Dettagli Recensione

 
I fuochi di Atrani
 
I fuochi di Atrani 2013-12-15 06:25:05 Bruno Elpis
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    15 Dicembre, 2013
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Fuochi d'artificio sulla costiera amalfitana

Il “giallo” di Fiorella Franchini è ambientato nella costiera amalfitana, nell’antico borgo di Atrani (“Un piccolo presepe simile a Positano, ma meno colorato, meno allegro, che non mi costringeva ad essere per forza felice, e quando pioveva mi piaceva lo stesso”).
Il romanzo si apre con il misterioso omicidio di Barbara (“Professoressa napoletana uccisa ad Atrani. I carabinieri escludono che si tratti di suicidio”), avvenuto in occasione della festa della santa patrona (“Il rumore degli spari era stato confuso con gli scoppi dei fuochi d’artificio che dal tardo pomeriggio si erano susseguiti in paese per la festività di Santa Maria Maddalena”).
L’ex marito, l’editore Walter Alineri, viene raggiunto da una telefonata che lo informa dell’inspiegabile assassinio: Barbara è stata uccisa con due colpi di pistola nella casa atranese, che Walter non ha mai sentito come “sua”, perché ormai da un decennio vive separato dalla moglie.
Durante il funerale, l’editore viene avvicinato da una donna che gli rivela alcuni precedenti episodi intervenuti nella scuola ove Barbara insegnava (“Come se le avessi chiesto io di indicarmi le sue nemiche e temesse di dimenticarsene qualcuna”): trascorsi burrascosi che potrebbero in qualche modo gettare sospetti su persone ostili alla ex compagna (“Perché quella donna così addolorata aveva voluto dirmi che due colleghe di Barbara non l’avevano amata in vita e forse non ne piangevano la morte ora?”).
Ben presto gli inquirenti incolpano dell’omicidio un malavitoso trafficante d’arte e, in modo troppo sbrigativo, ritengono concluso “il caso”.
Walter – che ha un alibi inattaccabile per via della “coincidenza tra la serata in televisione e l’ora del delitto” - non crede a questa ricostruzione superficiale della vicenda e, in proprio, pur afflitto e contrastato dal ricordo della tormentata esperienza coniugale (“Capricciosa? Era una donna prepotente, che riteneva suo diritto prendere e lasciare ogni cosa a suo arbitrio”), dopo aver ricevuto una lettera anonima che contiene una sorta di indovinello, intraprende un’indagine privata per ricostruire dinamica e moventi del delitto.
I sospetti dell’investigatore improvvisato si orientano sia su Tiberio, il secondo marito di Barbara che ha un passato non proprio specchiato (“una paziente … l’aveva accusato di aver compiuto atti di libidine su di lei mentre era in stato d’ipnosi… coinvolto in una storia di falsi certificati medici… un violento…), sia su due colleghe della vittima.
Mentre l’editore-detective cerca di tirare le fila di una vicenda che ha il suo nucleo nella personalità capricciosa e scostante di Barbara (“con il carattere che aveva le inimicizie se le costruiva anche quando dormiva”), sulla scena si susseguono personaggi dal profilo variegato e riaffiorano relazioni intricate e torbide che si stagliano su paesaggi e tessuto sociale dei dintorni di Napoli.

La storia è intrigante, il romanzo è veloce e dialogato, lo stile è avvincente e intercala nelle pieghe della trama sia descrizioni di una delle più belle zone d’Italia, sia battute che ci ricordano la localizzazione dell’azione.

Di Fiorella Franchini, che recentemente ha collaborato con le edizioni Savarese per l’antologia di interviste Donna è Anima, ho letto anche “I fuggiaschi di Lokrum”: una storia ambientata nella ex Jugoslavia che ha per protagonisti la volontaria Mirella, un ufficiale delle forze italiane e la cronista Terry. I tre, con alcuni bambini, fuggono dal terribile attentato che ha colpito anche l’orfanotrofio e dopo mille peripezie – con l’aiuto di un contrabbandiere spagnolo e assistiti/inseguiti da un altro personaggio dall’identità ambigua - raggiungono l’Albania attraversando gli orrori e le violenze di uno dei peggiori conflitti dell’epoca contemporanea...

Bruno Elpis

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
... come dice la sinossi, i gialli di Fruttero & Lucentini
Trovi utile questa opinione? 
280
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

1 risultati - visualizzati 1 - 1
Ordina 
Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Una recensione che invoglia alla lettura.
Bruno ...una domanda: come mai anzichè inserire un'ulteriore recensione relativa a I fuggiaschi di Lokrum, ne hai dato un'anticipazione?...non era preferibile ?
Pia
1 risultati - visualizzati 1 - 1

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La casa delle luci
Valutazione Utenti
 
2.5 (1)
Bournville
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Brave ragazze, cattivo sangue
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Angélique
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita in tasca
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tasmania
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il lungo addio
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Un cuore nero inchiostro
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Oblio e perdono
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Respira
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una piccola pace
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Il male che gli uomini fanno
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Intrighi e morte sull'Adda
La casa delle luci
Giallo sulla Riviera del Corallo
Il male che gli uomini fanno
Quella notte a Valdez
Il liceo
Dalle nove a mezzanotte
Questioni di sangue
Cena di classe
La mala erba
Mille giorni che non vieni
Dolce vita, dolce morte
Il giallo di Villa Nebbia
Il giorno del sacrificio
Assassinio a Pedra Manna
Morte accidentale di un amministratore di condominio