Dettagli Recensione

 
Buchi nella sabbia
 
Buchi nella sabbia 2016-01-14 13:26:11 lapis
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
lapis Opinione inserita da lapis    14 Gennaio, 2016
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il piacere di una bella conversazione

Dopo "Odore di chiuso", ancora un giallo a sfondo storico per Malvaldi in cui l'autore si diverte a giocare con il contesto socio-politico di una Pisa di inizio Novecento, con il mondo dell'opera lirica e, soprattutto, come d'abitudine, con una serie di vivacissimi personaggi, divertenti e un filo sopra le righe. Il più riuscito? Sicuramente Ernesto Ragazzoni: giornalista della Stampa realmente esistito nonché poeta di rime surreali e pagine invisibili (o meglio, visibili solo nella sua mente, anche se presumibilmente un po' tremolanti per via degli effluvi alcoolici). Chiamato ad affiancare l’indagine, Ragazzoni sembra calzare davvero alla perfezione per un libro di Malvaldi: istrionico, bizzarro - con le sue pantofole e la cravatta di carta - e dalla mente fine.

Personalmente ho un debole per i gialli dalla struttura classica, che si aprono con l’elenco dei personaggi, da conoscere fin dalle prime pagine e tra cui immaginare il colpevole. Ad essere onesti però la trama legata alla linea investigativa in questo caso è piuttosto esile e il mistero si risolve di fatto in poche battute e qualche interrogatorio. Il tutto sembra più un pretesto per farci sedere davanti a un the e conversare con noi, raccontandoci d’altro (forse di quello che interessa davvero all’autore, chissà). Del mondo della lirica, con tante curiosità e aneddoti divertenti su compositori e costumi teatrali. Di un’Italia appena nata intorno a un regno incapace di unire se non ricorrendo al cannone. Di un’epoca che fu, in cui convivevano il codice cavalleresco e le tendenze anarchiche e rivoluzionarie. Tanti spunti, forse persino troppi.

A mio avviso questa confusione d’intenti non giova e toglie un po’ di spontaneità al romanzo: per essere un buon giallo servirebbe più ritmo e forse più mistero, così come per essere un romanzo storico servirebbe maggiore spessore nella caratterizzazione dei personaggi e nell’approfondimento delle vicende. Ciononostante, la lettura è gradevolissima: uno stile confidenziale ma ricercato, un lessico curato e non banale, una narrazione briosa e arguta. Il tutto condito con l’umorismo brillante e l’ironia che sono il marchio di fabbrica di Malvaldi.

Per questo lo consiglio, non sarà un capolavoro ma è un the in ottima compagnia.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Per inserire la tua opinione devi essere registrato.

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'orizzonte della notte
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Five survive
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Compleanno di sangue
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La prigione
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Day
Day
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Morte nel chiostro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Pesci piccoli
Valutazione Utenti
 
4.1 (4)
Cause innaturali
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Tutti i particolari in cronaca
Valutazione Utenti
 
3.9 (3)
Dare la vita
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'età fragile
Valutazione Utenti
 
3.2 (3)
Il rumore delle cose nuove
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

L'orizzonte della notte
Pesci piccoli
Omicidio fuori stagione
Tutti i particolari in cronaca
Il giudice Surra e altre indagini in Sicilia
La forma dei sogni
Riusciranno i nostri eroi a ritrovare l’amico misteriosamente scomparso in Sud America
Soledad. Un dicembre del commissario Ricciardi
Sua Eccellenza perde un pezzo
Il sale sulla ferita
L'educazione delle farfalle
Il cliente di riguardo
L'ultimo ospite
La morra cinese
Colpo grosso ai Frigoriferi Milanesi
Colpo di ritorno