Narrativa straniera Romanzi Scarpe italiane
 

Scarpe italiane Scarpe italiane

Scarpe italiane

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Fredrik Welin, ex-chirurgo, si ritira in una piccola isola al largo della costa orientale della Svezia. C'è un mistero nella sua vita, qualcosa, che lui definisce "la catastrofe", l'ha spinto a cercare la solitudine e a creare una barriera tra sé e il mondo. Ma un mattino, quasi un miraggio, lo raggiunge una donna amata in gioventù che lui abbandonò senza averle mai dato una spiegazione. E' Harriet: ora è malata e vuole che Fredrik mantenga una sua antica promessa.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 8

Voto medio 
 
3.7
Stile 
 
3.8  (8)
Contenuto 
 
3.5  (8)
Piacevolezza 
 
3.8  (8)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Scarpe italiane 2014-05-22 21:48:46 Ewa
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da Ewa    22 Mag, 2014

ho pianto

Ho appena finito di leggere il libro e sono rimasta piacevolmente sorpresa. Finora i libri di Mankell che ho letto erano gialli o comunque con una trama sensazionale. Questo è diverso, è un libro profondo che parla di vita, della morte, di vecchiaia. Parla di uomini cosi come sono, pieni di difetti, falliti, feriti dalla vita, solitari. Forse mi ha colpito così perchè sono coetanea del protagonista e i suoi problemi mi toccano da vicino. Nella nostra vita arriverà presto il momento della resa dei conti e leggere il libro ci aiuta a conoscere la morte e farsela amica, ci insegna la solitudine, la sofferenza.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
Scarpe italiane 2013-06-09 09:28:30 paola melegari
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
paola melegari Opinione inserita da paola melegari    09 Giugno, 2013
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

chi salva 100 vite, si condanna per non averne sal

Interessante. così mi sento di definire questo romanzo di vita vissuta, vita vera, satura di sensi di colpa, di dolore e di espiazione di colpe.
Si parla di un ex medico, anche se i medici non possono mai diventare ex, il giuramento di Ippocrate li rende vocati ad esserlo per sempre; un paziente è morto per sua responsabilità, e lui non se lo perdona.
Bella la sua scelta, forse anche a me piacerebbe provare a vivere sola su un'isola, con un cane ed gatto, fare immersioni nell'acqua gelata.....
Il protagonista, non si rende conto che la sua chiusura non è il modo giusto per riparare al suo errore. La sua autopunizione è recidiva, già si era negato una vita con la donna che amava. Sarà il destino a suggerirgli che il mondo, le persone hanno ancora bisogno di lui, e lui saprà aiutare chiedere perdono e soprattutto perdonare se stesso.
E' una storia insolita, raccontata molto bene, ricca di valori e significati.
La riprova che non esiste un'età per rimettersi in discussione, per aiutare gli altri, combattere per qualcosa di importante, che la nostra crescita personale è in continua evoluzione, e che tutti DOBBIAMO avere una seconda possibilità.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
non so paragonare questo libro ad un'altra lettura
però molto consigliata questa lettura
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore
Scarpe italiane 2013-02-02 22:49:22 mariaangela
Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
3.0
mariaangela Opinione inserita da mariaangela    03 Febbraio, 2013
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Siamo arrivati fino a qui.

Sento freddo, tanto freddo. Vedo ghiaccio, tanto ghiaccio. E sento la solitudine. La sento nell'anima e la vedo con lo sguardo se mi guardo intorno. Perché in tutto questo ghiaccio e neve c'è una sola casa. La mia. E c'è una sola persona: io.

“Nella mia vita ho visto molte persone piangere. Quando ero ancora un medico, ho incontrato persone moribonde e altre costrette ad accettare che qualcuno a cui volevano bene era stato colpito da una malattia incurabile. Ma nessuna di quelle lacrime ha mai emanato un odore che ricordasse quello delle lacrime di mia madre.”

Sono cauta nella lettura. Non so cosa aspettarmi da Fredrik Welin, tutto è raccontato in modo così casuale. Ma mi sembra troppo casuale. La prima forte impressione che quest'uomo mi fa è quando leggo “d'improvviso provai il desiderio di chiudere la porta e gettare la chiave. Con il tempo Harriet sarebbe diventata parte del formicaio.”

