Porno Porno

Porno

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Tornato a Edimburgo con innumerevoli «ideone» per arricchirsi, Sick Boy decide di girare un film porno, col quale – ne è convinto – farà soldi a palate, e ricorre a un gruppo di allegri erotomani capeggiato dalla macchina del sesso «Gas» Terry. Il suo progetto fa un salto di qualità quando nella compagnia entra Nikki Fuller-Smith, splendida studentessa avida di esperienze e priva di inibizioni, che si mantiene lavorando in una sauna. E Renton? Si nasconde ancora ad Amsterdam, dove convive con una ragazza tedesca e gestisce un club, ma ben presto verrà scovato da Sick Boy, e allora le cose ricominceranno a correre a un ritmo indiavolato.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0  (2)
Contenuto 
 
3.0  (2)
Piacevolezza 
 
3.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Porno 2015-10-27 01:41:17 Doppia Dee
Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
2.0
Opinione inserita da Doppia Dee    27 Ottobre, 2015

"Sei stato bravo ma potevi dare di più"

Beh, scrivere un sequel è sempre complesso.
Ho atteso tanto l'arrivo di questo libro. Dopo aver letteralmente divorato Trainspotting nel giro di pochi giorni, non ho resistito: ho subito ordinato Porno e ho aspettato ogni mattina sulla porta di casa (in stile super fedele pastore tedesco) l'arrivo del corriere con il mio piccolo tesoro. Un tesoro sì, ma con qualche patacca.
Sick Boy, Renton, Spud, Franco e Dianne, protagonisti del romanzo esordio del grande Welsh, ritornano in questo "sequel" dopo 9 lunghi anni e con un nuovo ambizioso progetto: lanciarsi nel mondo del porno, inteso non tanto come dozzinale prodotto multimediale, ma come vera e propria forma d'arte. Sarebbe inutile, dunque, prolungarsi ancora sulla trama del romanzo, problema è però, che pur volendo tentare il contrario, l'operazione risulterebbe alquanto difficile. Tutta l'opera infatti, ruota intorno alla produzione di questo film, dall'idea iniziale e il suo esordio, fino alla realizzazione, con lunghe descrizioni tutto sommato poco funzionali alla narrazione vera e propria. E forse, ancor più del film, ad essere analizzato fin nei minimi dettagli con precisione da sala operatoria, è il tentativo (disperato) di scalata sociale da parte dell'ambizioso ex Sick Boy, ormai divenuto un più borghese e ridondante Simon David Williamson.
Intendiamoci, Porno tutto sommato mi è piaciuto, è un romanzo che ogni lettore conquistato e appassionato dalle storie di dipendenza e cinismo di Trainspotting dovrebbe leggere, anche soltanto per vedere che fine fanno i personaggi a cui si è sentito tanto legato. Il problema però è che in questa seconda parte manca quasi del tutto la forza emotiva, l'intensità psicologica e il senso di partecipazione che sono elementi essenziali del suo predecessore. Sarà forse il fatto che in questo caso il ruolo di protagonista principale è affidato proprio a Simon-Sick Boy, il cui cinismo infinito rende del tutto impossibile ogni forma di empatia con le sue “disavventure”. Anche gli altri personaggi sembrano non innalzarsi più di tanto durante la narrazione, quanto piuttosto appiattirsi sempre di più man mano che ci si avvicina al finale (sopratutto la figura di Nikki verso cui, fin dall'inizio, non ho provato alcun tipo di emozione). Persino Renton, personaggio così complesso e poliedrico, capace di suscitare sensazioni ed emozioni contrastanti in poche righe nel primo romanzo, sembra appiattirsi e "banalizzarsi". Solo a Spud è lasciato un pò più di spazio di espressione anche se troppo poco in questo caso, rimanendo comunque un personaggio secondario.
Credo che fosse normale aspettarsi un cambiamento nei personaggi. Se dopo 9 anni non cambiasse nulla nella vita e nelle prospettive di un uomo, specialmente nella fase così delicata dei 35-40 anni, la situazione risulterebbe non solo parecchio noiosa ma anche del tutto irreale. Il fatto è che a Porno manca del tutto la dinamicità, la coralità e la "ruvida dolcezza" di Trainspotting, come se Welsh fosse stato schiacciato dal peso di confrontarsi, dopo 9 anni reali (Trainspotting è stato scritto nel 93, Porno nel 2002) con dei personaggi ormai divenuti molto popolari ma soprattutto molto amati dal pubblico. E credo che la conferma di questo stia proprio nel finale, la parte che forse più mi ha deluso e in cui ho visto un picco del processo di "banalizzazione".
Un libro da leggere ma non con tante aspettative.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Trainspotting dello stesso autore.
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
Porno 2014-07-01 14:46:20 Donnie*Darko
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Donnie*Darko Opinione inserita da Donnie*Darko    01 Luglio, 2014
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Scottish porno

