Malcolm Malcolm

Malcolm

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice

È la storia - buffa, irritante e commovente al tempo stesso - di Malcolm, un ragazzo di soli quattordici anni "di una bellezza eccezionale", appena rimasto solo al mondo, letteralmente conteso dall'affetto invadente e possessivo di una galleria di personaggi memorabili: un becchino etiope, un famoso astrologo, una miliardaria alcolista, un pittore nano, un ex galeotto amante del jazz. A ogni nuovo incontro, Malcolm perde altrettanti veli della sua dolcissima innocenza, passando attraverso esperienze a lui prima ignote: conosce così arrivismo, invidia, tracotanza, avarizia; e sesso, prostituzione, droga, alcol.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.5  (2)
Contenuto 
 
4.5  (2)
Piacevolezza 
 
4.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Malcolm 2013-05-26 17:43:21 gracy
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
gracy Opinione inserita da gracy    26 Mag, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un posto in panchina anche per me!

Seduto con le mani in mano sopra una panchina ad aspettare il padre misteriosamente scomparso, Malcolm ci proietta in un fantastico mondo fatto di eventi strani, inciuci bislacchi e dialoghi quasi metafisici. L’incontro con l’astrologo Mr Fox, col nanetto Kermit, con un gestore di pompe funebri, con un ex-galeotto, con i coniugi Gerard, con Melba e tutti gli altri personaggi quasi circensi, ridicoli, rapaci e buffi sembra quasi mettere in scena la metafora della ricerca della purezza, dell’autenticità dei sentimenti, della fragilità dei comportamenti nei rapporti interpersonali, utilizzando l’arma della seduzione e del convincimento su basi surreali.

Malcolm è troppo giovane, conosce poco la vita è praticamente inesperto, quindi è un puro, è un ragazzo autentico, solitario, ingenuo e davvero bello fisicamente. E’ una creatura perfetta, quindi è una preda appetibile che tutti vogliono come figlio, come amante, come amico, come compagno, come marito.

Chi non è attratto dalla semplicità e dalla purezza? Chi non può resistere di fronte all’innocenza e alla bellezza?
E’ difficile sottrarsi alla perfezione e a ciò che davvero fa piacere avere accanto.
Gli uomini cercano queste qualità, la bellezza profonda, intesa in senso lato e in senso stretto, perchè è quello che mette armonia, quello che da pienezza e soddisfazione perché rappresenta anche il vuoto che è più facile plasmare a proprio piacimento.
Fino a che punto Malcolm partecipa a queste condizioni di appartenenza? Fino a dove si spinge la sua volontà e la sua acerba personalità? Fino a che punto Malcolm si proietta verso la società che lo svezza per affrontare il futuro?
…..Ma Malcolm è cresciuto veramente?

“Vede, la mia difficoltà è che non riesco ad avere nessuna opinione di me stesso. Mi sembra quasi di non esistere.”

Con Malcolm, James Purdy ha creato una recita teatrale, un burlesque che ha tinte sbiadite, grottesche e divertenti, ma a chiusura del libro ti aspetta al varco e sembra che da una panchina ti osserva facendoti un ghigno, come per dirti “Caro lettore non te lo immaginavi, è qui che ti aspettavo!”

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
"Il nipote" dello stesso autore ha un altro spessore.
Trovi utile questa opinione? 
340
Segnala questa recensione ad un moderatore
Malcolm 2013-02-13 15:33:54 Mario Inisi
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Mario Inisi Opinione inserita da Mario Inisi    13 Febbraio, 2013
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Cosa offre il destino

Ecco un libro sconclusionato come piace a me. Apparentemente sconclusionato. In realtà la lettura a un livello superficiale è piacevole e leggera ma il libro è difficile per chi volesse penetrare oltre il velo della storia. E' pieno di simboli e di figure simboliche che richiederebbero uno studio approfondito. Un ragazzo di 14 anni, Malcolm, aspetta ogni giorno il ritorno di suo padre, misteriosamente scomparso, seduto su una panchina dorata di un albergo di lusso. La panchina rappresenta la giovinezza e l'attesa del futuro. L'incertezza e quel momento della vita in cui tutte le vie sembrano percorribili, in cui si tagliano i legami con l'infanzia e la famiglia (l'albergo) ma non si sa cosa potrà succedere. Le possibilità sembrano in mano a Mr. Cox, l'astrologo (il destino) l'uomo che si incarica di portare al ragazzo gli indirizzi di varie persone e di cui tutti parlano male. Le persone che Malcom incontra sono figure simboliche, simili a divinità olimpiche; tutte si comportano in modo teatrale e fuori le righe, e rappresentano i pilastri della società, le cose a cui, in genere, si dà importanza. Per es Girard Girard potrebbe personificare il potere e il denaro, sua moglie la Letteratura o l'Immortalità dell'Arte, Eloisa l'arte al soldo della religione oltre che guastata dalla religione (il marito ex galeotto rappresenta la religione), il nano l'arte non guastata dalla religione (ma minore, quindi nana) e così via, Melba forse è la vita o la natura. Alla fine Malcolm, sedotto e abbandonato dalla vita, la più terribile tra le divinità, viene assistito (e salvato in qualche modo o forse no) da Madame Girard. Forse viene reso immortale dal diario che stava scrivendo e che Madame Girard conserva e rilegge. Malcolm è un bel personaggio, limpido, puro, un ragazzo che fino alla fine chiama le cose con il loro nome senza capire il significato di molti nomi. Non si lascia sedurre dal potere, dal denaro, dall'arte, dalla fama. Queste categorie sembrano essere loro ad avere bisogno di lui per essere riconosciute. Nemmeno in punto di morte, ormai abbandonato e tradito da Melba, rinnega la vita, e nemmeno in punto di morte riconosce madame Girard. Curioso il fatto che i valori per "aver valore" devono essere riconosciuti come tali da Malcolm. Il libro è bello ma non facile. Sarebbe necessario un aiuto dell'editore per capirlo meglio, magari anche un approfondimento sulla vita dell'autore di cui voglio leggere tutto quello che trovo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Una banda di idioti, I fiori blu
Trovi utile questa opinione? 
140
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ultimo conclave
Valutazione Utenti
 
1.3 (1)
Una morte onorevole
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
You like it darker. Salto nel buio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Eredi Piedivico e famiglia
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Renegades. Verità svelate
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Ricordatemi come vi pare
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La donna che fugge
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
T
T
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
I giorni di Vetro
Valutazione Utenti
 
4.8 (3)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Giorno di vacanza
Génie la matta
Mattino e sera
L'anno che bruciammo i fantasmi
T
Il mondo invisibile
Moriremo tutti, ma non oggi
L'estate in cui mia madre ebbe gli occhi verdi
Una primavera troppo lunga
La vedova
Il bambino e il cane
Giù nel cieco mondo
Il mantello dell'invisibilità
Lunedì ci ameranno
Se solo tu mi toccassi il cuore
La salita verso casa