Narrativa straniera Romanzi Una testa mozzata
 

Una testa mozzata Una testa mozzata

Una testa mozzata

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


L’amore secondo Irvine Welsh: una storia ambientata in un’anonima cittadina di una popolosa regione a nord di Edimburgo e raccontata in prima persona dai due protagonisti, Jason King e Jenni Cahill da Cowdenbeath, Fife centrale, Scozia. Lui, ventisei anni e poco più di un metro e mezzo d’altezza. Da un po’ però, a dare materia alle sue fantasie, sono le morbide forme della dolce Jenni Cahill. Cavallerizza di scarso talento, con una passione per Marilyn Manson e vaghe aspirazioni suicide, lei non sembra tuttavia troppo entusiasta di ricambiare le attenzioni. Ma si sa, le apparenze possono ingannare e al cuor non sempre si comanda.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 6

Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.8  (6)
Contenuto 
 
3.0  (6)
Piacevolezza 
 
4.2  (6)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Una testa mozzata 2014-05-12 09:20:22 Donnie*Darko
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
4.0
Donnie*Darko Opinione inserita da Donnie*Darko    12 Mag, 2014
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Welsh dalle polveri un po' bagnate

Meno rabbioso, scurrile e squilibrato del solito. Non c'è ombra dell'irriverenza di "Tolleranza zero" o Porno", neppure della ferocia e del malessere di "Trainspotting" o "Il lercio", anche l'ironia in stile "Colla" (sempre con uno sguardo ficcante sul sociale) pare stemperata.
L'autore scozzese sembra un po' in vacanza nell'occasione, narra di una storia d'amore e riscatto, ovviamente a suo pittoresco modo, ambientata in un sobborgo di Edimburgo tra un fantino fallito e una danarosa ragazzetta.
Sempre piacevole il differente approccio di scrittura a seconda di chi narra i fatti, con alcuni passaggi (come quello del sermone) a dir poco esilaranti. La storia però stenta ad in ingranare, soprattutto se paragonata al delirante mondo, soprattutto proletario, che Welsh riesce regolarmente ad inquadrare con sguardo lucido e disincantato. Non c'è la solita cupezza, mista ironia e cinismo. E' più un divertissment scorrevole con isolati lampi creativi.
Nel complesso piacevole, anche se minore.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore

Una testa mozzata 2014-01-02 17:48:47 Gianluca Pepe
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Gianluca Pepe Opinione inserita da Gianluca Pepe    02 Gennaio, 2014
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una lettura atipica

La penna di Irvine Welsh sforna un altro libro interessante. Lo scrittore scozzese si affida ad una trama piuttosto semplice, che ruota attorno a due personaggi autodiegetici: Jason King e Jenni Cahill, i quali descrivono in prima persona le loro vite poco esaltanti. Il primo, 26enne dalla statura eccessivamente minuta, è dedito a lavori di poco conto e talvolta umilianti. La protagonista femminile è una cavallerizza di scarso talento che prova repulsione nei confronti di Jason.

Tra colpi di scena e situazioni paradossali, l'alcolista King e la bella Cahill vedono le loro storie unirsi a poco a poco. Perché l'autore, con grande sapienza narrativa, trasporta il lettore verso un finale divertente intrecciando magnificamente idee ed azioni dei due protagonisti. Lo stile narrativo, seppur denso di parolacce, è particolarmente scorrevole e permette di leggere il libro, di 245 pagine, anche tutto d'un fiato.

Come d'abitudine per i libri di Welsh, è presente una caterva di riferimenti espliciti al sesso. I tanti personaggi strampalati che popolano il libro, accomunati dalla voglia di evadere dalla monotonia della vita della piccola città, conferiscono la giusta dose di ironia ad un testo che critica sottilmente alcune abitudini della vita associata.