Il libro è un lungo racconto di ciò che quest'uomo vede e pensa; i suoi pensieri sono il fulcro della narrazione. Il ritmo è inizialmente incalzante, poi tende a rallentare, sembra quasi scritto da due mani diverse o in due tempi diversi; i dialoghi sono lunghi e lo scenario è sempre molto circoscritto; tende forse un po' a cadere l'attenzione, ma vuoi sapere di più, vuoi conoscerli tutti i suoi pensieri.

“Non sono venuta qui per accusarti, ma per chiederti di mantenere una promessa... Voglio che mi porti lassù. … Voglio vederlo. Anche se è coperto di ghiaccio e neve. Per sapere se è vero. ..Voglio che tu mantenga la tua promessa. La vita è navigare con una piccola barca in un flusso di promesse che muta di continuo, senza mai arrestarsi. Quante di queste promesse ricordiamo? Dimentichiamo quelle che vogliamo tenere a mente e ricordiamo quelle delle quali preferiamo liberarci. Le promesse tradite sono come ombre che danzano in cerchio nel crepuscolo. Più invecchiamo, più riusciamo a vederle chiaramente. ...”

“Siamo arrivati fino a qui. Non oltre. Ma fino a qui.”

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
Scarpe italiane 2012-08-21 16:34:56 ant
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
ant Opinione inserita da ant    21 Agosto, 2012
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ritorno al passato

Quello che stupisce e incuriosisce da subito, e quindi cattura l'attenzione e l'emozione dei lettori :è l'ambientazione di questo romanzo.
In un paesaggio che più nordico non si può, ghiaccio dappertutto e "la solitudine interrotta dalle visite del postino che arriva a giorni fissi in hydrocopter", Menkell imbastisce un testo che è imperniato sui rimorsi di coscienza e sulla possibilità di rimediare ad errori compiuti in passato.
Il protagonista del libro è un ex chirurgo Fredrik, attorno al quale ruotano personaggi(tipo Harriet la sua ex ragazza e Agnes sua ex paziente) allo stesso tempo molto importanti x recepire il messaggio intrinseco che ci arriva dall'opera: il riscatto e la capacità di poter vivere in pace con se stessi dopo aver commesso errori. Libro molto introspettivo con risvolti anche x gli amanti del giallo

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
libri con introspezioni sia nella vita privata che nell'animo dei protagonisti
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
Scarpe italiane 2012-02-05 21:22:40 Pupottina
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Pupottina Opinione inserita da Pupottina    05 Febbraio, 2012
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

scarpe italiane

ecco che arriva la mia recensione che, però, vi avverto, non sarà molto positiva, forse soltanto perché ho scelto il periodo sbagliato per leggerlo. Secondo me, ogni libro cambia e piace o non piace in base al periodo o allo stato d'animo con cui lo si legge. Mankell è un grande scrittore di gialli e questo lo possiamo definire un giallo sentimentale ed esistenziale. Il meccanismo con cui si snoda la storia segue la stessa tecnica del giallo, sviluppando lentamente gli eventi e passando dalla descrizione di un'abitudine alla spiegazione del perché il protagonista, l'anziano chirurgo in pensione Fredrik Melin. Come nelle indagini dell'altro suo personaggio il commissario di polizia svedese Kurt Wallander, anche qui in questo giallo sentimentale la storia va svelata attraverso fasi progressive in cui viene svelata la vicenda che ha non poche sorprese, imprevisti o morti annunciate, vicende di contorno egualmente drammatiche e strazianti. E' comunque un libro che parla soprattutto d'amore e riflette e fa riflettere sui complicati meccanismi che l'amore scatena nelle persone e le porta a soffrire, a volte, per un'esistenza intera.
Non poteva mancare questo libro in un blog che studia l'amore e tutti i suoi effetti, le complicazioni, le sofferenze e il tormento, ma anche i momenti felici.
In questo drammatico memoriale sull'amore, Fredrik scoprirà molte cose che la vita aveva avuto in serbo per lui senza che lui ne sapesse niente e questo perché era fuggito da ciò che lo rendeva felice o da ciò che l'aveva turbato ed aveva scelto l'isolamento volontario per dodici anni.
L'amore, la malattia senza cura, la morte certa e il suicidio sono tutti elementi di questo libro, esattamente come l'amore, che attraversa la vita di ognuno dei personaggi alla ricerca di una felicità che non si ricostruisce mai definitivamente.
Preferisco i libri a lieto fine, ma non nego che anche questo mi sia piaciuto e mi abbia insegnato e trasmesso qualcosa di importante (più di altri che ho letto in passato): bisogna non fuggire e vivere la felicità, finché ci è concessa, anche se, credo, bisognerebbe riconoscerla nella miriade di eventi che ci coinvolge ogni giorno e di cui non sempre rintracciamo gli indizi.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
21
Segnala questa recensione ad un moderatore
Scarpe italiane 2009-08-08 21:14:01 marco70
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Opinione inserita da marco70    08 Agosto, 2009

scarpe italiane

Mankell oltre ad essere un bravo scrittore è anche un uomo coraggioso :invece di riscrivere per l'ennesima volta la serie che gli ha dato successo ,cambia registro e scrive un romanzo d'amore sui generis che ha come protagonisti un chirurgo in fuga dal mondo e una malata terminale.La qualità della scrittura è eccellente,alcune pagine(il salvataggio dell'uomo,la festa sull'isola)sono veramente notevoli.Da non consigliare a coloro che identificano romanzi rosa e romanzi d'amore.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
A chi ama i romanzi d'amore purchè non siano banali o sdolcinati
Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
Scarpe italiane 2008-12-17 13:02:46 micehle
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da micehle    17 Dicembre, 2008

scarpe spaiate

La solitudine non uccide chi la sceglie ma chi subisce il fascino.

Espiare una colpa, tutti abbiamo una colpa da espiare. un errore commesso una dimenticanza. Ma dovremmo continuare a vivere con gli altri, fuggire non serve. La rabbia ti viene contro e ti abbraccia silenziosamente come la morte.

Lo scrittore rappresenta la solitudine nel suo fascino più intenso e ammaliante. E' nel rapporto con la figlia da cui non può sottrarsi da cui non ha scampo che il silenzio sordo della solitudine viene rotto dal dolore. Stare soli per non dover soffrire, lasciare che il tempo scivoli dentro un formicaio o dentro un buco, come una ruota inesorabile ritorna la vita e nella più classica delle canzoni: basta un paio di scarpe nuove e la vita è meno amara.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Per chi ha già letto il libro, può essere consolante saper vivere isolati e fuori dal mondo. Una scelta che molti vorrebbereo fare in questi momenti di solitudine quasi ricercata e dove ogni scusa è buona per non fare regali di Natale. Chi fa una scelta di vivere da soli non dovrebbe coinvolgere altri, la solitudine uccide. Fanno bene le ragazze di Agnes a preferire l'asfalto alla solitaria Isola.
Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
Scarpe italiane 2008-04-28 11:01:11 Mara
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mara Opinione inserita da Mara    28 Aprile, 2008
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Scarpe italiane

Fredrik Welin è il protagonista di questo romanzo. Un uomo schivo e solitario, che ha trovato rifugio in una sperduta isola svedese, dopo aver interrotto la sua carriera medica. E' un uomo che per ricordare a se stesso di essere vivo, e forse anche per punirsi, scava ogni mattina un foro nel ghiaccio e si immerge nelle acque gelide. L'arrivo di Harriet, una donna che aveva amato in gioventù e abbandonato senza spiegazioni, sconvolge la sua vita. A trentasette anni dalla loro separazione, lei vuole che Welin mantenga un'antica promessa. Inizia così un viaggio pieno di incontri sorprendenti, verità celate e insospettate. E' un romanzo d'amore poco romantico, avvincente come un giallo, incentrato sull’incapacità di riconoscere il valore dei sentimenti nel momento in cui li viviamo. Alla fine del libro Fredrik, sarà un uomo nuovo, capace di affrontare le proprie colpe, pagando il prezzo che c’è da pagare. Buona lettura:)

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
11
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Io e Mr Wilder
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il club Montecristo
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La città di vapore
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La donna gelata
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il libro delle case
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Piranesi
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il gioco delle ultime volte
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il silenzio
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Senza colpa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Orfeo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una rabbia semplice
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sembrava bellezza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri