Narrativa straniera Romanzi Lo scafandro e la farfalla
 

Lo scafandro e la farfalla Lo scafandro e la farfalla

Lo scafandro e la farfalla

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

L'8 dicembre 1995 un ictus getta Jean-Dominique Bauby in coma profondo. Al risveglio tutte le sue funzioni motorie sono definitivamente compromesse. La diagnosi è terribile: locked-in syndrome, che lascia perfettamente lucidi ma prigionieri di un corpo inerte. Chiuso in quel corpo come in uno scafandro, Bauby non può più parlare, né muoversi, mangiare o respirare senza aiuto. Solo un occhio si muove, il sinistro, il suo unico legame con il mondo. Così un giorno inizia a dettare: sbattendo la palpebra secondo un preciso codice comunica a un'assistente una lettera dell'alfabeto alla volta e, parola dopo parola, settimana dopo settimana, scrive questo libro.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 6

Voto medio 
 
3.7
Stile 
 
3.3  (6)
Contenuto 
 
4.5  (6)
Piacevolezza 
 
3.5  (6)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Lo scafandro e la farfalla 2016-08-09 13:36:37 Pelizzari
Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Pelizzari Opinione inserita da Pelizzari    09 Agosto, 2016
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Scritto con la palpebra sinistra

Sembra impossibile ma questo libro è stato scritto con la sola palpebra sinistra. Sì, perché il protagonista ha subìto un ictus che lo ha imprigionato in un corpo immobile e l’unica parte che riesce a muovere e con cui comunica è la palpebra sinistra. Grazie all’aiuto di un’assistente speciale, con un alfabeto condiviso ha dettato, lettera per lettera, parola per parola, frase per frase, i pensieri che aveva in mente, costruendone un libro per poter comunicare ancora agli altri il proprio mondo interiore. E questa è la parte più speciale del libro perché ti fa riflettere sulla sua forza di volontà, sulla sua capacità di sperare e su quanto aiuto ha ricevuto dalle persone che ha avuto vicino. Commoventi le pagine in cui racconta di come vede i figli e di come ripensa al padre, le due maglie estreme della catena d’amore che lo circonda e lo protegge. Storia vera che dà un grande esempio di vita, vissuta fino all’ultimo secondo, onorandola.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
Lo scafandro e la farfalla 2013-09-08 20:12:43 Aster
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Aster Opinione inserita da Aster    08 Settembre, 2013
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

ESARINTULOMPDCFBVHGJQZYXKW

Potrebbe sembrare un vaneggiamento e invece il titolo della recensione è il segreto di questo piccolo delicato libro. Si tratta infatti di uno schema di lettere ordinate a partire dalla più frequente nella lingua francese, grazie al quale Jean-Dominique Bauby può scrivere "Lo scafandro e la farfalla" dopo l'ictus che lo ha quasi totalmente paralizzato: l'"ESARINTUL..." viene ripetuto ad alta voce dalla ragazza che si occupa di riportare il testo, alla lettera interessata Bauby sbatte una palpebra ed essa viene trascritta; l'operazione è ripetuta tante e tante volte, fino a comporre parole, frasi, un libro.
In 123 pagine l'autore riesce incredibilmente a raccontarci la sua vita immobile, tra ricordi di un passato ormai irrecuperabile, l'odio verso un destino tanto raro quanto crudele, la solitudine inevitabile e un'ostinata voglia di essere ancora, in qualche modo. Il tramite tra la sua interiorità e il mondo esterno è un occhio, quello sinistro, come fosse l'oblò di uno scafandro da cui scrutare il mare e il fondale e la realtà sottomarina. Come una farfalla è diventata invece la sua mente, totalmente libera di volare nei posti più lontani o accanto alle persone amate, di inventare esiti alternativi a quel tragico giorno di dicembre. Ma non manca la sofferenza di fronte alla condanna all'immobilità, alla negazione della vita.
I brevissimi capitoli si susseguono velocemente, la narrazione è scorrevole e ben scritta: Bauby racconta e non si può fare a meno di ascoltare, di provare a immaginare, di restare interdetti. Dopo una lettura pacata, nelle ultime pagine sale l'inquietudine e si resta sospesi e commossi, con solo un interrogativo nella testa: "C'è nello spazio una chiave per aprire il mio scafandro? Una metropolitana senza capolinea? Una moneta abbastanza forte per riscattare la mia libertà?"
Per ricordarsi di valorizzare l'attimo e tutti quei gesti semplici che si compiono macchinalmente ogni giorno, ma che in realtà sono più che "miracolosi".

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
240
Segnala questa recensione ad un moderatore
Lo scafandro e la farfalla 2011-07-17 10:31:59 R๏гy.o°
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
R๏гy.o° Opinione inserita da R๏гy.o°    17 Luglio, 2011
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Levità del dolore

Un libro assolutamente commovente.
Sarà che avevo visto il film così poetico ed avevo poche pretese, ma questo libro è stato una rivelazione. Non è la storia di per sè ad avermi toccato le corde dell'anima ma il modo in cui è stata raccontata: non credo che al mondo sia esistita persona più coraggiosa e determinata a Vivere come Bauby.
Incredibilmente sorprendente la sua tenacia.
Leggere questo libro è come annotare sul cuore un monito alla felicità quotidiana: bisogna trovare del bello in ogni cosa che ci succede. Solo così riusciremo a godere appieno della vita.
Solo così.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
Lo scafandro e la farfalla 2010-12-06 19:52:58 Quelli della letteratura
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Quelli della letteratura Opinione inserita da Quelli della letteratura    06 Dicembre, 2010
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Lo scafandro e la farfalla

Ho letto il libro circa due anni fa, e di questa leggerissima lettura, come appunto una farfalla, mi è rimasta la grande dolcezza.
Il libro è unico nel suo genere, poichè è stato interamente dettato da un "vegetale" ad una copista, con il solo ausilio dell'occhio.

Consiglio a tutti di vedere l'omonimo film, forse e stranamente più bello persino del libro.
Ciao.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
a tutti
Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
Lo scafandro e la farfalla 2008-11-08 00:05:25 noemi
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
3.0
Opinione inserita da noemi    08 Novembre, 2008

nello scafandro

prima di leggere il libro ho visto il film e forse un po' per questo la lettura è stata meno piacevole. Il film l'ho visto in irlanda, quindi in francese con sottotitoli in inglese(!!!) ma non serviva essere assi in una delle 2 lingue perchè il messaggio passa chiaramente lo stesso. Bellissimo nella sua drammaticità..indispensabile per vedere tramite gli occhi del malato, che sono rimastigli ultimi mezzi di contatto con l'esterno, e di capire veramente cosa si prova.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
Lo scafandro e la farfalla 2008-03-18 22:20:03 murialdog
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
3.0
murialdog Opinione inserita da murialdog    19 Marzo, 2008
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Lo scafandro e la farfalla

Dopo averlo letto non saremo più quelli di prima.
Al di là dei problemi etici che vengono proposti rimane la consapevolezza che l'uomo è il suo pensiero e che, anche quando il corpo ci ha fisicamente abbandonato, la sola mente è sufficente a mantenere l'integrità della nostra personalità.
Bello e fedele al libro anche il film omonimo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
01
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Gelosia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Su un letto di fiori
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La mia vita con i gatti
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.4 (2)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.5 (3)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
3.8 (3)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri