Dettagli Recensione

 
Il carnevale dei delitti
 
Il carnevale dei delitti 2013-10-17 14:23:19 Fonta
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Fonta Opinione inserita da Fonta    17 Ottobre, 2013
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

LE MASCHERE DELLA PSICHE UMANA

Il commissario Giordàn è un personaggio meditabondo, che ama riflettere e pescare e spesso le due cose conciliano, portandolo a ragionare ed a risolvere casi intricati, gomitoli intrecciati che le teorie del commissario riescono a sbrogliare nei suoi momenti di relax.

Gabriella è la nipote di Giordàn, una liceale curiosa e studiosa, amante della musica. Ma è prorpio la curiosità e la venerazione per lo zio che la porteranno ad affiancarlo, supportandolo con brillanti deduzioni in un'indagine di omicidi seriali.

Una mente squilibrata, unita ad un braccio armato si aggira per la penisola italiana portando morte e scompiglio: la sua firma è una maschera, anzi più maschere, che celano i volti delle vittime, riportando un filo conduttore che parte dalle rive del Lago di Como, territorio sotto la tutela del commissario Giordàn, arrivando fino al centro Italia.

Ma, cosa lega una ricercatrice, una studentessa, una donna dedita a scambi di coppia ed una signora dedita ai festeggiamenti del Carnevale di Venezia? In apparenza solo la morte ed il viso mascherato.

Un giallo ben architettato, che bada più ai meccanismi reconditi della mente umana più che ai risvolti d'effetto ed ai colpi di scena, non è infatti difficile capire l'assassino già da metà del libro ma, credo sia una cosa voluta dall'autore che invece si sofferma su interessanti spunti psicologici del killer.

Un libro piacevole e scorrevole, che l'autore imperla con un linguaggio ricercato ma, semplice e comprensivo, anche se, a mio modesto avviso poco realistico in alcune conversazioni (lavoro con gli adolescenti e non ne conosco uno che usa un linguaggio forbito come quello di Gabriella...).

Sono un'amante del giallo che tiene sulle spine, che svela l'assassino solo nelle ultime pagine o che ribalta sorti e destini ad ogni capitolo. Ma ho trovato comunque molto interessante quest'ottica dell'assassinio visto con gli occhi del killer (che avevo già apprezzato in autori come Donato Carrisi).

Molto belle ed artistiche le descrizioni del paesaggio comasco, in alcuni momenti l'autore riesce a trasportarci con il commissario Giordàn nei luoghi lacustri che circondano l'omonimo lago! Incantevole!!!

Bravo a Bruno Elpis, attendiamo il seguito.

Buona lettura!!!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
240
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

4 risultati - visualizzati 1 - 4
Ordina 
Michele, bravo a te per il commento che mi hai regalato. Davvero una splendida sorpresa!
Devo confessarti che quella sul linguaggio "forbito" di Gabriella è una delle critiche che più frequentemente mi è stata rivolta. A me piace pensare che ci sia qualche ragazzo/a non omologato... Anche se sento - in treno e non solo lì - come si esprimono i ragazzi... so che il loro linguaggio è lontano da quello che ho adottato per Gabriella.
Nel séquel ho cercato di moderare quest a caratteristica... chissà se ci sono riuscito.
Dammi il tempo di organizzare il consueto sipario sul mio sito per il tuo commento...
Intanto ti abbraccio,

Bruno
In risposta ad un precedente commento
Fonta
18 Ottobre, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Beh, ti confesso che il tuo libro era nella mia lista dei desideri già prima di avere la tua amicizia su Qlibri...e non ha affatto deluso le mie aspettative! Il linguaggio giovanile è un tema a me molto attuale, lavoro in un centro di aggregazione giovanile e la settimana scorsa ho dovuto "mediare" con la Giunta Comunale, perchè i ragazzi avevano postato in Facebook la locandina di un aperitivo "anal" che, a dir loro è era l'abbreviazione di analcolico =) d'altro canto è deprimente pensare che una Giunta debba aggrappassi ad un aoeritivo e discuterne in sedi ufficiali... =)
A quando l'uscita del secondo libro???
In risposta ad un precedente commento
Bruno Elpis
18 Ottobre, 2013
Ultimo aggiornamento:
18 Ottobre, 2013
Segnala questo commento ad un moderatore
Ah ah ah, l'aperitivo!
Interessante il tuo lavoro, vero?
La pubblicazione de "Il mistero dei massi avelli" è imminente, credo sia questione di giorni. D'altro canto la vicenda si sviluppa nell'atmosfera natalizia: una storia tra "demonio e santità" (con prevalenza del primo), sotto i fiocchi di nevi che ovattano le sponde del lago. :-)

Intanto, sei finito in home page di www.brunoelpis.it con le immagini delle maschere de "Le città invisibili", romanzo oggetto del mio commento odierno di qlibri
4 risultati - visualizzati 1 - 4

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Dove c'è fumo
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il settimo peccato
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
A bocce ferme
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La morte mi è vicina
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Sotto il falò
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La famiglia Aubrey
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sbirre
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
Le sorelle Donguri
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il purgatorio dell'angelo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.7 (3)
Corpus Christi
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ogni respiro
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ospite
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri