Dettagli Recensione

 
Il purgatorio dell'angelo
 
Il purgatorio dell'angelo 2018-07-09 14:05:50 FrancoAntonio
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
FrancoAntonio Opinione inserita da FrancoAntonio    09 Luglio, 2018
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Io confesso! Ti confesso!

Tempo di confessioni per il barone Luigi Alfredo Ricciardi di Malomonte, Commissario presso la Regia Questura di Napoli. Non solo perché il delitto di cui si deve occupare questa volta è quello relativo all'uccisione di padre Angelo, un gesuita da tutti ritenuto uomo di solidissima fede, di vasta cultura teologica ed un angelo in terra, che dedicava l’esistenza a confortare e, appunto, confessare i fedeli con passione e dedizione; ma soprattutto perché lui stesso è giunto ad un punto di non ritorno con Enrica. I due giovani, ormai, si vedono regolarmente, con la benedizione del cav. Colombo, il padre di lei. Tuttavia Ricciardi si sente in dovere di confessare il tormento che lo agita: il “fatto”, quell'esercito di morti violenti che continuamente lo ossessiona, quella “pazzia” che, egli crede, non gli consentirà una esistenza serena assieme ad Enrica.
Anche Maione si trova di fronte a nuovi tormenti. L’agente scelto Felice Vaccaro, nuovo ingresso in questura, assomiglia troppo al suo Luca, morto in servizio cinque anni prima, perché egli non ne rimanga turbato ed attratto. Poi c’è una serie di rapine incomprensibili, fatte, apparentemente, da dilettanti, ma sempre con tempistica perfetta, tale da sfuggire alle ronde predisposte per catturarli, tale da apparire uno sberleffo alla sua abilità di poliziotto.
Per tutti si preannunciano strazianti disinganni e faticosi recuperi di serenità.

Quando chiusi “Rondini d’inverno”, il volume che precede questo nella serie del Commissario Ricciardi, debbo confessare che ero visibilmente commosso. Raramente mi capita di farmi coinvolgere sino a quel punto. Tuttavia l’estemporanea battuta finale - quell'ultima frase (“Cavaliere, buonasera. Mi scuso per le circostanze, ma le chiedo il consenso di frequentare sua figlia Enrica”), pronunciata dal letto d’ospedale da Ricciardi, al culmine di un'acme di tensione - era stata una sferzata improvvisa e davvero toccante.
All'epoca la ritenni una chiusura idonea ed efficace per mettere un punto fermo alla serie. Un po’ come quando, nei film degli anni ’50, il regista glissava sul bacio finale tra i due innamorati carrellando sul mazzo di fiori o sulle fiamme del camino e lasciando proseguire la scena alla sola immaginazione dello spettatore, mentre scorrevano i titoli di coda. Sì, probabilmente io avrei calato il sipario sulla vita privata di Luigi Alfredo ed Enrica, lasciandoli soli, entro la riservatezza delle loro dimore immaginarie, a risolvere i problemi della loro complicata relazione che doveva restare solo loro. Per tessere una nuova trama gialla avrei probabilmente cercato qualche altro protagonista.
Perciò scoprire che De Giovanni aveva pubblicato un nuovo romanzo mi ha suscitato improvvisa meraviglia, ma anche tanta gioia: in fondo i lettori sono delle crudeli sanguisughe che non si contentano mai dei personaggi che amano e pretendono sempre di più da essi. Proprio per tale motivo perdonano anche quel continuo altalenare delle situazioni (come nella fattispecie) che fa tanto telenovela brasiliana.
Tanto premesso e perdonato, “Il purgatorio dell’Angelo” è un ottimo romanzo, perfettamente degno dei precedenti ed altrettanto godibile. Godibile nonostante che in esso l’ondata di onnipresente malinconia e tristezza permei ogni situazione, ogni avvenimento, senza tregua per il lettore. Non esistono accelerazioni nell'azione poliziesca, interludi comici o trasgressioni romantiche che diano un attimo di sollievo alla cappa di mestizia che sovrasta tutto, a dispetto del fulgido maggio in cui si svolge l’azione.
Anche i toni carichi dell’amore, quello tra Luigi ed Enrica, quello di Maione per Lucia ed il defunto figlio Luca, quello di Bianca per Luigi e per Carlo, sono offuscati da questa patina grigia che non dà speranze, ma solo pena.
La trama gialla è ben congegnata anche se non particolarmente arzigogolata. In fondo, però, come sempre ha tenuto a precisare l’A., i suoi romanzi non sono pensati per proporre un mistero poliziesco, bensì per scoprire ed analizzare sentimenti umani.
In quest’opera di sentimenti finiti sul tavolo settorio, come i cadaveri del dott. Modo, ce ne sono davvero parecchi.
Innanzi tutto c’è l’amore in tutte le sue sfaccettature: quello paterno e quello di un padre spirituale; quello di una madre che ha perso il figlio e quello di una madre che, accecata dall'affetto, non si rende conto di danneggiare e non favorire la figlia; quello passionale tra un uomo ed una donna che, talvolta, acceca e fa commettere idiozie; quello per Dio che a volte si tramuta pure in odio. Ma c’è anche l’amicizia, che può essere cattiva consigliera; la fede ed i suoi insondabili moventi; la vendetta ed il rancore.
Sono davvero tanti i sentimenti investigati ma, sempre, con grazia e poesia e con una delicatezza estrema.
Lo stile di De Giovanni è come al solito impeccabile; c’era da dubitarne? Tuttavia, con una certa sorpresa, ho notato che i primissimi capitoli sembrano ingranare la marcia giusta con una certa difficoltà. Ormai De Giovanni ci ha abituato alla perfezione e, quindi, non ci si contenta di nulla di meno. Perciò ci si stupisce a individuare qualche frase (pochissime invero, due o tre, al massimo) un po’ sciatta, una punteggiatura meno curata del solito, una costruzione sintattica un po’ farraginosa. Sembra quasi che il motore del romanzo abbia subito una ‘partenza a freddo’ che ha causato qualche “grattata” nelle prime battute.
Poi, però, si ritorna alla stessa splendida prosa ben nota a chi conosce l’A.. Tanto bella e raffinata che dispiace quasi che la trama ci induca inesorabilmente a proseguire sulla scia degli avvenimenti che si susseguono, e non ci lasci soffermare, con calma, a leggere e rileggere alcune frasi, per assimilarne appieno la musicalità e la profonda umanità, per goderne sino in fondo del significato e della costruzione.
In definitiva “Il purgatorio dell’Angelo” è, come al solito, un bel pezzo di letteratura la cui unica pecca è rappresentata dal fatto che le storie personali dei protagonisti sono ormai divenute preponderanti sul resto delle vicende. Quindi risulta assai difficile, se non impossibile, ad un neofita, apprezzarne la trama quando non si è ancora entrati appieno nel mondo del Commissario Ricciardi. Ma per gli aficionados è un piacere che si vorrebbe protrarre ancora a lungo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Ovviamente a chi ha letto i precedenti romanzi della serie, ma in genere a tutti perché la purezza dello stile è un piacere in sé. Tuttavia va tenuto presente che gli antefatti, pur se periodicamente ricordati, pesano grandemente sulla comprensione di reazioni e comportamenti dei protagonisti.
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore

Commenti

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima notte di Aurora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli affamati e i sazi
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Pietro e Paolo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Macchine come me
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Il silenzio delle ragazze
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il grande romanzo dei Vangeli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un dolore così dolce
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Dodici rose a Settembre
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
La ragazza che doveva morire. Millennium 6
Valutazione Utenti
 
2.8 (2)
The chain
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti di QLibri