Narrativa straniera Romanzi La donna che rubava i mariti
 

La donna che rubava i mariti La donna che rubava i mariti

La donna che rubava i mariti

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Tre amiche: Roz, Charis e Tony. Si sono conosciute al college e hanno una cosa in comune, Zenia. Anche lei compagna di college, bella, intelligente, di volta in volta manipolatrice e vulnerabile, fragile e spietata, ha tradito la loro fiducia, rubando a ciascuna di loro il marito. A un certo punto è morta, anche se lontano e in circostanze poco chiare; le tre amiche sono andate al suo funerale. Come è possibile, allora, che mentre Roz, Charis e Tony si incontrano in un ristorante alla moda appaia proprio Zenia? La storia si riavvolge, il passato ritorna, anche perché in realtà il fantasma di quella donna non aveva mai smesso di aleggiare sinistramente sulle vite delle tre amiche. Ma forse quella che sembra una minaccia può trasformarsi in un'opportunità? Esplorando il tema scomodo della malvagità femminile, questa storia dimostra, se ce ne fosse bisogno, le doti di narratrice dell'autrice del "Racconto dell'Ancella", la sua capacità di guidarci nelle profondità della coscienza con naturalezza, sfidando le nostre certezze, e di saperlo fare, perché no, con un tocco di sottile umorismo.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La donna che rubava i mariti 2023-07-27 17:06:19 68
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
68 Opinione inserita da 68    27 Luglio, 2023
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Vite sospese

…“ Dalla cucina le giungono una risata e un rumore di piatti. Charis sta apparecchiando la tavola e Roz racconta una storia. Ecco che cosa faranno, sempre di più ora in avanti, nella loro vita: racconteranno storie. Stasera le loro storie parleranno di Zenia. Somigliava per caso a noi, per certi aspetti? si chiede Tony. O, viceversa :Somigliamo per caso a lei? Poi apre la porta, entra e raggiunge le altre ”…

Tre donne, tre porzioni di vita, un legame spezzato che improvvisamente ritorna, inquietudine, tensione, sbalordimento, un incubo di nuovo vivido, rimuginio emozionale e intellettivo che riporta al passato, una ricostruzione dettagliata tra ipotesi, rimpianti, menzogne, desideri, una certezza, quella presenza femminile fascinosa, misteriosa, ingombrante che accarezza i propri sogni e ne popola gli incubi.
Chi è Zenia e che cosa nasconde, quali fini sottende, come è entrata nelle vite di Charis, di Tony, di Roz distruggendole per sparire per sempre, quale il legame con i loro mariti e compagni, vita e morte, realtà e finzione, fino a che punto è stata vera o solo una declinazione del proprio apparire, amata e odiata, desiderata e respinta, popolando le stanze delle esistenze altrui, negandosi per farvi ritorno, specchio dei propri desideri più intimi?

….” La storia di Zenia dovrebbe cominciare quando è cominciata Zenia”…, ….” quale delle versioni che Zenia ha dato di se stessa è vera?”…

Il romanzo di Margaret Atwood inizia e finisce con un mistero irrisolto, quanto la vita e le proprie storie raccontano e si raccontano in funzione di chi ne assume una parte che ci somiglia, che credevamo rimossa, nascosta, sepolta.
Zenia e’ onnipresente, indossa maschere cangianti, neppure la sua morte è certa, le tre protagoniste ricercano un senso negando l’ evidenza, ripercorrono le tappe di un’ adolescenza controversa, di una giovinezza intrisa di speranze, di una età adulta indirizzata laddove pareva persa, nascoste a se stesse, in balia degli eventi, dipendenti affettivamente, un po’ vittime e un po’ carnefici, ma in fondo che cosa sanno di se’ e degli altri?
Tony, Charis, Roz e un pranzo da condividere mensilmente, una catastrofe ( Zenia ) per unirsi, col tempo un senso di lealtà sfociato in uno spirito di corpo.
Zenia è indefinibile e sfuggente, induce emozioni eccessive e controverse, affascina morbosamente, è onnipresente, appare, scompare, si traveste, vive la menzogna in profondità, è pericolosa, ferina, illimitata, ha attraversato orrori in una calma apparente, solca maestosamente la vita come la prua di una nave, è il rischio e l’ audacia.
Forse non possiede un’ anima, una bella donna sospinta dal vento del destino, accalappiatrice seriale di uomini, perennemente insoddisfatta, una semplice orfanella, senza una casa, limitandosi a sabotare quelle altrui.
Zenia scoperchia le vite e le attraversa, se ne impadronisce, le stravolge per abbandonarle, la sua misteriosa identità svanisce nelle sue menzogne, ogni volta un racconto diverso e si finisce inesorabilmente con il crederle.
Zenia sa penetrare le debolezze altrui, Tony così piccina, da sempre una approssimazione, Charis piuttosto goffa con un passato da Karin, non completamente pulita dentro, Roz luminosa e imperiosa con una nota sotterranea di tristezza da esiliata, fuma, aspetta, mangia, la storia della sua vita.
Destini incrociati, un legame che trascende il semplice sviluppo del tempo bucandolo tra passato e presente.
E allora che cosa resta e che cosa si vorrebbe recuperare, riparare, difendere, la vendetta è un calice amaro che riporta mestamente a se’.
“ La donna che rubava i mariti “ ( 1993 ) richiama i temi della prima Atwood, femminismo, identità, tradimento, accurati profili psicologici, una costruzione centellinata imbevuta di umorismo e di indagine socialogica, una trama deviante in un thriller sospeso tra realtà e finzione sullo sfondo di una Toronto che accompagna e attende l’ intricato sviluppo degli eventi.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ultimo conclave
Valutazione Utenti
 
1.3 (1)
Stivali di velluto
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una morte onorevole
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
You like it darker. Salto nel buio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Eredi Piedivico e famiglia
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Renegades. Verità svelate
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Giorno di vacanza
Génie la matta
Mattino e sera
L'anno che bruciammo i fantasmi
T
Il mondo invisibile
Moriremo tutti, ma non oggi
L'estate in cui mia madre ebbe gli occhi verdi
Una primavera troppo lunga
La vedova
Il bambino e il cane
Giù nel cieco mondo
Il mantello dell'invisibilità
Lunedì ci ameranno
Se solo tu mi toccassi il cuore
La salita verso casa