Una lettura sui generis, che rimarrà impressa al lettore. Nel bene o nel male.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Trainspotting
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
Una testa mozzata 2012-06-25 11:59:00 Andreij Karamazov
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da Andreij Karamazov    25 Giugno, 2012

Sorprendente

Lo stile è il suo, può piacere o non piacere, ma è il più adatto a descrivere situazioni disagiate di periferia..
Sorprende la dolcezza che si nasconde nell'animo di Jason King, ragazzo cresciuto tra alcool e botte. Dolcezza capace di far nascere una bellissima storia tra i due protagonisti.
Io comunque sono di parte, troppo appassionato a questo crudo realismo che contraddistingue la sua prosa!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore
Una testa mozzata 2010-04-24 18:40:25 andrea70
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
andrea70 Opinione inserita da andrea70    24 Aprile, 2010
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Per molti ma non per tutti...

Periferia di Edimburgo, un giovane non più tanto giovane , sfaccendato insoddisfatto di se stesso, dei soliti lavoretti precari e dei rapporti con l'altro sesso, complici un aspetto non proprio da Apollo e un approccio decisamente maldestro e volgarotto.
Una giovane ragazza depressa con manie suicide che non ha il coraggio di liberarsi dalla vita che gli altri le hanno cucito addosso per vivere la propria.
Fino a quando non si incontrano e come si dice : l'unione fa la forza.
Una coppia improbabile che però si completa ed insieme troveranno il modo di fuggire da quella piccola e meschina realtà provinciale che li soffoca per andare a vivere lontano , non la vita stelle e luci che si sogna da ragazzini ma almeno la loro vita, quella che si sono scelti e per la quale lottano ogni giorno.
Intendiamoci: siamo lontani anni luce dalla riuscitissima parabola della vita di Trainspotting ma Welsh strappa comunque qualche risata e ha qualche sprazzo buono dei suoi, certo non è una lettura per tutti perchè l'autore è probabilmente molto realistico nel creare i personaggi e di conseguenza parecchio "colorito" nel linguaggio e nel creare situazioni quasi paradossali un pò sopra le righe.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
Una testa mozzata 2009-10-07 10:55:47 Gnappo
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Opinione inserita da Gnappo    07 Ottobre, 2009

Un racconto piacevole

Niente a che vedere con quel capolavoro assoluto di Trainspotting. Il romanzo stenta un po' a decollare, descrivendo la situazione monotona e senza acuti di due ragazzi di provincia, che non hanno niente da fare se non trascinarsi e sopravvivere al grigiore della vita nel Fife. Ma poi in effetti Welsh decolla, e a sprazzi ritroviamo il talento di un narratore capace di inventarsi situazioni estremamente paradossali e colpi di scena. L'idea del doppio narratore, non originale, è comunque ben realizzata e dà alla storia una piacevole dinamicità. Alla fine, ripeto pur non riuscendo mai a raggiungere le vette di Trainspotting, ne viene fuori un racconto interessante e piacevole.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
Una testa mozzata 2008-12-18 13:42:20 intruppone23
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
intruppone23 Opinione inserita da intruppone23    18 Dicembre, 2008
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

il fantino e la bellona

divertente, scorrevole, emozionante.
welsh cambia genere, e si sposta dalle storie che l'hanno reso famoso a qualcosa di più classico: una storia d'amore.
ma lui è welsh, e la storia d'amore non può essere meno classica di così.
pungente e beffarda, fa sorridere fino alla fine, con una volgarità che spesso non si addice ad una storia d'amore.

ma welsh è così,la sua scrittura è sempre la stessa, ricca di metafore e fantasticamente esplicita.
cambia genere e scrive un piacevolissimo libro che troverà fan non solo negli irvine-addicted...

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
a chi piacciono storie d'amore che escono dai classici canoni
Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ultima canzone del Naviglio
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Uomini di poca fede
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Violette di marzo
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quanto blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Le peggiori paure
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Le confessioni di Frannie Langton
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una donna normale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La signora del martedì
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nero come la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il bambino nascosto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Gli informatori
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La ricamatrice di Winchester
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri