Dettagli Recensione

 
La regola dell'equilibrio
 
La regola dell'equilibrio 2017-12-23 09:53:07 Antonella76
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Antonella76 Opinione inserita da Antonella76    23 Dicembre, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Sapore di casa...



Forse non dovrei più scrivere i commenti ai libri di Carofiglio.
Perché alla fine per me non è più importante la storia che mi racconta, lui mi fa stare bene a prescindere...è il mio porto sicuro, è consolazione, è il rassicurante odore di qualcosa di familiare.
Nei suoi libri mi sento comoda come nella vecchia tuta che uso in casa.
So già che troverò determinate cose, e sono ben felice di trovarle: Bari e le sue strade di notte, i suoi quartieri, un sacco da boxe appeso in salotto, citazioni letterarie, riferimenti musicali...
E poi l'avvocato Guido Guerrieri è un mio vecchio amore letterario, di volta in volta lo ritrovo sempre più maturo, più stropicciato dalla vita, con quella sua vena ironica e un po' malinconica che lo rende maledettamente affascinante.
Un uomo pieno di dubbi, un uomo che si è scottato tante volte e adesso preferisce stare sempre un passo indietro.
Cauto, riflessivo...ma ancora vivo, pieno d'amore e d'energia.
Sempre in perfetto equilibrio tra tecnicismo e sentimento, sottilmente ironico, elegante...Carofiglio è, per me, una garanzia: so di trovare in lui pensieri che mi appartengono, questioni etiche e morali che portano a riflettere senza appesantire.
Carofiglio parla di ciò che sa, di quello che conosce bene...la giurisprudenza, ma lo fa in un modo così bello, così naturale, da coinvolgere anche chi, come me, dell'universo giudiziario non sa niente di niente.
Ma lui conosce bene anche un'altra cosa...le parole: sa dare loro il giusto significato, il giusto peso, sa usarle, collocarle esattamente al loro posto.
E questo sapiente uso delle parole ti accompagna dolcemente verso ragionamenti, concetti, idee...ideali, che poi sono i veri protagonisti dei suoi libri.

L'eterno duello fra giusto e ingiusto...
Alla fine la regola dell'equilibrio, quello "morale", risiede unicamente nella percezione dei propri errori, della propria fallibilità: riconoscere di sbagliare, cadere e rialzarsi, o comunque cadere...e sapere di trovarsi a terra, averne la consapevolezza.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

1 risultati - visualizzati 1 - 1
Ordina 
Che bella recensione. Complimenti. concordo con la tesi il libro è bellissimo.
1 risultati - visualizzati 1 - 1

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Uomini di poca fede
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Violette di marzo
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quanto blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Le peggiori paure
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Le confessioni di Frannie Langton
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una donna normale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La signora del martedì
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nero come la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il bambino nascosto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Gli informatori
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La ricamatrice di Winchester
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
La legge del sognatore
Valutazione Utenti
 
3.3 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri