Il padrino Il padrino

Il padrino

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

La trama e le recensioni di Il padrino, romanzo di Mario Puzo edito da Corbaccio. Protagonista del Padrino è Don Vito Corleone, capo delle cinque famiglie che esercitano il loro potere nel mondo della mafia newyorchese. Il Padrino è uomo d'onore con un preciso codice morale, generoso con gli amici quanto implacabile con i nemici. Dalla casa di Long Island, circondato da una famiglia patriarcale, esercita il proprio potere sul vasto impero sotterraneo della malavita americana: gioco, corse di cavalli, prostituzione, neppure il mondo di Hollywood sfugge alla sua influenza. Don Vito è un uomo ragionevole, ma per chi rifiuta di ragionare a modo suo, la punizione è rapida e crudele, di una crudeltà raffinata che se non toglie all'avversario la vita lo priva della volontà di reagire. E' un romanzo ricco di tensione e di colpi di scena, ma anche un documento incredibilmente autentico, tuttora incredibilmente autentico, di una società violenta che non esita di fronte al ricatto, all'omicidio e alla tortura per imporre le proprie leggi. I legami della «famiglia», i rituali del «rispetto», gli intrecci tra potere politico e malavita, gli spietati regolamenti di conti, la vita quotidiana dei boss e dei loro sicari, il ruolo dei consiglieri, la capillare organizzazione degli affari illeciti, gli amori, i matrimoni, i funerali, i tradimenti e le vendette: Mario Puzo ha messo vita e verità in ogni più piccolo particolare realizzando un affresco narrativo di grande impatto, un romanzo che è da tempo divenuto un classico.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.1
Stile 
 
3.0  (2)
Contenuto 
 
3.5  (2)
Piacevolezza 
 
3.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il padrino 2019-10-23 11:59:03 cristiano75
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
cristiano75 Opinione inserita da cristiano75    23 Ottobre, 2019
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Idda aveva un boyfriend

Come non ricordare le prime frasi del capitolo uno del Padrino nella sua versione cinematografica....con un enorme Marlon Brando!!!
La saga di una famiglia, scritta da Puzo, che poi avrebbe avuto un clamoroso seguito cinematografico, con pellicole indimenticabili.
Il romanzo ripercorre le vicende di una famiglia italiana e i suoi traffici illeciti tra l'Italia e la Nueva York (nel dialetto degli emigranti in Little Italy).
Vari fratelli più o meno violenti, astuti e belli che decidono di mettersi sotto i piedi il sistema Yankee e di conquistare il nuovo mondo.
Useranno metodi soft, ma spesso volte ricorreranno a violenze e minacce.
E' un epopea completa, che ha in se già il germe della sua autodistruzione, del decadimento di un intero sistema corrotto e corruttibile che ha nel Dio denaro, la giustificazione di ogni azione commessa.
La Mafia e il suo essere, il suo operare, le sue regole, i codici morali non scritti, i limiti dell'azione, un compendio per comprendere bene anche i legami con i vertici della politica e degli uomini d'affari.
Non si salva nessuno, sono tutti sporchi e cattivi, ognuno a modo suo, ognuno per la sua strada quando poi le cose naufragano.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
50
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il padrino 2014-03-31 07:57:52 enricocaramuscio
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
enricocaramuscio Opinione inserita da enricocaramuscio    31 Marzo, 2014
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Realistico intreccio mafioso

New York, secondo dopoguerra. Tra gli esponenti di punta della malavita italo-americana un nome spicca su tutti: quello di Don Vito Corleone, capo della più potente e prestigiosa famiglia mafiosa della costa orientale. Detto "Padrino" per la generosità che riserva a chi gli dimostra rispetto e fedeltà, Corleone è un uomo paziente e guidato da un rigoroso codice morale, che negli affari preferisce avvalersi della sua famosa e persuasiva ragionevolezza, ricorrendo alla forza solo quando necessario. Ma, quando ci sono da usare le maniere pesanti, non esistono remore né mezze misure, la sua decisione e la sua spietatezza fanno gelare il sangue nelle vene. Scappato giovanissimo dalla natia Sicilia per sfuggire alla stessa lupara che lo ha reso orfano, si trasferisce nel Nuovo Continente portando avanti per i primi anni una vita onesta fatta di stenti e difficoltà, finché decide di cambiare pagina: comincia così una brillante ascesa che lo vede pian piano raggiungere il vertice della malavita statunitense. Ma il suo prestigio e la sua potenza rischiano di scomparire a causa di una terribile guerra tra famiglie scatenata dal suo rifiuto a partecipare ad un affare di narcotraffico. Una battaglia che metterà il Padrino a dura prova e aprirà la questione riguardante la scelta del suo successore. Suspense, azione e colpi di scena non mancano in quest'opera di Mario Puzo in cui onore e tradimento, amore e denaro, violenza e rispetto si intrecciano come le fitte maglie di una ragnatela. Ma il vero punto di forza del libro è il realismo e con cui l'autore descrive il mondo della mafia, con la sua capacità di entrare in ogni settore dell'economia e trarne ingenti profitti, le forti e spesso insospettabili connivenze con i piani alti della politica, delle forze dell'ordine e perfino del potere giudiziario e un'organizzazione interna precisa ed efficiente come un orologio svizzero. Forse Puzo esagera un po’ nel tessere le lodi del protagonista, mettendone in risalto le virtù e facendo passare quasi in secondo piano il fatto che si tratti comunque di un pericoloso e sanguinario boss mafioso. Ciò, se da un lato può infastidire i lettori più sensibili al tema ed essere visto come un limite del romanzo, da un altro punto di vista può intendersi come sintomatico del consenso e del prestigio che troppo spesso la mafia riscuote tra la gente comune, soprattutto tra quella povera e diseredata che si sente abbandonata da uno Stato corrotto e lontano dai problemi reali della popolazione e che trova invece in quest’organizzazione un modo per avere lavoro, giustizia e protezione. Un aspetto che troppo spesso i governi tendono ad ignorare e che invece dovrebbe essere considerato come fondamentale punto di partenza nella lotta alla malavita organizzata.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
240
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Gelosia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Su un letto di fiori
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.4 (2)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
3.8 (3)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri