volte sembra proprio non accorgersi di niente e Annabelle, con i figli ormai fuori casa e un lavoro poco impegnativo, si sente terribilmente sola.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 6

Voto medio 
 
4.4
Stile 
 
4.3  (6)
Contenuto 
 
4.3  (6)
Piacevolezza 
 
4.5  (6)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Facciamo finta che non sia successo niente 2014-10-29 14:54:31 rev2011
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
rev2011 Opinione inserita da rev2011    29 Ottobre, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il matrimonio oggi

Poche parole per parlare bene di un libro che a tratti mi è sembrato banale e scontato nella trama e nell'evoluzione dei vari episodi. Ma alla fine posso dire che vale davvero la pena lasciarsi coinvolgere dalle avventure familiari e sentimentali di Annabella. È un libro che parla bene del matrimonio in un tempo dell'umanità strano e, spero, transitorio. Un libro che coinvolge perche tanti lettori che hanno vissuto situazioni simili o ci sono andati vicini magari tirandosi indietro al momento giusto. Un libro che consiglio a tutti, soprattutto a persone oltre i 50 anni, semmai sposate da venti e più: si capisce meglio!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore
Facciamo finta che non sia successo niente 2013-10-18 14:38:39 Nikly
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Nikly Opinione inserita da Nikly    18 Ottobre, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un matrimonio

“Facciamo finta che non sia successo niente” è un romanzo coinvolgente e piacevole da leggere seppur racconta il delicato tema della fragilità dei rapporti tra uomo e donna. Maddie Dawson, l’autrice, affronta questo tema affidandosi alle riflessioni, alla vita e ai ricordi di Annabelle, la protagonista, che racconta in prima persona ventisei anni di vita matrimoniale con Grant. I capitoli del libro si alternano tra presente e passato: il lettore segue la storia dei due, da giovanissimi sposi a coppia di mezz’età, e viene a conoscenza delle mancanze e delle debolezze che hanno messo e continuano a mettere alla prova il loro amore. Grant, uomo innamorato, affidabile e fedele è talmente dedito al suo lavoro da dimenticarsi di rivolgere qualche attenzione e qualche parola in più all’amata moglie. Quest’ultima rischia di rompere il suo rapporto con il marito a causa del desiderio di amore più passionale, seppur meno affidabile. Un romanzo che ho apprezzato in quanto ho trovato originale la scelta da parte della scrittrice di analizzare un amore imperfetto eppure a suo modo romantico, non molto passionale ma capace di resistere a cocenti delusioni . Maddie Dawson non ci chiede di giudicare questo amore ma di riflettere su quanto siano importanti in un rapporto di coppia quelle piccole premure e tenerezze che permettono di conquistare giorno dopo giorno il proprio partner. L’autrice non ci illude raccontandoci di amori grandi e invincibili: il matrimonio nella realtà ha i suoi momenti duri, allora bisogna farsi trovare pronti e lottare, se ne vale la pena, per continuare il rapporto tra due persone che, pur commettendo errori, si amano.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
200
Segnala questa recensione ad un moderatore
Facciamo finta che non sia successo niente 2012-12-30 14:46:24 Illary
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Illary Opinione inserita da Illary    30 Dicembre, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

LA VITA, L'AMORE E....

Annabelle e Grant sono sposati da ventisei anni, hanno due figli grandi che ormai vivono fuori casa ed una vita apparentemente tranquilla e serena, sembrano la coppia pefetta. Ma una mattina di marzo Annabelle scoppia improvvisamente a piangere al supermercato. Le ragioni di quel pianto hanno radici molto lontane, in un passato in cui Annabelle ha conosciuto il vero amore, Jeremiah, che nonostante gli anni trascorsi lei sente ancora come una presenza rassicurante, che la accompagna ogni istante della vita. Nel frattempo Sophie, figlia maggiore della coppia, ha un problema durante la gravidanza e Annabelle si trasferisce a New York per assisterla. Avrà modo di rivangare quell'amore abbandonato e sepolto sotto un patto stretto con il marito che non l'ha mai perdonata, e di esplorare le motivazioni che l'hanno portata ad essere la donna tormentata di oggi. L'amore, il matrimonio e la passione si intrecciano, feriscono e qualche volta fanno essere felici. Oppure no?

Ho letto questo romanzo in pochi giorni. La trama è accattivante, il racconto comincia ai giorni nostri, poi le molteplici digressioni raccontano i trascorsi di Annabelle e Grant, della loro vita insieme e del loro matrimonio. Scritto in maniera chiara e lineare, è una lettura che consiglierei. L'autrice si rivela in grado di esplorare i meccanismi della comunicazione, le difficoltà di vivere insieme e di accettare gli errori e le mancanze dell'altro. Peccato che il finale risulti un pò
scontato, banale ed un tantino frettoloso...

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
Facciamo finta che non sia successo niente 2012-10-17 15:58:26 rosalinda gaudiano
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da rosalinda gaudiano    17 Ottobre, 2012

ottimo

Un romanzo originale per come è sviluppata l’idea di fondo, ben calibrata sui rapporti intersoggettivi e di coppia, nei quali gioca un ruolo fondamentale l’elemento comunicativo. La narrazione affronta, così, temi consuetudinari, come il matrimonio, l’amore passionale, il tradimento, l’amore filiale. Nonostante la complessità di queste tematiche, il libro si presenta godibile rendendo apprezzabile il lavoro di Maddie Dawson per l’assoluta franchezza e veridicità con le quali vengono affrontate le situazioni relazionali tra i personaggi, senza cadere in sentimentalismi melensi e stucchevoli. L’autrice ha, infatti, saputo ben costruire un dinamismo di bisogni ed aspettative nel comune vivere quotidiano. Ne viene fuori un lavoro di tutto rispetto, ben descritto, con un ottimo flusso di scrittura ed uno stile ottimamente coeso

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
Facciamo finta che non sia successo niente 2012-05-09 12:43:16 Annabelle
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da Annabelle    09 Mag, 2012

Il romanzo della vita matrimoniale

E' bello perchè descrive la realtà della solitudine nel matrimonio, i sogni, i desideri la speranza degli inizi, la dolorosa scoperta che non è così, la delusione di un lui che si rivela il contrario dell'entusiasmo che ci ha messo nel conquistarti (o forse lo si vedeva così) l'indifferenza che molti uomini regalano alle loro mogli perchè raggiunta la sicurezza nel quotidiano, lei diventa parte dell'arredamento. Così reale da far male, da far riflettere, da consolare chi sa di vivere la stessa solitudine..

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
61
Segnala questa recensione ad un moderatore
Facciamo finta che non sia successo niente 2012-04-10 06:40:57 GLICINE
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
GLICINE Opinione inserita da GLICINE    10 Aprile, 2012
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

ISTANTANEE DI VITA FAMILIARE

Primo romanzo dell'autrice e primo successo a mio parere.. E' un libro che non parla di eroi o carnefici,che non argomenta situazioni del tutto inverosimili, ma parla della vita così come può essere quella di ognuno di noi; parla della nascita e crescita di una coppia Annebelle e Grant che diventano famiglia, genitori e nonni.
Sarebbe semplicistico catalogarlo come racconto scontato e banale, non lo è affatto. La storia si intreccia in modo scorrevole e ricco alternando passaggi sulla vita passata e sul presente dei protagonisti giunti a 26 anni di matrimonio.
Annabelle e Grant si conoscono ad una festa, sono due personalità totalmente opposte: lei giovanissima, spigliata, creativa (lavorerà come illustratrice di favole per bambini),lui il classico bravo ragazzo studiosissimo, un pò goffo,affidabile serio, pacato e gentile che non trasgredisce mai le regole ( futuro professore universitario).
I primi anni della loro vita coniugale li passano a New York coabitando con il collega nonchè datore di lavoro di Grant ,lo storico dei movimenti sindacali Jeremiah, anch'egli sposato con Carly (ballerina ache sta cercando di tornare a lavorare) padre di due gemelli di due anni.
La storia alterna capitoli che parlano del passato a capitoli che trattano il presente della coppia in modo armonioso, non caotico... Mi piace molto la protagonista Annabelle come si descrive , come analizza la sua vita , le sue sensazioni, i suoi desideri, i suoi errori, mi è piaciuto seguire la sua crescita nell'ambito della storia;
nonostante l'ombra del tradimento abbia segnato la sua vita coniugale....
Non racconto altro! Libro senz'altro da leggere, lascia un pizzico di nostalgia abbandonare la famiglia McKay, rimane la curiosità di sapere le vicende future dei personaggi, e questa è la cosa migliore che un buon libro possa suscitare.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Del nostro meglio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La vita intima
Valutazione Utenti
 
2.5 (2)
La libreria dei gatti neri
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Caminito. Un aprile del commissario Ricciardi
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un giorno come un altro
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Bell'abissina
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quel tipo di ragazza
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Schiava della libertà
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ombre
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
I ragazzi di Biloxi
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
La vendetta del ragno
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Piccole cose da nulla
Valutazione Utenti
 
3.5 (3)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Essere lupo
Certi sconfinamenti
Una buona madre
Se vado via
Ultima chiamata per Charlie Barnes
Finché non aprirai quel libro
Piccole cose da nulla
La stella del mattino
Bournville
Due settimane in settembre
La fornace
Il libro delle luci
Il peso
Notte di battaglia
La vita prima dell'uomo
Le strane storie di Fukiage