Torna lo scalmanato, nonchè tossico e alcolico, gruppetto di nevrotici che incendiò a suo tempo le pagine dell'instant cult "Trainspotting".
Edimburgo è nuovamente l'habitat grigio delle occasioni perdute in cui i nostri vivacchiano alla meno peggio, questa volta a fare da trait d'union tra le varie storie personali, inevitabilmente convergenti in un esplosivo finale, è Sick Boy, sempre più aderente alla voce "fallito" eppure pieno di idee strampalate e al limite del possibile: in ultimo quella di lanciarsi nell'industria del porno e finalmente svoltare rimpinguando il decrepito conto in banca.
I personaggi si raccontano e Welsh ne coglie bene l'aspetto di perdenti in continua lotta con il mondo circostante, molestati dai fantasmi di un passato non certo all'acqua di rose.
A seconda di chi racconta lo stile narrativo muta, divenendo ora zoppicante, ora scorrevole, ora greve, ora acuto; un po' come accadeva in "Colla" e non è un caso che alcuni dei personaggi di quel romanzo si miscelino alle vecchie conoscenze glorificate anche nel film di Danny Boyle.
Il tutto per uno spaccato urbano al solito sordido, in cui Spud continua ad essere perso nella sua dipendenza dalle droghe e Begbie nella sua violenza incontrollata e mostruosa, mentre Renton, fuggito ad Amsterdam e bollato come traditore, rientra in città per saldare i vecchi conti pur intuendo il mare di guai che lo attende al varco.
Welsh è meno concentrato questa volta sulla critica sociale, eleva l'amicizia come valore insindacabile pur dando forma al proprio pensiero secondo un approccio grottesco e spesso amorale. Deride l'effimera forza del denaro denotando come la bramosia sia spesso all'origine di ogni male. Allo stesso tempo non calca la mano, resta sul lieve e sul divertito pur non dimenticando la propria inclinazione al politicamente scorretto, ben inquadrato nel tema a luci rosse che funge da motore per la corale vicenda.
Il dissoluto e tanto osteggiato porno così diventa sistema di riscatto seguendo una provocatoria logica, ben mirata a colpire il cuore della Scozia più puritana.
Il mix di sfumature è in perfetto bilico sul filo del tragicomico rafforzato da un linguaggio spesso molto colorito. Welsh è noto per non aver peli sulla lingua e in questo caso, stimolato dal pruriginoso tema, sembra divertirsi un sacco a scandalizzare a più riprese pur risultando più tollerabile e meno oltraggioso rispetto ad altri suoi romanzi.
Tra le new entry abbaglia la studentessa-massaggiatrice ed aspirante pornostar Nikki, sicuramente uno dei migliori personaggi scaturiti dalla penna del folle Irvine.
Peccato per qualche passaggio fine a se stesso e a qualche momento prolisso, nel complesso però diverte.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
220
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tre gocce d'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il rogo della Repubblica
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dove le ragioni finiscono
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
L'inverno dei Leoni. La saga dei Florio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Yoga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)
Il grido della rosa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri